Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Presentazione di "Quanto mi dai se ti uccido?"

Officine Culturali Ergot Piazzetta Falconieri 1/b, Lecce LE, Italia
Google+

Venerdì 13 giugno alle ore 19.30 presso le Officine Ergot di Lecce, verrà presentato "Quanto mi dai se ti uccido?"(Besa editrice) di Walter Spennato,con illustrazioni di Laurina Paperina, e la prefazione di Anna Mazzamauro.

Nel corso della presentazione interverrà la professoressa Marina Pizzarelli.

“Quanto mi dai se ti uccido?” è riccamente corredato da illustrazioni a colori realizzate appositamente da Laurina Paperina, illustratrice di fama internazionale che collabora come disegnatrice con riviste d’arte e di moda italiane ed estere, mentre la prefazione è stata affidata alla nota attrice Anna Mazzamauro.

“E se cerchi di essere rassicurato dalla lettura – scrive la Mazzamauro nella prefazione – sarai invece provocato”. Il terzo romanzo di Walter Spennato, infatti, non lascia spazio al relax e trasporta subito il lettore in una dimensione sarcastica e amara nella quale un omicidio può essere commesso per il più banale dei motivi, se un motivo c’è.

“Quanto mi dai se ti uccido?” si presenta senza dubbio come un libro provocatorio e sarcastico, ma cela dei contenuti che ne fanno molto di più. Tra le righe, infatti, il lettore scorgerà una satira politica e sociale sottile e puntuale e i grandi temi di attualità affrontati ne fanno un libro autentico, capace di far identificare il lettore in più racconti. Dal precariato al femminicidio, fino ad arrivare all’attuale governo, Spennato ha rappresentato, senza far nomi, tutta la società, nella sua bruttezza e indifferenza. L’omicidio come lente d’ingrandimento necessaria per parlare dei problemi poiché, come testimonia la grande attenzione degli italiani per la cronaca nera, spesso solo tramite un delitto si può discutere di ciò che l’ha causato, proprio come è emerso, nella sua ferocia, il fenomeno del femminicidio nel Belpaese.

La scrittura di Spennato fa riflettere e ridere al tempo stesso, ridere delle nostre brutture e ossessioni, ridere di noi stessi insomma, ma si sofferma amaramente anche sui temi sociali.

Veniteci a trovare
il 13 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: