Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Intervista con l'Artista

Associazione Culturale Siculish Via Giovanni Anzalone 14, Catania CT, Italia
Google+

L'Associazione Culturale Siculish chiede agli artisti di raccontarsi spiegando perchè fanno Arte e cosa desiderano esprimere attraverso la ricerca artistica.

Sabato 14 Giugno h21
-------------------------
Paolo Miano, cantautore catanese classe '69, al suo esordio discografico con l'album Kokorozashi, proviene dalla scena rock della Catania anni '80-'90, in cui lo trovavamo impegnato alla voce in gruppi quali gli Anderson Council (rock-blues, psichedelia, hard-rock), i Nervous Breakdown (hard-rock, rock-blues), gli Uncle Fester (alternative-noise) e i Brainwork.

Dopo un lungo periodo di pausa, torna sulle scene musicali nel 2006 con rinnovato entusiasmo e orizzonti musicali più ampi, dapprima per diletto, in formazioni musicali da intrattenimento come duetti acustici o il combo rhythm'n'blues/funky Psycho Funky, e successivamente con l'intenzione di mettere in piedi un progetto artistico personale in cui esprimere il suo variegato bagaglio di esperienze.

Ma con la scoperta dell'ukulele e l'incontro con il produttore Riccardo Samperi (Mario Venuti, Matteo Amantia) che viene fuori la sua reale identità artistica dalle molteplici sfaccettature, che vanno dalle influenze tropicali al pop inglese, passando dal rock americano e i ritmi mediterranei, accomunate per da un filo conduttore melodico che fa della gioia, del brio e della freschezza il suo marchio di fabbrica.

Esce nel 2012 un primo singolo, Disgelo, che attira consensi dalla critica e riscontra un discreto interesse da parte delle radio. Il singolo vince anche un contest online organizzato dall'etichetta CinicoDisincanto in collaborazione con il portale di distribuzione online Zimbalam. Inoltre arriva secondo al contest 90talent organizzato dalla radio Studio90Italia.

A fine agosto 2013 esce un secondo singolo, Come si fa, accompagnato da un divertente video che viene notato in Spagna dal promoter Roberto Mantovani, che gli propone di realizzarne una versione in spagnolo. Questo porterà Paolo ad essere trasmesso da un centinaio di emittenti radiotelevisive sul territorio iberico e ad essere ospitato negli studi del network nazionale esRadio per un'intervista e due brani dal vivo. Il video in italiano supera 27000 visualizzazioni su YouTube, quello in spagnolo addirittura le 51000. Come si fa, inoltre, vince anche un concorso per emergenti indetto da Radio Amore.

Partecipa inoltre al progetto United Artists for Water in Africa, un insieme di musicisti spagnoli ed italiani che realizzano il singolo Tus Mejores Dias, i cui proventi serviranno a finanziare lo scavo di pozzi nelle zone aride del Nordafrica e che entra nella top40 dei singoli più venduti in Spagna.

A fine 2013 esce l'album di debutto, Kokorozashi, contenente dieci canzoni, di cui tre in doppia versione italiana e inglese, tra le quali i due singoli. Il disco vede la collaborazione di ospiti di eccezione tra cui i Solis String Quartet e il gruppo vocale Acappella Swingers. Il disco sarà distribuito da Halidon a partire da febbraio 2014.


Per l'esibizione dal vivo del proprio repertorio, costituito dai brani del proprio album Kokorozashi e da alcune cover scelte e riadattate coerentemente con la propria identità artistica, Paolo Miano si presenta con una formazione flessibile, per adattarsi a contesti con diverse caratteristiche e finalità.

Partendo da un nucleo centrale costitutito da Paolo Miano stesso (voce e ukulele), Edoardo Musumeci (chitarre) e Giuseppe Furnari (tastiere), per contesti più piccoli ed intimi, come club e piccoli teatri, si propone con un set semi-unplugged comprendente 3-4 elementi (i suddetti più le percussioni ), mentre per situazioni più grosse, come piazze o grandi teatri, si proprone con una band completa, variabile da 5 (voce, chitarra, basso, tastiere e batteria) a 7 elementi (con l'aggiunta di sassofono e tromba), tutti musicisti affermati in ambito regionale e nazionale.

Veniteci a trovare
dal 14 giugno al 27 settembre 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: