Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Espace Tra Le Righe #3! Paolo Pasi presenta "Ho ucciso un principio. Vita e morte di Gaetano Bresci

Espace Populaire Via JC Mochet n. 7, Aosta AO, Italia
Google+

Terzo appuntamento della rassegna Espace Tra Le Righe!

Presenteremo insieme all'autore Paolo Pasi - scrittore, giornalista e redattore del tg3 - il suo ultimo libro "Ho ucciso un principio. Vita e morte di Gaetano Bresci l'anarchico che sparò al re".

A seguire Paolo, che è anche un musicista, interpreterà i suoi brani alternandoli a canzoni di Piero Ciampi e poesie di Boris Vian.

Gaetano Bresci è l’anarchico regicida che sparò a Umberto I, il trisnonno di Emanuele Filiberto di Savoia. Ma come si fa a ricostruire la storia di un uomo che le istituzioni vollero dimenticare? Un uomo che uccise un Re e la cui memoria deve essere cancellata per non diventare mito. Quel giorno a Monza non fu solo la monarchia italiana a tremare, tutti i re e le regine d’europa temerono che un uomo solo potesse decidere della vita o della morte di un monarca.

Qui il booktrailer del libro: https://www.youtube.com/watch?v=c7oP8rc8u5s

“Nell’afa di una Milano ancora intontita per le cannonate che il generale Bava Beccaris ha sparato sulla folla inerme, un tessitore anarchico di trent’anni aspetta il suo momento. È appena tornato dall’America, dove è emigrato per sfuggire alla miseria e alle persecuzioni, e ha con sé una rivoltella appena comprata a New York. Il suo obiettivo è il petto pieno di medaglie di Umberto I di Savoia, quello che la retorica monarchica chiama il Re Buono e che il popolo ha invece ribattezzato Re Mitraglia dopo i morti di Milano, e della Sicilia, e della Lunigiana… I tre colpi che Gaetano Bresci sparaal cuore del re non colpiscono solo il singolo ma anche la sacralità del suo potere. E il quarto colpo, quello non esploso, Bresci sa di averlo sparato contro se stesso. Percosse, isolamento, deprivazione sono quello che si aspetta. Forse anche l’omicidio camuffato da suicidio. Ma a Monza quella sera di luglio la mano del tessitore anarchico non trema”.

Veniteci a trovare
il 6 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: