Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

"La bambola di carne"- Presentazione del libro di FRANCO CAROFIGLIO SCOTELLA

Solito Posto Piazza Cavour 27, Bitonto BA, Italia
Google+

MERCOLEDI' 18 GIUGNO 2014

- Alle 19.00 presso il "Solito Posto" music and beer (Piazza Cavor, Bitonto)

Per i Mercoledì letterari organizzati in collaborazione col "Circolo dei lettori" della Libreria del Teatro

FRANCO CAROFIGLIO presenta il suo libro

"La bambola di carne"

Il romanzo di Franco Carofiglio Scodella, aggiunge una nuova tessera ad un mosaico tanto smisurato quanto affascinante che tenta di raffigurare e comprendere le complessità del rapporto tra uomo e donna. È una storia moderna e veloce, descritta scegliendo il registro linguistico comunicativo del quotidiano; una vicenda romantica e passionale, ma anche cruda e tragica. La psicologia dei due protagonisti, Franco ed Helena, è disegnata dal racconto delle loro esistenze: lui, Franco, un uomo descritto in viaggio con un amico in Argentina, lontano dalla sua compagna, moglie e madre e da una relazione affaticata, lei, Helena, una donna splendida, madre anche lei, con un passato terribile - descritto dall’autore in profondità - che desidera riaffacciarsi alla vita dopo i soprusi subiti sia da parte di un padre infame, sia da parte di un marito vigliacco.
I due s’incontrano nell’atmosfera sudamericana di una vivace Buenos Aires, tra i colori forti di una latitudine diversa dalla nostra, una dolce malinconia e le note, sempre in sottofondo, della sensualità avvolgente del Tango. Ne scaturisce una promessa. S’incontrano, le due esistenze: la fragilità dell’uomo e la fragilità della donna; due fragilità al medesimo livello? In uno snodo essenziale, così esordisce Franco: ”… C’è gente come me, che ha bisogno di rompersi il naso, per capire, ma d’altronde, l’esperienza serve a questo; anche se ha l’aspetto negativo di coinvolgere altri… ma fa parte della loro esperienza, o no?”. In questo “o no?”, un rafforzativo, o un timore? Fino a che punto la nostra esistenza ha diritto di evolvere coinvolgendo quella di altri? Qual è il limite?

Ingresso libero

Veniteci a trovare
il 18 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: