Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

The new means of the visual correspondence

BQ PUB Alzaia Naviglio Grande, 62, Milano, Italia
Google+

The new means of the visual correspondence


Artisti in mostra:
Adi Haxhiaj
Viola Leddi
Chiara Licata
Roberto Maggioni
Laura Inga Migani Dengel
Enzo Modolo
Pablo Muñoz Montaner


Il nuovo mezzo postale, era stato presentato dal suo creatore Hermann Emmanuel nel 1869, con l’articolo su un giornale austriaco dal nome, “Über eine neue Art des Korrespondenzmittels der Post”, poi pubblicato su un giornale britannico come, “About novel means of the postal correspondance”.

The new means of the visual corrispondence, nasce dalla necessità di rappresentare quel viaggio che compie la cartolina, quello che per Derrida rappresenta la parte importante di questa. Il viaggio che essa compie, passando dalle mani del mittente fino a quelle del destinatario, il suo messaggio non muta, una volta arrivata a destinazione, questa perde il suo valore.

Le opere degli artisti non compiono un viaggio fisico, ma è il passaggio che il ricordo compie tramite l’opera, rimanendo quello inizialmente creato dall’artista, fino a quando non viene accolto dall’osservatore, che ne modifica il significato o ne crea uno completamente nuovo.

I ricordi sia degli artisti che dei visitatori non risiedono in un luogo bianco e pulito, cosi il concetto viene rafforzato dalla location. Il pub (luogo d’incontri e spesso di scambi di storie di vita vissuta) oltre ad invitare a raccontarci, rappresenta quel luogo caotico e in continuo movimento dove risiedono i nostri ricordi.

Le opere decontestualizzate si devono aprire un varco tra gli oggetti che compongono l’ambiente, il fruitore deve isolare l’opera per poter accoglierla pienamente. Cosi da portare a termine quel viaggio iniziato dal ricordo dell’artista, cosi come la cartolina, nella quale il suo contenuto svanisce alla dine del viaggio, le opere troveranno una nuova vita davanti all’osservatore.

a cura di: Silvio Espinoza
Bq pub, alzaia del naviglio grande, 62.

innagurazione mercoledi 11, ore 18

Veniteci a trovare
il 11 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: