Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

ZAPPALA' DANZA workshop e spettacolo

Teatro Garibaldi Di Palermo Via Castrofilippo 30, Palermo, Italia
Google+

Compagnia Zappalà Danza
7/8 giugno WORKSHOP/AUDIZIONI
14 e 15 giugno PRIMA NAZIONALE
TRANSITI HUMANITATIS #1
INVENZIONI A TRE VOCI

WORKSHOP/AUDIZIONI
Le audizioni si svolgeranno tra giugno e luglio a PALERMO, Milano, Roma, Madrid, Berlino, Firenze e Catania. Alcune delle audizioni saranno proposte sotto forma di workshop (gratuito) di 2 giorni, tenuto da Roberto Zappalà.

A Palermo il 7 e l'8 giugno al Teatro Garibaldi di Palermo alla Kalsa , la Compagnia Zappalà Danza effettua workshop/audizioni per i seguenti progetti:

* MoDem PRO, uno speciale progetto della compagnia e del coreografo Roberto Zappalà, pensato per professionisti o semi-professionisti;
* MoDem, corso di perfezionamento della compagnia (sezioni Studio e ADvanced).

Durante queste audizioni verrà fatta una prima selezione per poter accedere all’audizione della Compagnia Zappalà Danza che si terrà a fine anno 2014 al fine di selezionare danzatori per la nuova produzione del 2015.

E’ richiesta un buon livello di classico e di contemporaneo.


Per partecipare alle audizioni è necessario registrarsi online al LINK
www.compagniazappala.it

Una prima selezione sarà fatta in base al curriculum vitae.
SPETTACOLO
compagnia zappalà danza

TRANSITI HUMANITATIS #1
INVENZIONI A TRE VOCI
nuova creazione prima assoluta
14 - giugno 2014 - ANTEPRIMA
15 - giugno 2014 - PRIMA
Teatro Garibaldi/Unione dei Teatri d’Europa,
Palermo da un’idea
di Nello Calabrò
e Roberto Zappalà
coreografia e regia
Roberto Zappalà
musiche (eseguite dal vivo)
Johann Sebastian Bach
“invenzioni a tre voci”
al pianoforte
Luca Ballerini
viola Adriano Murania
danzatrici
Maud de la Purification,
Gioia Maria Morisco Castelli,
Valeria Zampardi
coordinamento tecnico
Sammy Torrisi
direttore di produzione
Maria Inguscio

una produzione compagnia zappalà danza
Scenario Pubblico international choreographic
centre Sicily
in collaborazione
con Teatro Garibaldi/Unione dei Teatri d’Europa (Palermo)
ImPulsTanz (Vienna)
Teatro Comunale di Ferrara

TRASITI UMANITATIS,
il nuovo progetto della Compagnia Zappalà Danza, che avrà il suo esito finale nell’autunno 2015 con la produzione “I am beautiful”, giunge al suo primo approdo con “Invenzioni a tre voci”,
in prima assoluta a Palermo al TeatroGaribaldi/Unione dei Teatri d'Europa
il 15 giugno 2014
Le “invenzioni” e le “voci” sono rispettivamente quelle di J.S.Bach eseguite dal vivo dal pianoforte, dal violino e dalle tre danzatrici protagoniste della creazione.
L’immobilità del corpo femminile, il suo essere punto di riferimentodi buona parte dell’arte pittorica occidentale, si trasforma e trasfigura nel corpo, (nei corpi) in movimento plasmati dal coreografo.
Per Zappalà mettere a nudo il corpo della donna, ovviamente non solo nel senso letterale, equivale a mettere a nudo il cuore umano; vuol dire rivelare le illusioni e gli inganni che, quasi sempre, lo sguardo maschile ha messo in campo quando l’oggetto della visione è stato la donna e il corpo femminile. È a partire dal corpo, in questo caso della donna/danzatrice che tutto incomincia e nel quale tutto si consuma ed esaurisce. Appropriandosi delle riflessioni di John Berger e dei versi di Wislawa Szymborska,
Zappalà propone una riflessione non sulla condizione femminile ma sull’immaginario.
Immaginario prodotto dalla bellezza femminile e dal suo corpo, al contempo protagonista e vittima.
Ovviamente lo fa attraverso la danza; una danza che ha la sua grammatica e la sua sintassi nei nervi e nelle giunture, nei fremiti e nei sussulti del corpo delle tre danzatrici/invenzioni. Una danza che si appropria concettualmente del verso del poeta
polacco Jan Twardowski quando dice che “occorre avere un corpo per trovare un’anima” (1).


1)Da “Soltanto” di Jan Twardowski

info: 3402457465

Veniteci a trovare
il 7 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: