Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

PARO NOIE

Officina delle Idee Corso Italia, 18, Angri SA, Italia
Google+

PARO NOIE di e con Camillo Acanfora


3 scene catapultate nella realtà e 5 monologhi onirici.

La trama
Un uomo va dal dottore. Gli comunica in continuazione dei sintomi. È talmente assillante che ogni volta viene liquidato con un « non si preoccupi ». A casa la situazione non migliora, le sue ansie sono solo trasferite su altre paure. Ha una relazione con una ragazza che lo asfissia e il suo trauma, oltre a essere procurato dallo spettro della disoccupazione, è incentivato dalla consapevolezza di dipendere dai suoi genitori.
In parallelo, prendono forma i suoi fantasmi. A parlare, a vivere le storie che racconta, sono proprio le sue para noie. Cinque racconti che sono l'emblema della sua ossessione: la mania di persecuzione, l'imposizione a trovare un posto fisso, l'incombente tragedia del crollo, la necessità di liberarsi da un rimorso e l'ipnosi, in un mondo che è più contemplato che vissuto.

Narrato con un tono umoristico, in bilico tra il grottesco e il drammatico, lo spettacolo vuole riflettere sull'alterazione del nostro stato psichico. Tutto quello che proviamo, gli attacchi di panico, le fissazioni, e in casi peggiori, le nevrosi sono sempre la causa di una nostra personale responsabilità, come se per queste patologie avessimo una particolare predisposizione? Evidentemente no. A giocare un ruolo preponderante sono i fattori economici e politici, il potere dei media di innestarci il terrore, le relazioni interpersonali che ci destabilizzano. In caso contrario, difendere la neutralità della società significherebbe accusare il proprio figlio della sua cecità nonostante fossimo stati noi ad averlo tenuto segregato per anni nella più totale oscurità.

Veniteci a trovare
il 1 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: