Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

IMPAGINARE LO SPAZIO- exhibit design come narrazione

The Standard_ISBN Edizioni Via Conca del Naviglio 10, Milano, Italia
Google+

una talk con Matteo Mocchi e Marco Tagliafierro

musiche a cura di dj Spanna, vinile soul r&b anni ‘60

Martedì 17 giugno a The Standard Marco Tagliafierro dialogherà con Matteo Mocchi, designer co-fondatore dello studio BBMDS, specializzato in exhibit design.

Attraverso il riferimento a progetti installativi e a prodotti editoriali storici e contemporanei,
si chiacchiererà di un possibile parallelismo tra l’allestimento dello spazio e quello della pagina editoriale: spesso infatti nel mondo della comunicazione visiva si parla di ‘architettura della pagina’. Allo stesso modo ogni volta che affrontiamo un progetto di exhibit design di una mostra, di un evento o di uno stand, dopo aver ideato il concept passiamo alla definizione di un layout, ossia a quella che potrebbe essere definita “impaginazione dello spazio”. Il progetto scenografico è infatti costituito da diverse componenti, governate da rapporti gerarchici e di subordinazione precise che in quanto tali devono essere distribuite in modo razionale all’interno dello spazio.

Come la gabbia grafica diventa la matrice sulla cui base impaginare immagini, titoli, testi e didascalie, così un’area espositiva diventa il luogo in cui distribuire oggetti da esporre, grafica, luce e tecnologie - in modo da costruire quel percorso fondamentale al racconto di una storia.
Lo spazio diventa medium di un progetto di comunicazione tridimensionale, e muoversi al suo interno equivale a leggere le pagine di una narrazione.

Nel corso della serata saranno in vendita alcuni prodotti di design realizzati da BBMDS.

Matteo Mocchi (Novara, 1980) si laurea al Politecnico di Milano nel 2004 con una tesi sull'exhibit design; dal 2007 è docente all'università NABA di Milano e tiene workshop in diverse facoltà (IUAV Venezia, Politecnico di Milano, NKF Oslo). Nel 2010 fonda con Alessio Baschera e Fabio Brigolin lo studio BBMDS.

Marco Tagliafierro (Novara, 1973) è critico e curatore d’arte contemporanea. Attualmente collabora con le riviste Artforum, Flash Art, Fruit of The Forest. Ha inoltre lavorato come contributor per le pagine milanesi de L’Avvenire e La Repubblica. Per la televisione ha collaborato sempre per l’arte visiva, al programma Stylissimo, ideato e messo in onda da MTV. Ha collaborato anche con istituzioni pubbliche e private come il Cact di Bellinzona, la GAMeC di Bergamo, Docva/ViaFarini - di cui attualmente fa parte del bord curatoriale – e il Museo Carlo Zauli di Faenza.

BBMDS è uno studio fondato sulle idee e sulla continua sperimentazione di nuovi territori di progetto, la cui attività spazia dall’exhibit ed interior design al product design.
Fondato nel 2010 da Alessio Baschera, Fabio Brigolin e Matteo Mocchi, progetta per brand globali e locali, sempre con una grande passione, una forte dedizione e un approccio "responsive”. In questi anni BBMDS ha progettato, tra gli altri, per Technogym, Seletti, Ferrari, Italia Independent e Swatch.

Veniteci a trovare
il 17 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: