Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Valentino Bellini - BIT ROT Project

Galleria Francesco Pantaleone Arte Contemporanea Via Vittorio Emanuele, 303, Palermo, Italia
Google+

Prosegue alla Galleria Francesco Pantaleone Arte Contemporanea di Palermo la serie di Project wall pensate come una “finestra”
aperta sui giovani artisti e rivolta alla ricerca delle connessioni, spesso affatto ovvie, tra l’arte contemporanea e i nuovi contesti in cui essa si muove.

Il compito è questa volta affidato al progetto Bit Rot di Valentino Bellini.

"Si chiama e-waste l'emergente, nuova patologia per l'ecosistema uomo-ambiente, prodotta dall'attuale fase storica del modo di produzione capitalistico.
I rifiuti elettrici ed elettronici (e-waste) rappresentano ad oggi il flusso di rifiuti in maggiore crescita nel mondo. Ogni anno ne vengono generati tra i 40 e i 50 milioni di tonnellate e secondo uno studio dell'UNEP ( United Nation Environment Program)
questo dato potrebbe crescere di circa il 500% nei prossimi dieci anni, soprattutto in quei paesi, come l'India, la Cina e alcune regioni dell’Africa, in cui l'industria tecnologica è in forte sviluppo. Si tratta di rifiuti pericolosi, i quali contengono decine di sostanze tossiche per la salute umana e l'ambiente; sono complessi da smaltire in maniera sostenibile e richiedono delle lavorazioni molto dispendiose per essere riciclati. Questo è il motivo per cui circa l'80% degli e-waste prodotti nei paesi sviluppati (Nord America ed Europa in cima alla lista) non vengono smaltiti in loco, ma vengono caricati su navi
container e spediti in paesi in via di sviluppo quasi sempre in maniera del tutto illegale, e dove, in maniera del tutto illegale, avviene il loro maltimento.
Nella sua storia di assoggettamento e sfruttamento delle risorse del pianeta, la specie umana ha sempre prodotto scarti e rifiuti come esito collaterale delle attività di produzione e consumo.
Ma è solo con l'economia cosiddetta industriale, prima, e chimica, del petrolio e della plastica, poi, che il rifiuto prodotto dall'uomo non è stato più metabolizzato e riciclato dalle forze naturali che regolano la dinamica vitale del pianeta."

Estratto da E.waste 2.0 di Gianluca Giannelli e Giorgio Griziotti




http://bitrotproject.tumblr.com/

https://www.facebook.com/BitRotProject

Veniteci a trovare
il 5 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: