Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Cerco un paese innocente - spettacolo teatrale

Teatro Momo Mestre, Venezia, Italia
Google+

di Carola Minincleri e José Manuel Diaz Luzardo
con Manuela Biasi, Marco De Rossi, Isotta Esposito, Isabella Piarotto ed Alice Scattolin
regia Carola Minincleri e José Manuel Diaz Luzardo
produzione XV – le Quinze

Cerco un paese innocente partecipa in concorso alla rassegna teatrale - Piccoli Palcoscenici - presso il Teatro Momo di Mestre.

31 dicembre 2115, l'ultima alba della storia. È la fine del mondo.
Un flash da un futuro non troppo remoto e che vorremmo evitare.
Poi un salto spaziotemporale, primavera 2015, nel futuro prossimo, nell'anticamera di una sala parto, e il flashback su un concepimento avvenuto senza amore, per errore e per calcolo in un parco pubblico sotto l'occhio della webcam di un Ipad, il 24 giugno 2014 a cinque minuti dal fischio d'inizio di Italia-Uruguay ai Mondiali del Brasile.
E poi via, in un viaggio a ritroso nel tempo, esplorando conflitti e momenti di tensione, attraverso le ispirazioni offerte dalla storia: 21 marzo 1980 - boicottaggio dei Giochi Olimpici di Mosca durante la Guerra Fredda, 1. settembre 1939 - scoppio della Seconda Guerra Mondiale, 18 settembre 1938 - promulgazione delle Leggi Razziali, 28 ottobre 1922 - Marcia su Roma, 24 maggio 1915 - l'Italia entra in Guerra, nella Prima Guerra Mondiale.
“In tutta la storia ci sono sempre state delle guerre per cui continueranno a esserci, si dice. Ma perché ripetere la vecchia storia? Perché non cercare di cominciarne una nuova?” scrive Tiziano Terzani in “Lettere contro la guerra”, cui questo testo dalle aspirazioni antiretoriche vuole porgere i suoi omaggi. Un omaggio alla forza con cui Terzani identifica l'incapacità di sentirsi gli uni uguali agli altri degli esseri umani come prima fonte del dolore e, in avvicinamento alla celebrazione del Centenario della Prima Guerra Mondiale, un omaggio alla potenza con cui promuove una nuova cultura di pace, unica lungimirante risposta ai conflitti planetari.
Poiché “le guerre cominciano nella mente degli uomini ed è nella mente degli uomini che bisogna costruire la difesa della pace”, come recita lo stesso preambolo della Costituzione dell'UNESCO.

Immagine dell'evento Facebook: omaggio a Damien Hirst


le Quinze
laboratori teatrali e life coaching creativo per ragazzi e adulti a Mestre
tel. 3483390860 – info@lequinze.it

Veniteci a trovare
il 4 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: