Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

SCHELETRI URBANI - Francesca Pisano

Portico340 Via Tribunali 340, Napoli, Italia
Google+

Questo progetto di ricerca nasce nel 2011, indagando su diversi
ideal-tipo di luoghi abbandonati presenti sul territorio napoletano, che saranno qui designati come scheletri urbani.

La scelta di questa analogia con lo scheletro trova la sua ragion d’essere nell’ immediatezza con cui questo concetto rimanda a quello di struttura: lo scheletro degli uomini, come quello degli animali o degli edifici, è la struttura di sostegno e di protezione al resto del corpo. Inoltre, lo scheletro non è visibile all’ occhio umano.

Questi edifici urbani ridotti all’osso, alla loro parte scheletrica, testimoniano uno sventramento della città, una mancanza, sono “cadaveri” di un territorio urbano dilaniato.

Sono edifici morti nell’abbandono e nel degrado, proprio come un corpo umano senza vita.

Si affacciano sul nostro paesaggio i mostri di cemento che sembrano non soffrire né il freddo né il caldo. Immobili e fermi impongono la loro presenza. Monumenti del paradosso dell’uomo post-moderno, essi sono il riflesso del degrado interiore di una società in continua corsa che, per eccesso di spazio e di tempo, non riesce più a fermarsi.

Sono le carcasse ereditate dalle grandi rivoluzioni industriali, il risultato dei processi di razionalizzazione e secolarizzazione, progettati in base al principio dell’utilità della macchina e dell’efficienza. Ad oggi le nostre città sono sempre più affette da un horror-vacui di edifici enormi in disuso, luoghi di oblio che sventrano il paesaggio, divengono atemporali e privi di senso. Spogliati della loro funzione originaria simboleggiano un ricordo per chi le ha vissuti, ma non hanno storia per chi li guarda senza sapere cosa fossero stati prima.


Francesca Pisano nasce a Napoli 08/09/1989
Laureata in Sociologia alla Federico II di Napoli nel 2012, attualmente iscritta al biennio di fotografia presso l'Accademia di Belle Arti di Napoli.
Il focus della sua ricerca visiva è orientato al reportage sociale.

contatti: francescapisanoph@gmail.com

Vernissage Venerdì 30 Maggio alle 20.30
Ingresso libero

Veniteci a trovare
dal 30 maggio al 5 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: