Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

➜CLARA SALVO e MATILDE POLITI in concerto ➜BANDINI concept / bar Giov5Giug

Bcomebandini Via Beatrice, 1, Trapani TP, Italia
Google+

BANDINI Concept / Bar & Terrana's Elezioni Musicali
:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
::::::::::::::::::::::::::::::Presentano:::::::::::::::::::::::::::::::::::
:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
::::::.::★CLARA SALVO e MATILDE POLITI★::::::
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::..:::::::::::::::::::::::::::::
::::::::::::::::::::::::::::::IN CONCERTO::::::::::::::::::
:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
:::::::::::::::::::::::::START ORE 22:00::::::::::::::::::::
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Clara: chitarra voce
Matilde: idem


AMORE,AMORE,AMORE. . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
“Non haiu pena no ca mi lassasti
La pena fu la to ca mi pirdisti”
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

➜Riprendendo la tradizione dei Cantastorie Siciliani, Clara Salvo e Matilde Politi, condurranno lo spettatore in un viaggio attraverso il repertorio dei canti tradizionali siciliani. Accompagnandosi con una chitarra, canteranno d'amore, raccontandone alcune sfaccettature.


➜Matilde Politi, nata a Palermo, laureata in Antropologia Culturale alla Sapienza di Roma nel 1999, lavora tra musica e teatro dal 1992.
La sua formazione teatrale avviene soprattutto presso la Fondazione Pontedera Teatro (1995-96), nell’ambito dunque del teatro di ricerca; lavora negli anni in numerose produzioni teatrali, come attrice, cantante e musicista, nonchè come creatrice delle parti musicali degli spettacoli e come trainer vocale degli attori.
Gli studi musicali cominciano nel 1985 con lo studio del pianoforte e solfeggio, per passare poi da autodidatta allo studio della chitarra, della fisarmonica e del canto dal 1990.
Durante gli anni porta avanti un percorso di autoformazione, attraverso seminari e workshop di varia natura sul canto (Giovanna Marini, La Reverdie, Workcenter of Jerzy Grotowski and Thomas Richards, etc), affiancati da un costante lavoro di ricerca e sperimentazione, e da una intensa attività di concerti da strada, con repertorio folk americano, spagnolo e siciliano.
Dal 2000 sceglie di dedicarsi esclusivamente al lavoro di ricerca sul repertorio di tradizione orale siciliano, ricerca che si allarga costantemente al riferimento alle musiche tradizionali di area mediterranea; da allora, come cantante, accompagnandosi con chitarra, fisarmonica e tamburello, ha suonato in tante piazze grandi e piccole della Sicilia e d'Italia, partecipato a numerosi festival di musica popolare, anche all’estero (Spagna, Svizzera, Tunisia), come interprete del canto monodico di tradizione orale siciliano, con la missione di riportare alla "popolarità" brani scomparsi dal paesaggio sonoro contemporaneo.
Ha dato vita, contribuito o partecipato a diversi gruppi, sia nel teatro che nella musica, realizzando collaborazioni artistiche con artisti locali e stranieri di area non solo etnico-popolare, ma anche jazz e contemporanea, cantautorale, e classica. Dal dicembre 2003 porta avanti a Palermo e in Sicilia una attività di ricerca e monitoraggio delle tradizioni locali siciliane e palermitane in particolare, affiancata da una serie di progetti finalizzati alla valorizzazione, alla condivisione e diffusione della musica popolare.
Nel 2009 è stata insignita del premio “Rosa Balistreri e Alberto Favara”.
Può contare numerose partecipazioni discografiche (“FILI DI RAFIA” -Level,2000- e “BORA” -Music Eyes,2006- del cantautore Guido Politi; “VUCCIRIA.ORG” e “ALAVÒ. LA SICILIA NEI CANTI DELLA NACA”, entrambi produzioni Comune di Palermo/Teatro del sole 2006; “SICILIAE - ANTOLOGIA DELLA MUSICA SICILIANA” –Deja Vu Definitive Gold _2006; “BUON COMPLEANNO ROSA” -Teatro del sole 2007; “DI QUESTA TERRA FACCIAMONE UN GIARDINO. Tributo a Pino Veneziano.” - Coppola Editore 2009I), ed ha al suo attivo tre album:
- “SUGNARI” - Trio Ma’arìa (Valeria Cimò/Zsivkov Lajos/Matilde Politi) Folkclub Ethnosuoni 2007
- “A TIRANNIA - Canti Politici e Storici del popolo in Sicilia”, Teatro Del Sole 2007
- “MATILDE POLITI - Si eseguono riparazioni dell’anima ”, produzione ArcimiccicA 2008 / ”FOLK SONGS FROM SICILY” Matilde Politi, Arc Music 2009

➜Clara Salvo
Il suo percorso artistico e intellettuale viene profondamente segnato dall’incontro, durante la sua adolescenza, con Rosa Balistreri, con cui Clara Salvo ha modo di sperimentarsi nell’interpretazione canora della tradizione siciliana, alla ricerca della sua voce e dei suoi ideali.
Negli anni Settanta, da Trapani, la sua città natale, Clara si trasferisce a Palermo.
Il grande fermento politico e culturale del tempo nutre e appassiona l’animo dell’artista: Clara si dedica a profonde ricerche nell’ambito della cultura popolare per il Folkstudio di Palermo, collaborando tra il 1974 ed il 1978 con le cattedre di Antropologia Culturale (prof. Antonino Buttitta) e Tradizioni Popolari (prof. Elsa Guggino) dell’Università Degli Studi di Palermo.
Contemporaneamente, all’interno del gruppo “Canzoniere popolare di Palermo” dà voce a gli ideali della contestazione di quel periodo, insieme a Enrico Stassi, Gaspare Perricone e Francesca Martino, suonando in svariate piazze della Sicilia.
Tornata a Trapani, da lei stessa definita la città del vento, dal 1983 si occupa di gastronomia tradizionale presso il suo locale Itrabinis, con la stessa intensità e con la stessa passione della sua voce, capace di dare forma e sostanza ai sentimenti, esprimendone e svelandone il sapore intrinseco.
Nel 2006, in occasione del progetto “ALAVO, La Sicilia nei canti della naca”, sotto la direzione artistica di Etta Scollo riprende a cantare.
In seguito partecipa a:
-VUCCIRIA, sonorità popolari contemporanee, Palermo aprile 2007
-Buon compleanno Rosa-Auditorium della RAI di Palermo, 21-03-2008, con il chitarrista Jack Papa
-SUMMERTIME - Teatro Massimo di Palermo – 12-04-2008
-Musiche Migranti per la facoltà di lingue e letterature di Catania 15-04-2008
-Premio Pino Veneziano 2008, Selinunte (Trapani)
-Estate a Cappello 2009, Associazione Malaussene, Piazzetta Resuttana, Palermo
-Rapsodia Sambiase n°3 2009, Sambiase, Lamezia Terme
-Premio Pino Veneziano 2009, Selinunte (Trapani)
Discografia:
“ALAVÒ. LA SICILIA NEI CANTI DELLA NACA”, Comune di Palermo/Teatro del sole 2006;
“BUON COMPLEANNO ROSA” -Teatro del sole 2007;
“DI QUESTA TERRA FACCIAMONE UN GIARDINO. Tributo a Pino Veneziano.” - Coppola Editore 2009.
E stata insignita del premio “Rosa Balistreri e Alberto Favara” 2009

Veniteci a trovare
il 5 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: