Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

DIDJERIDOO WORKSHOP - Parco dell'Anconella, Firenze

Parco dell' Anconella Firenze, Italia
Google+

A cura di Stefano Brutti

POSTI LIMITATI - PER INFO E ADESIONI CONTATTARE IN PRIVATO O EMAIL A fasteno87@hotmail.it

Il laboratorio della durata di tre ore avrà come obiettivo quello di fornire ai partecipanti le basi per poter approcciarsi al meglio a questo strumento.

Argomenti che saranno trattati durante il laboratorio:
- Cenni storici sullo strumento
- Postura del corpo e posizione labiale
- Emissione della nota base
- Vocalizzi e armonici
- Uso della voce sulla nota base
- Spiegazione respirazione circolare
- Prime composizioni ritmiche di base

In base al livello dei partecipanti il corso potrà essere impostato su un livello più avanzato.

I partecipanti al laboratorio potranno utilizzare i propri strumenti o in alternativa saranno forniti direttamente in sede strumenti professionali con possibilità di acquisto.

Il Didjeridoo
Antico strumento a fiato (ad ancia labiale) australiano le cui origini risalgono tra i 5000 e 10000 anni fa.
Il nome didjeridoo fu attribuito dai primi coloni inglesi che sbarcarono sulla terra australiana ma tra le tribù aborigene assume diverse terminologie (Yidaki, Yiridaki, Yrkala, mago...).
Nella società occidentale la sua diffusione è relativamente recente ed è contestualizzato in molti ambiti musicali (trance, rock, jazz...) con infinite variazioni applicative e tecniche di esecuzione.
Il Didjeridoo è usato anche in meditazione e musicoterapia (anche se le sue doti terapeutiche non sono ancoro riconosciute a livello scentifico).

Stefano Brutti
Scopre il Didjeridoo nel 2006, da allora ha continuato il suo studio andando a ricercare il proprio stile. Ha frequentato corsi e workshop con i più rappresentativi artisti italiani e internazionali. Nel luglio 2012 ha suonato alla principale rassegna italiana dedicata al Didjeridoo, il Didjin'oz. Tiene corsi in Toscana e fuori regione per principianti ed avanzati.

Un ringraziamento agli amici di Cambiamusica Firenze

Veniteci a trovare
il 27 luglio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: