Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Ai Weiwei, una mostra in tournée.

Brooklyn Museum 200 Eastern Parkway, Brooklyn, New York, Stati Uniti
Google+

Tokyo, Washington e ora New York. Nuova tappa per la mostra che sta portando in giro per il mondo l’arte di Ai Weiwei: l’artista dissidente, spina nel fianco dell’establishment cinese, che stupisce e affascina con la forza della sua poetica.

Parte da Tokyo nel 2009, accolta nelle sale del Mori Art Museum. Si sposta ora dall’altra parte dell’Oceano, naturalmente negli Stati Uniti: portando prima a Washington e ora (fino al 10 agosto) nel contesto del Brooklyn Museum il proprio carico di energia e vitalità. È la mostra che traccia la parabola dell’esperienza creativa di Ai Weiwei, certamente l’artista cinese al momento più famoso al mondo; probabilmente uno tra i più celebri in assoluto. Figura ricchissima nello sperimentare generi e linguaggi tra i più disparati.

Fotografia, video-arte, performance, scultura, installazione; fino a spingersi all’architettura – suo il progetto per il discusso stadio realizzato a Pechino in occasione delle Olimpiadi del 2008: Ai Weiwei è intellettuale figlio del suo e nostro tempo, eclettico nel sondare ogni tipo di sentiero espressivo; abilissimo nella gestione della propria immagine pubblica, assunta grazie al potere virale dei social network a simbolo della lotta contro censure e discriminazioni.

Il suo rapporto conflittuale con le autorità cinesi è toccato con estrema eleganza nel corso di un percorso espositivo tripartito, con una periodizzazione che segue i soggiorni dell’artista tra Cina, Stati Uniti, e nuovamente Cina. E così il monumentale Chandelier , monolite luminoso dal fascino arcaico, riflette ironicamente il flash di uno tra i selfie più noti di Ai Weiwei. Capace di trasformare in oggetto d’arte, ed esporre anche a Brooklyn, la fotografia scattata allo specchio dell’ascensore di casa nel giorno del suo arresto come dissidente.

Raffinate tensioni, equilibri fragili e instabili quelli che propone Ai Weiwei. Lo fa attraverso He Xie , migrazione di centinaia di piccoli granchi in ceramica; lo ribadisce con la serie dei Colored Vase , altro omaggio ad una pratica di tradizione artigiana che diventa simbolo fortissimo di identità culturale. Una memoria a volte evocata (è il caso di Kippe , struggente composizione in legno), a volte invece negata, quasi rifiutata: come nel caso di Dropping a Han Dinasty Urn . Con la distruzione di un reperto archeologico a farsi gesto di polemica rottura nei confronti del passato.

http://arte.sky.it/2014/06/weiwei-mostra-in-tournee-new-york/

Veniteci a trovare
dal 3 giugno al 10 agosto 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: