Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

clair / Christian Fogarolli

TRA Treviso Ricerca Arte Ca' dei Ricchi, via Barberia n.25, Treviso TV, Italia
Google+

CHRISTIAN FOGAROLLI
clair

a cura di Carlo Sala
12.06 - 08.08.2014
Inaugurazione giovedì 12 giugno 18h30

In occasione di F4 / un'idea di fotografia
In collaborazione con Fondazione Francesco Fabbri.

TRA, in collaborazione con Fondazione Francesco Fabbri, presenta la mostra personale clair di uno dei più interessanti autori emergenti del panorama nazionale, Christian Fogarolli.
I lavori inediti che compongono la mostra, curata da Carlo Sala, rappresentano una nuova ricerca sulla base del progetto Lost identities avviato nel 2011. La rassegna si compone di una serie di lavori fotografici e installazioni in un percorso di stretto dialogo con lo spazio, partendo dal recupero e dalla selezione di materiale di inizio Novecento, proveniente da alcune ex istituzioni psichiatriche e collezioni private.
Fin dall'Ottocento la fotografia è stata un mezzo utilizzato per creare catalogazioni in medicina, antropologia, criminologia e psichiatria. L’interesse di Fogarolli parte proprio da questo aspetto e da come alcune discipline si sono servite dell’arte per progredire ed assurgere a scienze. La mostra è impostata su un continuo dialogo tra elementi diversi utilizzati dall’artista come discriminante nella ricerca: scienza come scala di misura, inconscio come soggetto e percezione soggettiva come risultato. L'elemento scientifico della misurazione predomina nelle installazioni, mentre l’inconscio e la percezione si impongono nelle composizioni fotografiche, in cui volti senza nome ci raccontano esperienze del sognare e del cadere nel sonno più profondo in cui sembriamo quotidianamente camminare.

Veniteci a trovare
il 12 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: