Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

UN ILLUMINISTA A CERCOLA

Relais Villa Buonanno viale buonanno 10, Cercola NA, Italia
Google+

INVITO AL
CONVEGNO
UN ILLUMINISTA A CERCOLA:





“Gaetano Filangieri e il diritto alla felicità”

MARTEDI’ 10 GIUGNO 2014 ore 19.30

INTERVENTI:

Avv. Vincenzo FIENGO
Sindaco di Cercola

Avv.Francesco URRARO
Presidente del Consiglio dell’Ordine
degli Avvocati di Nola


RELATORI:

Michele DEL GAUDIO
Magistrato e scrittore
“Il diritto alla Felicità nella Costituzione Italiana”

Maurizio BUGNO
Professore di Lettere classiche
“Il salotto di Filangieri nell’Europa del Gran Tour”

Maria SERAFINA
Pittrice italo-americana
“The persuit of happiness and the american dream”


COORDINATORE DEI LAVORI
E MODERATORE:

Avv. Riccardo MEANDRO
Cassazionista



Con la partecipazione della:





Al termine del Convegno
la Sig.ra Laura GRECO
inaugurerà:

“Il Salotto di FILANGIERI”



GAETANO FILANGIERI
(Cercola, Napoli 1752-Vico Equense 1788)

Giurista e filosofo illuminista, terzogenito di Cesare, Principe di Arianiello e di Marianna Montalto dei Duchi di Fragnito, nacque a Cercola il 18 Agosto 1752. Crebbe immerso nella bucolicità dei campi ombreggiati del maestoso Vesuvio dove sviluppò numerose attitudini culturali. Tuttavia, fu costretto fin dall’infanzia a partecipare alla carriera militare, secondo la tradizione aristocratica, che però abbandonò per dedicarsi agli studi.
Nel 1766 divenne Alfiere nell’Esercito Borbonico. Tre anni dopo, nel 1769, lasciò finalmente l’esercito per seguire la profonda vocazione intellettuale. Da quel momento si dedicò anima e corpo agli studi storici, economico-giuridici e letterari.
A soli 19 anni scrisse la sua prima opera: “Pubblica e privata educazione”.
Nel 1774 si laureò in Giurisprudenza presso l’Università di Napoli ed esercitò per breve tempo l’avvocatura per volere della famiglia.
Mente illuminata, pubblicò in quello stesso anno una serie di riflessioni politiche a favore del progetto di riforma della giustizia mettendosi così in luce a corte dove ebbe incarichi fin dal 1777, divenendo “Gentiluomo di Camera del Re” e, poco dopo, Ufficiale nel “Real Corpo dei Volontari di Marina”.
Nel 1780, non ancora trentenne, pubblicò i primi due libri dell’opera che segnò la nascita della scienza giuridica: “La Scienza della Legislazione”, ispirata al principio secondo il quale una buona legislazione deve avere per fondamento la “Ragione” e deve corrispondere alla realtà socio-economica in cui nasce. L’opera, che per forza innovatrice illuministica e consistenza giuridica fu universalmente apprezzata, divenne testo di riferimento per i padri costituenti degli Stati Uniti d’America.
Benjamin Franklin, che aveva intrattenuto una fitta corrispondenza con il nostro Gaetano Filangieri tra il 1781 e il 1787, non appena conclusa la stesura della Costituzione americana ne inviò una copia al giurista cercolese per testimoniargli l’importanza della sua opera e la sua partecipazione, se pur indiretta, alla scrittura di Filadelfia.
L’illuminismo napoletano, a cui tutto il mondo guardava, aveva dato il suo contributo alla creazione della democrazia americana.
Nel 1783 sposò la contessa Carolina Fremdel di Presburgo, donna di grande ingegno e da cui ebbe due figli, Carlo e Roberto.
Nel 1784 decise di lasciare la vita di corte alla volta di Cava de’ Tirreni e a Villa Eva elaborò altri due libri della “Scienza della Legislazione”, il cui successo fu invano contrastato dal divieto dell’Indice.
Nel 1787 rientrò a Napoli chiamato al Supremo Consiglio delle Finanze, ma la morte prematura per una degenerazione della sua malattia, dovuta anche allo strenuo lavoro, impedì il completamento dell’opera.
Si spense il 21 Luglio 1788 nel Castello Giusso di Vico Equense dove si recarono, a rendergli omaggio, i futuri protagonisti della Repubblica Partenopea del 1799.



Programma musicale



(G.Giacomo Gastoldi)

Il ballerino


(G.Giacomo Gastoldi)

L’innamorato



(Villanella)

La pastorella



(popolare anonimo)

La scarpetta



(P. Attaingnant)

Tourdion



(Passereau)

Il est bel et bon



(arr.: max frey)

La cucaracha

(spiritual)

Good News

Veniteci a trovare
il 10 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: