Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

IL TRENO VA A MOSCA al CINEMA BELTRADE venerdì 30 maggio SERA

Cinema Beltrade Via Nino Oxilia 10, Milano, Italia
Google+

il Cinema Beltrade, grazie a Cinecittà Istituto Luce e e Kiné film, è lieto di presentare da giovedì 29 maggio

●●● IL TRENO VA A MOSCA ●●●

●v● venerdì 30 maggio dalle ore 21.30
proiezione del film e incontro con gli autori
partecipa anche Nicola Falcinella

● sabato 31 maggio > h 16.45 e 20.10
● lunedì 2 giugno > h 19
● martedì 3 giugno > h 18.50

continua...

# # #

IL TRENO VA A MOSCA
di Federico Ferrone e Michele Manzolini
con Sauro Ravaglia | Italia, 2013 - 70 minuti

La fine di un mondo attraverso lo sguardo e i filmati 8mm del barbiere comunista Sauro Ravaglia.
E’ il 1957 ad Alfonsine, uno dei tanti paesini della Romagna “rossa” distrutti dalla guerra.
Sauro e i suoi amici sognano un mondo di pace, fratellanza, uguaglianza: sognano l’Unione Sovietica. Arriva l’occasione di una vita: visitare Mosca durante il Festival mondiale della gioventù socialista.
Sauro e compagni si armano di cinepresa per filmare il grande viaggio.
Ma cosa succede quando si parte per filmare l’utopia e ci si trova di fronte la realtà?

L'utopia socialista può essere oggetto esclusivamente di nostalgia, noia o repulsione? IL TRENO VA A MOSCA smentisce questo luogo comune. Il film rivive una parabola di ideali, sogni, delusioni e militanza nonostante tutto mai sopita che non si limita a mettere in scena la memoria, ma crea un legame tra il passato e il presente.

trailer: https://www.youtube.com/watch?v=A0myNu2rxYU

# # #

Un poema lirico, visivo, musicale, politico, umano, esistenziale, storico, comico, struggente su cosa voleva dire il comunismo italiano e su cosa era l’Italia negli anni’50.
Paolo Virzì


Una ‘fetta’ di vita vera che riprende vita grazie al cinema, ben più autentica e toccante di qualsiasi immagine ricostruita.
Paolo Mereghetti

La storia del Sogno Sovietico che molti comunisti italiani hanno coltivato, dandogli una potenza che in certi momenti, e per certe persone, ha sfidato quella del Sogno Americano (…) Il treno va a Mosca racconta una Russia che non c’è mai stata e un’Italia che non c’è più.
Alberto Crespi

Un lavoro prezioso, lucido e commovente che riesce a trasmettere emozioni praticamente impossibili da suscitare con un prodotto di finzione

Andrea Chimento

# # #

Per Sauro, come per molti della sua generazione, l’utopia non era solo un’idea politica ma una prospettiva che quasi si poteva toccare con mano. Per noi che siamo cresciuti in un’epoca in cui non si sogna più una società ideale, fare un film come questo è un tentativo di far riaffiorare quel desiderio di utopia che, anche solo per motivi anagrafici, non abbiamo mai sentito come nostro.

Per farlo abbiamo scelto due assi portanti: i filmati 8mm ineditiche Sauro e i suoi compagni Enzo Pasi e Luigi Pattuelli hanno girato a partire dagli anni ’50 (conservati presso Home Movies – Archivio Nazionale del Film di Famiglia) e il racconto dello stesso protagonista oggi.

I film amatoriali sono uno sguardo unico su un’epoca, un occhio soggettivo che vale più di qualsiasi ripensamento o smentita successiva. Il film è il risultato di un lavoro di montaggio e rielaborazione, visiva e sonora, di oltre tre anni.

Abbiamo cercato di rispettare lo sguardo originario costruendo però una narrazione più fluida e stratificata, trasfigurando a volte gli 8mm laddove la narrazione lo richiedeva e recuperando registrazioni e documenti sonori dell’epoca.

L’idea era quella di raccontare la nascita e la morte del grande sogno comunista in Italia affidandosi molto di più allo sguardo di un tempo che alle parole di oggi.

La traiettoria di Sauro è una parabola eccezionale della militanza, dall’utopia alla sua fine, oltre che un racconto di formazione. Eccezionale soprattutto perché la disillusione, per lui, non è stata un motivo di ritrattare gli ideali con cui è cresciuto bensì un momento di passaggio e di maturazione, trasformatosi poi in uno stimolo a continuare a viaggiare, cosa che ha fatto per tutta la vita.

Con lo stesso materiale si sarebbero potute raccontare centinaia di storie con centinaia di punti di vista diversi. Abbiamo però la convinzione di aver fatto, se non il film migliore possibile, quello più vicino alla nostra sensibilità e, al tempo stesso, fedele alla visione del mondo dei protagonisti.

Federico Ferrone e Michele Manzolini

# # # #

intero € 6,50 - ridotto € 5,00
tessera 6 ingressi 4 mesi € 24,00

vuoi essere sicura di trovare posto?
ne vuoi essere certo? prenota@cinemabeltrade.net

la prenotazione è gratuita
il biglietto va ritirato entro 15 minuti dall'inizio

# # # #

info@cinemabeltrade.net
02.26820592
02.95339774
348.2666090

# # # #

Cinema Beltrade
via Oxilia 10 (M1 Pasteur - Tram 1 p.zza Morbegno) Milano

Veniteci a trovare
dal 31 maggio al 4 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: