Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Il Suono della Caduta

TeatroLaCucina Ex Ospedale Psichiatrico Paolo Pini, Via Ippocrate 45, Milano, Italia
Google+

Lo spettacolo è inserito all'interno del Festival "Da vicino nessuno è normale"
Date: 11/12/13 giugno alle ore 21.45

di: Antonio Viganò e Julie Anne Stanzak

coreografia:
Julie Anne Stanzak (Tanztheater-
Wuppertal)
con: Michele Fiocchi, Anna Traunig, Mathias Dallinger, Maria Magdolna Johannes,
Rodrigo Scaggiante, Melanie Goldner, Mattia Peretto, Vasco Mirandola

regia: Antonio Viganò

direzione tecnica: Enrico Peco

Costumi e costruzioni scenografiche
di: Tessa Battisti

una produzione
Accademia Arte della Diversità - Teatro la Ribalta
& Lebenshilfe
coproduzione Bolzano Danza

Gli angeli intuiscono ciò che gli uomini chiamano i “sentimenti”,
ma a rigore non possono viverli. Sono profondamente
“amorevoli” i nostri angeli, sono buoni e non è
dato loro modo di essere altrimenti, perché non possono
neanche concepire l’alterità: la paura, ad esempio,
o la gelosia, l’invidia, né l’odio. Conoscono i modi con
cui vengono espressi, ma non i sentimenti stessi. Questo
tema ci appassiona e ci consente di interrogarci sul
valore della vita, quella che ha il peso della gravità, del
dolore fisico, della ferita che sanguina, della caducità
e dell’amore. Quella che si può trasformare, quella che
sogni ma non puoi realizzare, quella dell’ingiustizia e
della mano del giudice. Abbiamo maestri illustri che ci
hanno guidato: Rilke, con le sue “Elegie Duinesi”, Peter
Handke e Wim Wenders con “Gli angeli sopra il cielo di
Berlino” oppure “L’angelo sterminatore” di Bunuel e i
“Semidei” di James Stephens.
Tabucchi e Garcia Marquez, ognuno con il suo stile, ci
hanno raccontato dell’angelo caduto sulla terra, nel
pollaio o nella rete per la cattura degli uccelli.
Ma qual’è il suono di questa caduta?

Veniteci a trovare
il 11 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: