Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Proiezione del documentario "CASA NOSTRA" e dibattito

CSO Contrasto Via Villa Glori , Catania CT, Italia
Google+

L'emergenza abitativa in tutta Italia ormai è forte, fortissima.
Il 19 ottobre scorso Roma è stata assediata dal movimento per l'abitare che ha riempito la piazza di più di centomila persone chiedendo casa e reddito per tutt*. Gli tzunami non si contano più e se prima erano solo studentati, oggi sono interi palazzi occupati da famiglie, di migranti e non, che rispondo all'emergenza abitativa occupando sfitti. La pratica dell'azione diretta iniziata in molti casi con gli sportelli antisfratto è naturalmente sfociata in gruppi di occupanti di case sfitte, pubbliche o private.
A riconferma di come il governo riesce a leggere i segnali che vengono dalla società e dare risposte giuste e concrete, il così detto “piano casa” o “decreto Lupi”, da poco diventato legge, sceglie la via della repressione, impedendo a chi occupa delle case di richiedere la residenza (e dunque la possibilità di avere contratti di luce e acqua) e di poter chiedere un alloggio popolare per cinque anni (maggiori info su: http://aleph.noblogs.org/piano-casa-cose-e-ultimi-aggiornamenti/)
A Catania da tempo ci interroghiamo sull'emergenza abitativa, soprattutto dopo aver scoperto in cifre le mancanze del Comune e dello IACP nell'assegnazione di case popolari (http://aleph.noblogs.org/12-ottobre-blocca-gli-sfratti-occupa-gli-sfitti/) e per questo abbiamo aperto uno sportello abitativo al CSO Contrasto, CASA X TUTTI (ogni venerdì dalle 16.00 alle 18.00).
Per parlare dell'argomento, scegliamo di proiettare il documentario di Livia Parisi e Lucia Castellano “CASA NOSTRA. Come trasformare una scuola abbandonata in un condominio multietnico” che racconta la storia di un gruppo di famiglie che a Centocelle, Roma, decide di occupare una vecchia scuole per farla diventare casa propria.
In collegamento Skype, Livia Parisi (una delle autrici del documentario) e alcuni compagni dell'Alexis Occupato (ex ACEA), casa di studenti e precari in via Ostiense a Roma.

Sabato 14 giugno, ore 20.30 al CSO Contrasto

SINOSSI
(da: http://casanostradoc.wordpress.com/)

CASA NOSTRA – Documentario di Livia Parisi e Lucilla Castellano (Ita, 2014, 56′) - C’era una volta una scuola abbandonata. Ora invece ci vivono 48 famiglie e oltre 60 bambini. Si trova in via delle Acacie, a Centocelle, periferia est di Roma. I “senzatetto” che ci abitano non sono i barboni, ma lavoratori precari, studenti, immigrati e anche pensionati, che non riescono ad arrivare a fine mese. Le classi sono state trasformate in appartamenti, arredati con tanta cura da farne un’occupazione modello. Ma i senzatetto aumentano e le aule non bastano più. Per questo il Comitato popolare di Lotta per la casa, sotto la guida di Pina, da’ il via ad una mobilitazione per ottenere nuovi spazi sfitti da rendere abitabili. Dopo notti in strada con le tende e l’occupazione simbolica di una Basilica, arriva la conquista dello spazio prescelto: la scuola Hertz, in via Tuscolana 1113. Dopo averla ripulita, le aule iniziano ad assumere le sembianze di appartamenti. Intanto la pancia di Silvia continua a crescere: aspetta un bimbo. Ma occupare non è una passeggiata, tra convivenze non semplici, mancanza di intimità, poca partecipazione alle attività collettive. Così dal riso si passa facilmente alla discussione, anche questa collettiva, come lo sono le feste comandate e le celebrazioni, la più importante quella del 25 aprile. La scuola Hertz, tornata a nuova vita, conta ora 23 appartamenti e un occupante in più: a giugno 2012 nasce Denis. E mentre per le istituzioni resta “illegale”, il progetto di autocostruzione viene presentato ad un convegno presso il Parlamento Europeo, “in quanto esempio di riutilizzo di spazi abbandonati e modalità concreta per superare il problema abitativo”.

Veniteci a trovare
il 14 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: