Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Antonello SALIS e Sandro SATTA

Teatro Del Loto piazza Spensieri, Ferrazzano CB, Campobasso, Italia
Google+

Sabato 7 giugno
ore 21.30

Teatro del Loto e Conservatorio Perosi di Campobasso presentano

SALIS SATTA DUO

Antonello Salis piano,fisarmonica
Sandro Satta alto sax

Con la partecipazione degli allievi del Dipartimento di Jazz.

Prezzi:

Biglietto intero: 15 euro
Biglietto ridotto: 12 euro
(Studenti del Conservatorio: 10 euro)

I gruppi di 10 persone che prenoteranno chiamando al 339.77.666.34 o mandando una mail a info@teatrodelloto.it avranno il biglietto a 10 euro.

Mostrando il biglietto acquistato al Loto Bistrot si avrà diritto al 10% di sconto su tutte le consumazioni.

***

SALIS SATTA DUO

Antonello Salis piano,fisarmonica
Sandro Satta alto sax

Una delle formazioni, di questo tipo, più longeve del jazz italiano, i primi concerti risalgono alla fine degli anni settanta. In “Duo" Salis e Satta hanno partecipato a numerosi festivals in Italia ed all'estero (Germania,Francia,Svizzera,Olanda) oltre ad una frequente attività nei clubs.
Nel 2002, sono stati invitati al "Northsee jazz festival" prestigiosa rassegna che si svolge ogni anno all'Aja ed a Giugno del 2003 hanno compiuto una tournee in Canada esibendosi nell'ambito dei festivals di Montreal, Vancouver e Edmonton. In alcune occasioni la formazione si è ampliata con l'aggiunta di un batterista (Han Bennik, Billy Cobham, Ettore Fioravanti) o di un contrabbassista (Mark Dresser, Paolo Dalla Porta, Roberto Bellatalla, Riccardo Lai).
La scelta stilistica vuole essere il più possibile varia, spaziando dalla tradizione all'avanguardia ed utilizzando elementi provenienti non solo dal jazz ma anche dalla musica etnica, latina, blues e quant'altro susciti l'interesse dei due musicisti, al di fuori delle etichette.
Il repertorio è basato sia su brani originali, che su "standards" e composizioni di Mingus, Coltrane, Metheny, Monk ed altri.

Una caratteristica fondamentale della musica di questo duo è comunque l'improvvisazione, che ha la doppia funzione di raccordo fra un brano e l'altro e di sviluppo delle idee, che nascono estemporaneamente durante il concerto. L'intenzione di Satta e Salis è infatti quella di condurre la performance come una sorta di suite all'interno della quale progetto e improvvisazione si integrano reciprocamente.
Live@Radiotre; il secondo CD del duo, pubblicato nel 2001 per la Via Veneto rec. e registrato dal vivo in uno storico studio della Radio-RAI di Roma, è un esempio di come sia possibile applicare questi concetti alla musica.

Al concerto al LOTO del Duo, realizzato col Patrocinio del Conservatorio Perosi, si aggiungeranno nella seconda parte per una session finale, gli allievi del Dipartimento di Jazz dello stesso Perosi.

Sandro Satta
Nasce a Rovereto (TN) il 07/08/1955. Inizia l’attività professionale nel 1974 come sassofonista, dopo aver studiato in giovane età anche la chitarra classica e la tromba. Ha collaborato con numerosi musicisti di jazz italiani e stranieri: per citarne alcuni A.Salis, P.Fresu, B.Tommaso, Don Pullen, P.Metheny, Lester Bowie. Ha partecipato ai più importanti festival jazz in Italia(Umbria jazz, Jazz in Sardegna, Berchidda jazz, Siena jazz, Rocella Ionica ecc.) e all’estero in diversi paesi europei oltre agli USA, Canada, Giappone, India, Marocco, Australia. Ha registrato più di trenta LP e Cd in varie formazioni dal 1974 ad oggi. Partecipazioni a trasmissioni radiofoniche e televisive. Collaborazioni nell’ambito del teatro (Remondi e Caporossi, Massimo Venturiello) e della danza (R.Garrison). Ha svolto attività didattica a Roma, in diverse scuole private (Testaccio, St Louis, U.M.). Docente di jazz presso il Conservatorio di FG dal 2004 al 2006, dal 2007 al 2013 a Rodi Garganico , attualmente dirige il Dipartimento di Jazz al Perosi di Campobasso.

Antonello Salis
Classe 1950, sardo di Villamar, ha mosso i primi passi della sua carriera suonando beat e rock, tra la fine degli anni Sessanta e i primi Settanta, in vari gruppi della scena isolana dell’epoca prima di dare vita, nel 1973, col bassista Riccardo Lay e il batterista Mario Paliano al trio Cadmo: uno dei capitoli più interessanti della storia del jazz italiano dell’epoca. Trasferitosi a Roma, nel 1975, il bagaglio di esperienze si arricchisce attraverso le collaborazioni con musicisti come Massimo Urbani, Maurizio Giammarco, Tommaso Vittorini, Roberto Gatto. Ma sarà soprattutto l’incontro con Lester Bowie a segnare un’impronta profonda nel percorso dei Cadmo e del loro pianista-tastierista. Nel 1977 Antonello Salis inaugura un duo (tuttora in attività) con un altro sardo, il sassofonista Sandro Satta, l’anno dopo fa il suo debutto in piano solo, entra a far parte del Grande Elenco Musicisti diretto da Tommaso Vittorini e, nel 1979, nel quartetto di Marcello Melis, con cui suonerà per diversi anni. Si precisa così il profilo di un musicista che sa esprimersi compiutamente sia al pianoforte che alla fisarmonica (lo strumento sul quale aveva imparato da bambino i primi rudimenti musicali e che riscopre alla fine degli anni Settanta), trovando la sua dimensione ideale nel solo e in formazioni ristrette: per esempio, nel trio P.A.F. con Paolo Fresu e Furio Di Castri, in duo con il chitarrista Gérard Pansanel, con Sandro Satta, con il trombettista Fabrizio Bosso.
Il suo eclettismo lo porta a calarsi con naturalezza nei più diversi contesti: nel curriculum di Antonello Salis ecco dunque tante esperienze con i nomi di punta del jazz italiano (Enrico Rava, Paolo Fresu, Massimo Urbani, Riccardo Fassi, Paolino Dalla Porta, Rita Marcotulli, Pino Minafra) e internazionale (Evan Parker, Javier Girotto e gli Aires Tango, Anouar Brahem, Michel Portal, Lester Bowie e l’Art Ensemble Of Chicago, Don Cherry, Don Pullen, Billy Hart, Ed Blackwell, Billy Cobham, Han Bennink, Nana Vasconcelos, Cecil Taylor, Pat Metheny); ma ecco anche le collaborazioni in altri ambiti musicali (in concerto o in studio di registrazione con Pino Daniele, Ornella Vanoni, Teresa De Sio, Denovo, Paola Turci, fra gli altri), o al servizio della danza (Roberta Garrison, Teri Weikel, Alessandro Certini) e del teatro (Remondi e Caporossi, Lucia Poli, Leo De Berardinis, Remo Remotti). Riflesso di tanti impegni, un lungo elenco di partecipazioni a festival nazionali e internazionali e un palmarès ricco di riconoscimenti: il premio Django d’or 2005 per l’Italia come musicista affermato, il Premio alla carriera all’European Jazz Expo 2008 di Cagliari, il Top Jazz 2008 come miglior strumentista alle tastiere-piano-fisarmonica e, l’anno dopo, per il miglior disco, Stunt, con Fabrizio Bosso.

Prevendite:
Campobasso: Libreria Cb Mondadori, Via Pietrunto - Doo-Bop sounds & visions, Via xxv Aprile
Bojano: Associazione Musicale Il Pentagramma, Via Dei Frentani

Info/prenotazioni: 339.77.666.34 - 0875.18.657.93
mailto: info@teatrodelloto.it - amateatro@yahoo.it1

Veniteci a trovare
il 7 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: