Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

"Il Duce ha sempre ragione!"

Teatro Cinema Fulvio Guglionesi Guglionesi CB, Italia
Google+

È di scena al Teatro Fulvio di Guglionesi "Il Duce ha sempre ragione!", monologo scritto da Roberto Colella, diretto da Gianni Manusacchio e interpretato da Francesco Vitale.

Il monologo parla di un giovane degli anni ’40 e della sua tragica storia, che si intreccia a quella più articolata e più famosa di Benito Mussolini. Situazioni dell’ambiente domestico, scolastico e sociale del giovane s’intrecciano a quelle della nascita e decaduta del fascismo, che sviluppa linee narrative funzionali all’ avviluppamento della storia, scandendone i ritmi temporali. È il ricordo di questo giovane uomo che ci narra la figura, il simbolo, il personaggio di Benito Mussolini, ci parla delle sue paure, dei suoi scaramantici amuleti, delle sue amanti, del suo essere padre padrone e dell’ essere fragile inutile uomo, scandaglia la sua figura di dittatore e lo rende umano, viscido, arrogante, presuntuoso, prepotente, ingiusto. A tratti la pièce è ironica nei confronti del duce, che chiede sacrifici ad un popolo ormai già alla frutta, ne mette in risalto la debolezza fin da subito con le sue paranoie e superstizioni, ma poi diventa riflessiva quando parla degli eventi di questa famiglia che, proprio come il fascismo, dopo un periodo di splendore cade in un baratro buio da dove non riuscirà ad uscire.

A causa delle leggi razziali, l’uomo-ragazzo, cresciuto nel ’38, verrà abbandonato dal suo amore deportato verso la Polonia su un treno recante la scritta il Lavoro rende liberi. La famiglia, divisa politicamente tra la madre schierata in prima linea nel fermento patriottico di provincia e lo zio oppositore, forma le idee del nostro protagonista, che si farà una coscienza politica autonoma il giorno che la madre, andata volontaria in guerra per amor di patria, morrà. Tra il rancore della vendetta e il fervore delle proprie idee, il nostro narratore cercherà di combattere i repubblichini ma sarà giustiziato, e le sue ultime parole saranno le stesse del la canzonetta fascista inculcata dalla madre, che finisce con uno straziante doloroso
Presente, che non sarà più parola di Fascio ma parola di morte.
info e prenotazioni 389.4390397 - info@frentaniateatri.it

Veniteci a trovare
il 7 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: