Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

“OCCHIO MOBILE” Lenguajes del arte cinético italiano, años 50-70

Centro Cultural de Las Condes Av. Apoquindo 6570 - Las Condes , Santiago del Cile, Regione Metropolitana di Santiago, Cile
Google+

La Corporación Cultural de Las Condes y Fundación Itaú portano per la prima volta in Cile una selezione di opere dei maggiori autori del mitico movimento d'arte cinetica italiana, compreso tra gli anni 1950 e 1970, partendo da Bruno Munari fino ad artisti ancora in vita. Il progetto realizzato a Roma da Glocal Project Consulting in collaborazione con Altaroma e 10 A.M. Art.

L'esposizione - presenterà parallelamente nel Centro Cultural Las Condes y en Espacio ArteAbierto de Fundación Itaú- anche l'esposizione di 10 vestiti dell'epoca del famoso stilista Fausto Sarli.

Una selezione di opere degli artisti di spicco dell'arte cinetica italiana, insieme ad una selezioni di 10 vestiti della Maison Sarli, arrivano in Cile grazie allo sforzo congiunto della Fondación Itaú e la Corporación Cultural de Las Condes, Altaroma e Maison Sarli.

L'esposizione OCCHIO MOBILE. Linguaggi dell'arte cinetica italiana, anni 50-70 si inaugura il 4 di giugno e resterà fino al 27 Luglio, nelle sale del Centro Cultural de Las Condes, anche grazie al sostegno dell'Ambasciata Italiana a Santiago, dell'Istituto Italiano di Cultura, Enel Green Power ed Enersis.
La grande alleanza culturale tra Fondazione Itaú e la Corporación Cultural de Las Condes ha permesso fino ad oggi di poter ammirare esposizioni internazionali tanto importanti come "La punta dell'iceberg", con disegni di Francis Bacon (2011), "Rembrandt, impressioni di un genio" (2012); "Di Rubens a Van Dyck", 2013, e recentemente "Dürer. Maestro del Rinascimento in Cile."
OCCHIO MOBILE, mostrera al pubblico attraverso 50 opere, composte da pittura, collage, video, sculture ed altri oggetti realizzati dagli artisti chiave dell'arte ottico e cinetico italiano, partendo da Bruno Munari, precursore delle investigazioni sulla percezione ed precursore indiscusso del design e della didattica, fino ad artisti che condivisero la scena locale attraverso raggruppamenti o in forma individuale come Gianni Colombo ed altri membri del Gruppo T (Giovanni Anceschi, Davide Boriani, Gabriele De Vecchi, Grazia Varisco).
Boris Buvinic, vicepresidente della Fondazione Itaú, afferma che "si esporranno importanti opere che permetteranno la comprensione del movimento che oggi vive un'interessante rinascita anche grazie alle nuove generazioni di artisti."
A sua volta, Francisco Javier Court, direttore della Corporación Cultural de Las Condes aggiunge che "questa mostra rende omaggio a questo movimento, uno dei più importanti e seri della storia, e come oggi sia stato rivalutato. Attualmente, i giovani lo sentono vicino e molto vigente, dimostrando che questo fu un movimento ha preceduto i tempi contemporanei."
Un'altra delle novità di OCCHIO MOBILE è l'esposizione di una selezione di dieci vestiti del Maestro Fausto Sarli che mostra al pubblico le connessioni tra arte e moda, con creazioni che mostrano le sperimentazioni di quegli anni.
Nella stessa cornice dell'esposizione e con la collaborazione dell'Istituto Italiano di Cultura, si realizzerà nel Corporación Cultural de Las Condes un ciclo di cinema italiano dagli anni '50 agli anni '70, con emblematici film di Federico Fellini, Ettore Scola, Luchino Visconti e Pier Paolo Pasolini. Parallelamente ci sarà una attività didattica per bambini, che sarà realizzata dall'insegnante Paula Salas, e visite guidate tutti i sabati e domeniche.

Arte in movimento

Originato in Europa negli anni '30 del secolo scorso, l'arte cinetica esce alla ribalta nel 1955 con l'esposizione Le mouvement a Parigi, dove parteciperanno Alexander Calder, Marcel Duchamp, Jesús Soto e Víctor Vasarely. Più avanti, si crea in Italia l'arte programmata che aggiunge alla poetica del cinetismo un programma di calcolo che permette la variazione formale e cromatica delle sequenze rappresentate. Questo sarà un passo definitivo per il consolidamento del genere e la sua irradiazione in tutto il mondo occidentale.
Gli artisti italiani di allora producono oggetti cinetici che per la prima volta possono essere manipolati, con intervento manuale o meccanico, oppure opere che danno l'impressione di movimento secondo il punto di vista di chi li osserva. L'arte cinetica oltrepassa le arti plastiche ed irrompe nel cinema, la moda, l'arredamento e tutto quello che ha a che vedere con la visione. Arriva all' auge tra gli anni '50 e gli anni '70, ciononostante oggi vive un re apogeo e si rivaluta a livello formale e commerciale.
Per la curatrice Micol Di Veroli, l'arte programmato e cinetico italiano "nasce con l'obiettivo da opporsi alle composizioni fisse e definitive, ottenendo, in questo modo, un insieme mutabile tanto fisica come concettualmente. Questo produce opere aperte e programmate, dove gli elementi si organizzano in accordo ad un'ipotesi predestinata.

Questa programmazione è a sua volta libera, dato che prevede una trasformazione ed un spostamento che possono realizzarsi più o meno dentro un quadro temporaneo imprevedibile con varianti parzialmente controllate dall'autore. L'arte cinetica e programmata considera allora la realtà come continuo divenire di fenomeni che l'essere umano percepisce nella sua variazione."

OCCHIO MOBILE
Lenguajes del arte cinético italiano, años 50-70
4 de junio al 27 de julio de 2014

Centro Cultural Las Condes
Apoquindo 6570
2 896 9800
Martes a domingo, 10:30 a 19:00 horas
Espacio ArteAbierto
Fundación Itaú
Apoquindo 3457
Lunes a viernes, 9:00 a 14:00 horas
Entrada liberada

Veniteci a trovare
il 4 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: