Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

LELLO ARENA@GHETTO CRIME BAR

Ghetto Crime Bar Via Giuseppe Ferrigni 21, Napoli, Italia
Google+

Un drink impossibile
con
Lello Arena

Venerdì 13 giugno
alle ore 22.30
Claudio Finelli e Antonio Prisco
intervisteranno Lello Arena
al Ghetto Crime Bar
Via Ferrigni 21 - Napoli

Ingresso libero

Per info Claudio Finelli - tel. 349.4784545 claudiofinelli1@virgilio.it
Art concept: Antonio Prisco

In collaborazione con Arcigay Napoli

Lello Arena (Napoli 1 Novembre 1953) . Attore. Con Massimo Troisi ed Enzo De Caro faceva parte del gruppo cabarettistico La Smorfia, che ha debuttato in tv nel 1977 con Non stop di Enzo Trapani e partecipato a Luna Park (1979). Dopo lo scioglimento del gruppo è stato partner di Raffaella Carràne Il principe azzurro (1989), ha condotto con Enzo Iacchetti alcune edizioni di Striscia la notizia, ecc. • «Tutto cominciò nei vicoli di Napoli. Massimo e Lello erano amici e amavano le stesse cose, anzi, le stesse persone: Totò e Peppino, ma a volte anche quei due stranieri: Stanlio e Ollio. E si divertivano come matti a rifarli, a imitarli in tutto e per tutto. Da grandi avrebbero fatto gli attori, si erano ripromessi. Si erano nutriti dei testi del Mastriani e delle parodie di Scarpetta, conoscevano la fortuna e la fame disperata dei “posteggiatori” e dei “cecati”, insuperati protagonisti della canzone popolare napoletana di fine Ottocento, avevano studiato sui testi di Ferdinando Russo e Raffaele Viviani. Disse una volta Troisi: “Mescolavamo teatro sperimentale e Eduardo, Fo e Viviani, un bel minestrone… Ma ci è stato utilissimo, per farci le ossa”. Poi ai due si unì Enzo Decaro che portò in dote il bel canto, la bella presenza, e un ottimo orecchio musicale. I tre debuttarono in un teatrino parrocchiale, mica male, poi cominciarono a tappeto nei localini napoletani, il successo cresceva, il pubblico rideva. Ma avrebbe funzionato la loro comicità fuori, oltre Napoli? Nel 1977 La Smorfia debutta al Teatro La Chanson di Roma, sarebbe dovuta stare per una settimana, dopo tre mesi erano ancora lì, le repliche non bastavano mai. L’eco del loro successo giunge in Rai: Mario Pogliotti, Bruno Voglino e Giancarlo Magalli vanno alla Chanson, si accomodano nelle ultime file (“per sentire il pubblico o per scappare, dipende”) e decidono all’istante che quei tre se li sarebbero portati a Non stop» (Andreina De Tommasi) • Ha collaborato anche come sceneggiatore per storie a fumetti di Lupo Alberto e Topolino • Nel 2013 a teatro con Miseria e Nobiltà e Capitan Fracassa. Al momento è protagonista di Finale di Partita al teatro Festival Italia di Napoli

Veniteci a trovare
il 13 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: