Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

LE FORME DELL'ASSENZA

Sala Dogana Genova Palazzo Ducale, piazza Matteotti, Genova, Italia
Google+

Le forme dell'assenza di Giulia Vasta
Sala Dogana, Palazzo Ducale
20 giugno – 6 luglio 2014

Viene inaugurata venerdì 20 Giugno alle ore 18 in Sala Dogana a Palazzo Ducale la mostra di Giulia Vasta “Le forme dell’assenza” a cura di Caterina Gualco, visitabile fino al 6 Luglio.

Ingresso libero

“Le forme dell’assenza” è un progetto site-specific della giovane artista genovese Giulia Vasta per Sala Dogana. La mostra è una riflessione sul tempo e sull’assenza, temi centrali nel lavoro dell’artista. Giulia Vasta fotografa oggetti e cumuli di detriti trasportati dalle mareggiate. Cannicci, copertoni e tavole da surf spezzate, vecchi rosari e tronchi coperti da alghe. “Le forme dell’assenza” è la storia del flusso di un torrente, degli oggetti che trasporta, la storia di tante vite, di ricordi. Lungo il corridoio i visitatori inizieranno a percepire il suono di un fiume. La sensazione di essere all’interno di un flusso, di fare parte di un percorso, accompagnerà il visitatore lungo tutta l’esposizione. Nella prima sala verrà presentato un video, l’inquadratura fissa e in loop di un torrente visto da sopra un ponte. L’acqua scorre dall’alto verso il basso come la sabbia di una clessidra. La sala centrale ospiterà un’installazione site-specific composta da un accumulo di rami, canniccio e oggetti intorno alle quattro colonne. L’intenzione visiva sarà quella di riprodurre ciò che avviene dopo la piena dei torrenti, quando il flusso dell’acqua incontra degli ostacoli e gli oggetti trasportati dalla corrente si accumulano, formando dei nidi di ramaglie. Alle pareti della sala saranno esposte composizioni fotografiche, immagini di oggetti ritrovati in riva al mare dopo le mareggiate e luoghi abbandonati.

La mostra è accompagnata da un catalogo con testi di Viana Conti, Caterina Gualco e Grazia Previati.

Giulia Vasta nasce nel 1984 a Genova, dove vive e lavora. Specializzata in Pittura presso l’Accademia Ligustica di Belle Arti di Genova, partecipa a numerose collettive di prestigio in Italia e all’estero, tra le quali “Et verbum caro factum est” presso la Reggia di Venaria Reale di Torino, “...erba e fior che la gonna...” e “On your feet!” presso le gallerie UnimediaModern Contemporary Art e VisionQuest di Genova e “Lost & Found”, Tranzit (Bratislava). Nel 2010 vince il premio della critica al “First European Art Slam” e viene selezionata come finalista del Premio Nazionale delle Arti nel 2010 e nel 2011. Ha collaborato come performer con Ben Patterson, Philip Corner ed Eric Andersen. Nel 2012 partecipa al progetto di residenza per artisti “Aperto Uno” presso l’Atelier A di Apricale (IM). La sua ricerca si muove nell’ambito dell’esistenza. Le emozioni, la loro incomunicabilità e la ricerca del “senso” sono espresse attraverso diversi linguaggi: performativi, fotografici, pittorici e video.
Tra le esperienze più recenti:
2014 – “Le Forme dell’assenza” – UnimediaModern Contemporary Art – Genova – a cura di
Caterina Gualco (Pubblicazione su catalogo)
2013 – “Come non detto” – Celle Ligure – a cura di Celle Arte Giovani
2013 - Rolly Days 2013 - “Stone” - Palazzo Tobia Pallavicino - Genova - Courtesy UnimediaModern
2012 -“On your feet!” - UnimediaModern e VisionQuest – Genova - a cura di Clelia Belgrado e Caterina
Gualco
2012 -“Lost&Found” – Tranzit – Bratislava (SVK) - a cura di Juliana Mrvovà
2012 -“Aperto Uno” – Castello di Apricale – Apricale (IM) - a cura di Atelier A
2012 -“Abbey Contemporary Art”– Ex Abbazia San Remigio – Parodi Ligure (AL) - a cura di Michele
Dell’Aria e Setsuko

Info
Comune di Genova _ Ufficio Cultura e città _ progetto Sala Dogana. Giovani idee in transito
t 0039-0105573975 | 74806 saladogana@comune.genova.it - wwww.genovacreativa.it
www.unimediamodern.com www.giuliavasta.it

Veniteci a trovare
dal 20 giugno al 6 luglio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: