Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Giovedì 5 Giugno - Teatro Rendano "Amore Sbarrato"

Teatro "Alfonso Rendano" piazza xv marzo, Cosenza CS, Italia
Google+

Oltre le sbarre c'è il teatro: i detenuti della Casa circondariale di via Popilia portano in scena al Rendano "Amore sbarrato" per la regia dell'attore Adolfo Adamo.

Per la prima volta il prossimo 5 giugno un gruppo di detenuti della casa circondariale “Sergio Cosmai” di via Popilia varcherà la soglia dell’istituto di pena per recarsi al Teatro “Rendano” per recitare, da attori, nell’atto unico “Amore sbarrato”, scritto e diretto dall’attore cosentino Adolfo Adamo. L’allestimento giunge a conclusione del laboratorio teatrale che lo stesso Adamo ha tenuto nella casa circondariale di Cosenza dallo scorso mese di marzo.

“Amore Sbarrato”, prodotto dal Comune di Cosenza - spiega nelle note di regia l’autore Adolfo Adamo - nasce dall’incontro dei detenuti con il teatro. Nell’atto unico ho cercato di riassumere il percorso laboratoriale che i ragazzi hanno affrontato. Da un approccio iniziale al non facile compito di poter recitare ed interpretare un ruolo che rimanda al classico dualismo persona/personaggio. Un viaggio metaforico in cui realtà e fantasia si intrecciano continuamente
Il palcoscenico rappresenta per tutti loro – dice ancora Adolfo Adamo - un mezzo per poter scrutare la vita con una lente d’ingrandimento. Fare teatro, anche e soprattutto nelle case circondariali, è fondamentale, perché è importante sia come opportunità che come esperienza artistica. Abbattere uno stato d’invisibilità consente così alla persona di ritrovare il filo della propria storia e di poterla raccontare.”

Ingresso libero

Veniteci a trovare
il 5 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: