Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Conferenza: L'ARCHITETTURA RIPARTE DAL GIOCO. Con Giovanni Corbellini, Antonino Saggio e Dario De To

Villa Rina Cittadella PD, Italia
Google+

Rischioso estrarre dal cilindro la parola “gioco” quando si parla delle “cose da grandi”. Eppure essa contiene una serie di sfumature che andrebbero riscoperte e che fanno proprio al caso nostro.
“Gioco”, infatti, è anche uno spazio vuoto, un lasco intrapreso tra gli elementi di un meccanismo che consente lo scambio di movimento minimizzando l’attrito tra le parti.
“Mettersi in gioco” è coraggio, adesione alla sfida in prima persona, dunque partecipazione.
Nel gioco non c’è una strada già tracciata, non è possibile stabilire a priori il risultato finale, ma si lascia che sia il processo stesso, con le sue necessità, a dare vita a nuove forme.
Il “gioco” è il processo istintivo che si genera in noi, qualsiasi sia la nostra età anagrafica, e che ci porta a sovvertire le regole per crearne di nuove, dando vita a una dimensione fittizia che fornisce linfa a quella reale. E’ il luogo mentale dell’ibrido-intermedio-sospeso-sperimentale.
E’ metodo innato e fecondo capace di risultati preziosi, basti considerare che «la cultura, nelle sue fasi originarie, viene giocata. La cultura […] si sviluppa nel gioco e come gioco». E «se la cultura è gioco l’esecuzione ludica dei giochi riconosciuti come tali […] è momento metalinguistico in cui la cultura parla le proprie regole, il momento in cui la cultura tiene in esercizio le proprie forme, svuotandole di qualsiasi contenuto concreto per poterle riconoscere, esercitare e perfezionare», il «momento della salute sociale, della massima funzionalità in cui la società fa, per così dire, marciare il motore in folle, per pulire le candele, disingolfarsi, scaldare i cilindri, far circolare l’olio, tenersi in assetto» (Johan Huizinga, Homo ludens, 1973).

Veniteci a trovare
il 12 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: