Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

#INDIeMEN' pres. Maurizio Cattelan & Alberto Burri

Lounge Bar Le Tre Tazze Via Nazionale delle Puglie 117, Pomigliano d'Arco NA, Italia
Google+

#INDIeMEN' è fiera di invitarvi al sesto appuntamento con l'arte in collabborazione con la Collezione d'arte contemporanea Pina Antignani

►Questo giovedì presso il Lounge Bar Le Tre Tazze saranno esposte due opere di Maurizio Cattelan e Alberto Burri.
L'esposizione, curata da Giovanni Antignani, riesce a portare in esclusiva in provincia artisti di calibro internazionale.
La serata sarà accompagnata dal dj set di:
Rocco Tanjevic

MAURIZIO CATTELAN è tra gli autori più rappresentativi dello scenario artistico della seconda metà del Novecento. Inquadrare la sua arte in una corrente sarebbe riduttivo, oltre che del tutto errato. Cattelan oltrepassa il confine sterile tra arte e non arte e rompe con i concetti tradizionali di opera e di artista. Le sue operazioni non si prestano a didascalie e pedanti ricostruzioni storiche: le sue idee si danno nell’apparenza di un prodotto artistico derisorio e pungente.
È stato definito da Jonathan P. Binstock, curatore d'arte contemporanea, come «uno dei più grandi artisti post-duchampiani e un furbacchione, anche».

ALBERTO BURRI è tra le figure preminenti della corrente informale. Il suo percorso artistico, fortemente segnato dall’esperienza della Seconda Guerra Mondiale, rappresenta una netta risposta alla consacrazione della tecnica. Nell’arte di Burri non c’è vita, tutto è consunto perché è la condizione umana, per prima, ad essere deperita con la guerra. Burri sublima gli scarti di un mondo industrializzato passato con indifferenza oltre gli orrori del conflitto: se il motto del fascismo era “fiat ars, pereat mundus” allora i suoi “catrami”, i celebri cretti e,soprattutto, la serie delle “combustioni” sono la cartina da tornasole di un mondo nel quale l’arte della guerra si è dispiegata con tutta la sua forza facendo perire il mondo.

Veniteci a trovare
il 5 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: