Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Le case dei quarantamila. Esplorazioni nella città dei ceti medi. 10 - 30 giugno @ Caracol Arte Con

Caracol Arte Contemporanea Via Saluzzo 23, Torino, Italia
Google+

Torino, 10 - 30 giugno 2014
Galleria Caracol Arte Contemporanea
Via Saluzzo 23
Inaugurazione mercoledì 11 giugno 2014
h. 18.30-21.00

La mostra prende il titolo dalla «marcia dei quarantamila», che nell’autunno 1980 portò un gruppo di quadri e impiegati Fiat a sfilare per il centro di Torino chiedendo la fine di una lunga stagione di scioperi: un episodio molto discusso e che portò alla ribalta una città di ceti medi che fino a quel momento, nel discorso pubblico e politico sulla città, era spesso rimasta in secondo piano rispetto alla grande città operaia costruita intorno all’industria automobilistica e all’immigrazione di massa.

Una parte importante del paesaggio residenziale che si costruì a Torino nel secondo dopoguerra fu destinato ai ceti medi, in particolare attraverso la diffusione nei quartieri di espansione della tipologia dell’edificio per appartamenti multipiano. Un periodo in cui il numero di abitazioni crebbe più del pur consistente aumento della popolazione (156% nel decennio 1951-61, 128% nel decennio 1961-71) e in cui l’offerta privata tendeva a rivolgersi a gruppi sociali che puntavano a raggiungere un buon livello di comfort abitativo, elaborando soluzioni che dialogavano con gli immaginari diffusi di un abitare «moderno». Nonostante l’affitto fosse ancora la forma prevalente di tenure, furono questi gli anni in cui si preparò il passaggio a una proprietà diffusa dell’abitazione, attraverso forme di sostegno pubblico all’edilizia e di mobilitazione del risparmio privato.

La mostra, organizzata nel contesto del Festival Architettura in Città 2014, indaga alcuni aspetti della costruzione della Torino dei ceti medi attraverso tre grandi temi: le politiche, gli attori, i luoghi. Punti di vista che portano in primo piano rispettivamente l’intreccio tra decisioni pubbliche e comportamenti, le logiche dei molti operatori coinvolti nel processo di costruzione della città, infine i modi in cui prese progressivamente forma un processo di divisione sociale dello spazio urbano.
Curata da Gaia Caramellino, Filippo De Pieri e Cristina Renzoni, la mostra nasce dal programma di ricerca Architetture per i ceti medi nell’Italia del boom (www.middleclasshomes.net) avviato nel 2010 (DAD_Politecnico di Torino) e finanziato dal MIUR attraverso il programma FIRB Futuro in Ricerca. Il progetto ha già portato nel 2013 alla pubblicazione del volume collettivo Storie di case: abitare l’Italia del boom a cura di F. De Pieri, B. Bonomo, G. Caramellino e F. Zanfi (Roma, Donzelli, 2013).
Fotografie: Michela Pace. Allestimento: Studioata.

Veniteci a trovare
dal 11 al 28 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: