Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Performance teatrale in pillole di "INGANNI le Bugie della Storia"

Bologna Via De Pepoli 1/a Associazione Culturale Menomale Via De Pepoli 1/a , Bologna, Italia
Google+

PERFORMANCE IN PILLOLE DELLO SPETTACOLO TEATRALE
“INGANNI LE BUGIE DELLA STORIA”
Scritto diretto e interpretato da
CARLO A. MARTIGLI
Regia e musiche RiCCARDO MARONGIU

INGANNI è uno spettacolo che nasce dalle innumerevoli ricerche storiche che Carlo A. Martigli ha condotto negli anni e che sono ancora la base del rigore storico ampiamente riconosciuto dei suoi romanzi.
Nelle sue conferenze, Martigli ha spesso inserito, a titolo di curiosità, alcuni accenni sui risultati di queste indagini, suscitando stupore, divertimento e interesse al tempo stesso. Sfatando luoghi comuni, divulgando realtà conosciute solo a pochi, e mettendo in dubbio con prove o indizi conoscenze consolidate nel tempo.
La passione per la verità e la curiosità scientifica sono state le linee guida che lo hanno fatto indagare, a esempio, sull’inganno di Colombo e sullo stesso nome di America, i perché della vera caccia alle streghe, il mistero relativo agli anni perduti di Gesù, sul politeismo biblico e sul mistero della scomparsa di Mitra.
E ancora, sulla vera genialità di Leonardo da Vinci, sulle misteriose raffigurazioni di ufo nella pittura rinascimentale, sul distorto significato delle parole generato dal potere, fino al moderno incantatore, il nuovo padrone del mondo, la finanza, di cui è stato un importante esponente fino a pochi anni fa, prima di andarsene via sbattendo la porta e dedicarsi esclusivamente alla scrittura.
Il tutto raccontato con quello spirito toscano, mordace e ironico, affabulatore, concreto, giocoso e sempre pronto al confonto, che caratterizza i suoi romanzi e la sua stessa vita.
Attraverso stupore e divertimento, INGANNI è una continua scoperta delle falsità che i poteri costituiti hanno costruito nei secoli, e forse anche una chiave per comprendere quelle attuali.

Carlo A. Martigli è noto al grande pubblico per i suoi romanzi best seller mondiali come 999 L'Ultimo Custode e L'Eretico. Ma non sono da dimenticare i suoi trascorsi cinematografici e soprattutto teatrali. Già premiato al Festival di Pesaro come miglior attore non protagonista ne La Donna di Garbo di Goldoni, con Inganni ritorna sul palcoscenico. Un lavoro dissacrante, divertente e interessante frutto delle sue ricerche in campo storico, di cui i suoi lettori hanno già avuto alcuni assaggi in conferenze e presentazioni, e di cui sono rimasti affascinati e stupiti.

RICCARDO MARONGIU

Mi occupo di arte musicale e scenica dal 1960, con una attività mirata più alla pura espressione artistica che non al business del mondo dello spettacolo, con studi in parte accademici, in generale da autodidatta, svolti sul campo, a “bottega”.
La fortuna di collaborare con centinaia di musicisti ed artisti di diversa nazionalità e cultura, le migliaia di esibizioni live, le partecipazioni ai progetti più disparati. compreso la registrazione di oltre 70 CD di vari generi musicali, mi ha permesso di imparare da tutti qualcosa, magari poco, magari molto, che poi ho sempre messo a frutto nel mio lavoro.
Un grazie dunque a tutti quelli che nel mio percorso mi hanno fatto da maestro, con grande generosità, spesso inconsapevolmente, come dire... a loro insaputa.

Le mie esperienze in sintesi:

Autore di musiche varie, da semplici brani in forma di canzone a brani più complessi per orchestra e big-band, opere e suites, brani per piccoli gruppi e musiche per balletti, per il teatro, siti web, ed anche qualche canzone:
ll duo per clarinetto e pianoforte “Snap”, premiato nel 2009,
Le musiche per lo spettacolo “Frida Khalo”, I° premio 2002 al teatro “V.Alfieri” di Montemarciano,
Il musical “Romeo and Juliet”, premio speciale alla regia al 62° “Festival di Arte Drammatica” di Pesaro,

Direttore della “PUO - Pesaro Urbino Orchestra”
Un progetto musicale per un ensemble fomato da oltre 40 elementi (archi, legni, ottoni e ritmica) con musiche originali di mia composizione, o di repertorio da me arrangiate.

Direttore del gruppo storico “i Tamburini e le Damigelle dei Mamiani”
Formato da circa sessanta persone tra musici, danzatrici e figuranti in costume cinquecentesco, con musiche e ricostruzioni storico-teatrali di mia creazione.


Autore di due opere in costume, con libretto di G. Della Costanza, di cui ho curato anche l'allestimento e la regia:

“Romeo and Juliet”
Una riproposta della celeberrima tragedia di William Shakespeare, con musiche di sapore rinascimentale.
Rappresentata in vari allestimenti.
“l'Orlando Furioso”,
con musiche medievali-rinascimentali e contributi elettronici, dal capolavoro del Rinascimento Italiano di L.Ariosto.
Presentata al pubblico in allestimento ridotto.

Direttore artistico della rassegna di musica e poesia “Di Versi… Di Note…” che si tiene annualmente a Sant’Angelo in Lizzola (PU).

Una esperienza che mi ha lasciato il segno:
Nel 2009 più cicli di incontri di musicoterapia, con musica dal vivo, per i malati di Morbo di Alzhaimer (nei vari gradi di sviluppo della devastante malattia), presso il Centro Residenziale “Santa Colomba” di Pesaro, in collaborazione con gli psicologi del Centro.

Il canto corale
direttore del “Gruppo Corale dell’Accademia di Canto Mario del Monaco” (canto a cappella con il tradizionale movimento a quattro voci).
Da quest'anno è ripartito un coro laboratorio presso il Centro Musicale Pantano, con una ventina di partecipanti.

I miei spettacoli musical-teatrali portati in scena:


“Poeti maledetti”
I poeti maledetti attraversano tutta la storia del genere umano. Da sempre indicati a dito, vengono così nomati per la conduzione di uno stile di vita provocatorio, pericoloso, asociale e autodistruttivo, consumando alcol e droghe. Curiosi di ogni sentimento ed emozione umana redigono testi di difficile lettura, ribelli nei confronti della società ipocrita e perbenista. Liriche e le epistoli di Baudelaire, Verlaine, Rimbaud, accompagnandone il canto poetico con le “musiche maledette” del rock, romanticamente suonate da un quartetto d’archi.

“Amore che vieni, amore che vai”
Un viaggio libero nel sentimento più intenso dell’uomo, attraverso alcune delle tra le più belle poesie d’amore. Dalla poesia classica latina alla poesia italiana contemporanea seguendo il ‘piacere del testo’, tra musica ed emozione.

“On the road”
Quando, verso la metà degli anni quaranta, prese vita il movimento, non solo letterario, definito beat, nessuno si sarebbe aspettato che avrebbe modificato così radicalmente la vita, il modo stesso di fare poesia, la coscienza collettiva dell'epoca. Non fu facile, per quei ragazzi, portare avanti le loro idee, accusati come furono di oscenità e di infamie varie.

“Lasciate ogni speranza voi ch'intrate”
Letture scelte de la prima parte la quale si chiama Inferno, de la Comedia di Dante Alleghieri di Fiorenza, ne la quale tratta de le pene e punimenti de' vizi e de' meriti e premi de le virtù.

“Gioachino e il Medioevo”
Cantiones latinae su testi profani, alcune delle quali tratte dai Carmina Burana; Laudi e Intavolature dal liuto; danze vivacissime come Saltarello, Rotta, Trotto; Canzoni narrative e Brani Celtici dell’antica tradizione medievale europea. E, di più, con una serie di numeri buffi tratti dal repertorio di Gioachino Rossini.

“Far finta di essere G.”
Canzoni e monologhi tratti dagli innumerevoli spettacoli che il duo Gaber - Luporini ha creato in oltre trenta anni di attività, fustigando senza pietà potere e borghesia, destra e sinistra, ricchi e poveri, brutti e belli.

“i racconti di Sheherazade”
Lettura di racconti dalle “Mille e una notte” con musiche e danze di sapore mediorentale

“Ti ricordi Carosello”
Chi non si ricorda della mitica pubblicità che abbiamo ascoltato per più di venti anni? Jingles, motti, slogan che si cantavano sotto la doccia, che si ripetevano nei bar, usati come battute. Una parte del costume dell'Italia del dopoguerra.

“La volpe rissa el pel”
La tradizione contadina del pesarese all’inizio del novecento, tramandata nei secoli di bocca in bocca, recitata, raccontata, danzata e cantata, tratta dal libro “La Volpe Va Pel Foss e Rissa El Pel” a cura di Maria Bartolomeoli, edito dalla Pro Loco di Isola del Piano. Le musiche e le danze sono i canti popolari, gli stornelli, le pasquelle e le canzoni, in parte originali ed in parte riscritte su testi tradizionali.

La didattica:

Mi piace trasmettere le esperienze e le conoscenze acquisite negli anni, perciò tengo corsi e seminari interattivi nelle scuole musicali, dedicati soprattutto alla pratica della musica di insieme e strumentale, senza preclusione di genere musicale.

Veniteci a trovare
il 4 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: