Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

The Stickeys

Fermento Via Postumia (Co.In.Art.2), Tortona AL, Italia
Google+

Riccardo Maccabruni - Piano e voce
Tony Rotta - Batteria e percussioni

Quando si parla di blues, i musicisti che vengono più facilmente e subito in mente sono principalmente chitarristi. Ma la musica del diavolo ha infiammato anche il mondo dei tasti bianchi e neri, con grandi pianisti che hanno dato il loro prezioso contributo di imprescindibili esponenti. Se il repertorio di bluesman delle sei corde come Robert Johnson, John Lee Hooker, Elmore James viene quotidianamente riproposto sui palchi di tutto il mondo, la musica di pianisti come Otis Spann, Memphis Slim, Pinetop Perkins, Prof. Longhair, Amus Milburne, Floyd Dixon, per citarne alcuni, è più raramente rappresentata.
A farlo, ci pensano due musicisti lombardi, Riccardo Maccabruni e Tony Rotta. Il duo si è riunito, meno di un anno fa, nel nuovo progetto "Stickeys": performance scarna ed essenziale, batteria, pianoforte e voce, come suggerisce il nome del gruppo, che mette insieme le bacchette di Rotta (in inglese, appunto, "sticks"), con i tasti ("keys") di Maccabruni, per omaggiare, attraverso arrangiamenti personali e incursioni in generi diversi, il mondo, poco esplorato, del pianoforte blues.
Genere che gli Stickeys ricreano partendo dalle radici del suono di Memphis e New Orleans, per poi rimescolare le carte con tutte le contaminazioni suggerite dal momento.
Perché il concerto non è un freddo momento didattico, anzi, quel che conta è il ritmo, l'energia, la passione, l'intuizione, il feeling con il pubblico.

Sul palco del Fermento, due musicisti che conoscono bene la musica americana: Riccardo Maccabruni, infatti, è pianista specializzato in blues, country, rock e folk, influenze che ha espresso tanto nelle fila della roots rock band italiana dei Mandolin' Brothers, tanto con il quartetto Folk's Wagon e, ultimamente, anche all'interno della band del cantautore Massimo Priviero.
Tony Rotta, invece, è batterista tecnico e versatile, che spazia dal rock al blues, ma anche dal pop allo swing-jazz, passando per il cabaret e la comicità. Infatti, negli anni è stato collaboratore live e in studio di noti personaggi della musica italiana e internazionale, come Andrea Bocelli, Andy J. Forest, Greg Trooper, Johnny Kaplan e Bob Neuwirth, oltre ad essere tra i trascinatori della band American Roots & Southern Rock degli Acusticom.

Un'occasione per ballare, bere e divertirsi in cui il duo non mancherà di dare il buon esempio...

Veniteci a trovare
il 5 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: