Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

“ITINERARI NEI LABIRINTI DEL MITO” Giorgio De Chirico - Gerico - Ciro Palumbo

Castello Di Voghera Voghera PV, Italia
Google+

Dal 24 Maggio al 15 Giugno 2014
Inaugurazione Sabato 24 Maggio alle ore 16.30

Il Castello Visconteo, forse il monumento cittadino più rappresentativo, è stato scelto per accogliere nelle sale del Piano Nobile la grande ed importante mostra di circa 80 opere di tendenza “Futurista- Metafisica” dei pittori: Giorgio de Chirico, Gerico e Ciro Palumbo. La mostra è fortemente voluta dal Comune di Voghera - Assessorato alla Cultura nella persona della Dott.ssa Marina Azzaretti, in attesa di riaprire a settembre i battenti su una nuova edizione della kermesse 'Iria Castle Festival', percorso che dalla prima riapertura al pubblico nel 2010 ha avuto un susseguirsi di successi per la nostra città.
L’evento ha l'intento di condurre l'osservatore in un viaggio che supera l'apparenza fisica, oltrepassando l'esperienza sensibile e approdando in una realtà onirica dove l'immaginazione si mescola con elementi della vita quotidiana, capovolgendone il significato. La “Metafisica” presenta un mondo di armoniosi contrasti dati dall'improvvisa apparizione di oggetti tipici in luoghi atipici, in un ambiente senza tempo e senza spazio, dove il sogno travalica ogni schematismo e preconcetto, cogliendo la vera essenza della realtà. La giustificazione teorica della pittura metafisica è riscontrabile nella teoria di Schopenhauer sulle apparizioni, secondo la quale l'immagine del sogno susciterebbe desiderio e sorpresa, manifestandosi da un lato al dormiente con la sua realtà, dall'altro oltrepassando le umane possibilità di azione in lui latenti.
L'esposizione permetterà di apprezzare il simbolismo visionario di tre grandi artisti:

“LA FABBRICA DEI SOGNI”: 30 opere originali mostreranno l'impressione onirica del padre della Metafisica, Giorgio De Chirico (Volos, Grecia, 1888 - Roma, 1978). Nel 1906 l'artista si trasferì a studiare in Germania a Monaco, dove venne a contatto con la cultura tedesca più viva del momento. Si interessò alla filosofia di alcuni autori quali Nietzsche e Schopenhauer.
Nel 1916, all’ospedale militare di Ferrara, De Chirico incontrò Carrà, ed insieme elaborarono la teoria della pittura metafisica. Il termine metafisica nasce come allusione ad una realtà diversa che supera la concretezza del mondo visibile e rivela un nuovo aspetto sorprendente degli oggetti e degli spazi. In tal modo le cose che conosciamo prendono l’aspetto di enigmi, di misteri, di segreti inspiegabili.

“OVIDIO IN DANTE”: 21 opere presentano l'estro di Gerico, pseudonimo di Geri Piero, nato a Somma Lombardo (Varese) il 13 giugno 1946. Autodidatta, nel 1968, inaugura la sua carriera pittorica con “Prove tecniche di trasmissione”. Dagli anni 70 fino al 1981 la sua creatività è condizionata dal profondo interesse per i rapporti esistenti tra la Natura, l'uomo e la macchina; ricerca che si conclude con una grande esposizione nella galleria “Rotta” a Genova. Negli anni successivi la sua pittura cambia soggetti e si sofferma sulla ripresa scenografica di brani di pittura antica. In quaranta anni di lavoro Gerico ha presentato ottanta personali e numerose partecipazioni in Italia e all'estero. Attualmente vive e lavora a Voghera.

“LA NARRAZIONE DI UN’AFFINITA’ ELETTIVA”: 23 opere di Ciro Palumbo reinventano i fondamenti della Metafisica in un modo personale e originale. L'autore nasce a Zurigo nel 1965. Le sue opere rappresentano un peculiare tributo al mondo onirico, immaginario, surreale che anima le nostre menti e agita il nostro spirito. Palumbo annovera al proprio attivo un centinaio di mostre personali già a partire dal 1994 e molti riconoscimenti per il suo impegno artistico, tra cui può vantare la presenza all'interno della collezione della fondazione “Credito Bergamasco” e presso la “Civica Galleria di Arte Moderna G. Sciortino” a Monreale (PA). Attualmente lavora a Torino presso il suo atelier.

La mostra sarà corredata da un catalogo (72 pagine, formato A/4 tirato in circa 1.000 copie) che conterrà tutte le opere in mostra e la biografia degli autori. La visibilità dell’evento sarà data da 300 locandine, 100 manifesti, striscioni e banner, 3.000 cartoline, inviti personali e comunicati sui media pubblicizzanti l'evento. Date le esperienze delle precedenti edizioni e alla concomitanza della Fiera dell’Ascensione, alla mostra, con ingresso gratuito, sono previsti oltre 3.000 visitatori.

Mostra: 24 maggio - 15 giugno 2014
Castello Visconteo Piano Nobile - Piazza della Liberazione Voghera
Inaugurazione: Castello Visconteo - Sabato 24 Maggio ore 16,30
Apertura: 25, 29 maggio ore 9-12 / 15,30-18,30
30, 31 maggio, ore 9-18,30
1, 2 giugno ore 9-18,30
8, 9, 14, 15 giugno ore 9-12 / 15,30-18,30
Ingresso gratuito

Progetto e coordinamento:
- Dott.ssa Marina Azzaretti

Organizzazione e cura:
- Arnaldo Calanca
- Guido Colla


Gerenze:
- Comune di Voghera
- Assessorato alla Cultura

Si ringrazia:
- Fondazione Cariplo
- Fondazione Comunitaria

Con la collaborazione:
- ASM SPA - Servizi
- ART Action - Studio d’Arte
- SPAZIO 53
- Voghera Ristorazione

Con il contributo di:
- Banca Popolare di Milano
- Metra - Doorcenter
- Forma Srl
- Lions Club Voghera Host
- Matti Srl
- Naturalmente Casa
- PhaseRem - Store
- Vodafone - Voghera

Veniteci a trovare
dal 24 maggio al 25 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: