Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Rito della Luce - Solstizio d'Estate 2014

Art Hotel Atelier sul mare Via Cesare Battisti, 4, Castel di Tusa ME, Italia
Google+

“Dall’alba al tramonto”, si rinnova e si rigenera anche quest’anno il Rito della Luce

Un dono della Fondazione Fiumara d’Arte di Antonio Presti:
“Penso che mai come adesso il mondo abbia bisogno di un percorso di rinascita interiore e di un futuro che si nutra di Bellezza e Conoscenza”

21 e 22 giugno 2014, Piramide 38° Parallelo, Motta d’Affermo (Me)
Albergo-museo Atelier sul mare, Castel di Tusa, (Me)

L’invito è di alzare gli occhi al cielo e rivolgerli alla luce. Un’esortazione all’uomo contemporaneo per spingerlo al “risveglio delle coscienze”. Un incitamento al viaggio, al cammino, alla trasformazione.

In cima alla collina, nel territorio di Motta d’Affermo (in provincia di Messina), l’imponente “Piramide – 38° Parallelo”, opera di Mauro Staccioli, si veste di un ulteriore simbolo: simbolo di resistenza a quella politica istituzionale che non promuove più la conoscenza come valore di futuro. Nell’era dell’autoreferenzialità e della democrazia mortificata dall’arroganza di un potere egoista, mediocre e miope, la Piramide vuole affermare il potere della spiritualità e della trascendenza.
Cima di una cima, diventa faro che irradia la luce della conoscenza, di cui le arti sono strumento indispensabile, e ammonisce il potere contemporaneo ad impegnarsi affinché le nuove generazioni possano ritrovare il senso di un corretto sentire.

“La cultura e il sapere devono tornare ad essere strumenti di libertà e di democrazia.”
Il Rito della Luce si rinnova anche quest’anno il 21 e 22 giugno e lo fa nella forma di un dono privato della Fondazione Fiumara d’Arte alla Sicilia e ai siciliani. Dall’alba al tramonto, il Rito seguirà il ciclo del Sole.

“Bisogna restituire Anima per rigenerare Anima. Il tutto attraverso il cuore, tamburo di Bellezza”, spiega Antonio Presti, mecenate siciliano figlio della sua Utopia, che dal 1982 ad oggi ha realizzato sui Nebrodi il più grande parco di arte contemporanea a cielo aperto di tutta Europa. “Quest’anno, nel giorno del Solstizio d’estate - continua Presti - vedremo sorgere e tramontare il sole dallo stesso punto. Ci colmeremo di luminosità inspirando profondamente l’alba e restituiremo al tramonto quel lungo respiro luminoso. In questa restituzione d’anima e luce, offriremo al Cosmo una rigenerazione attraverso noi stessi. Il Rito sarà quest’anno sigillo del divenire: stesso punto di partenza, stesso punto d’arrivo e compimento”.

Il Rito, infatti, segue il ciclo della luce: si nutre di essa dalla sua genesi al suo calare. Nutrendosi di quella stessa luce circolare - dall'alba al tramonto, tra cielo e terra - il Rito diventa rapporto con la luce universale per elevarsi con la purezza di un bambino che guarda meravigliato verso l’alto.

La Piramide, alta trenta metri, è orientata a nord-ovest e spaccata da una fessura da cui entra il sole al tramonto. La sua corazza è realizzata in acciaio corten, un materiale che con il tempo si ossida fino ad assumere lo stesso colore ferroso della terra da cui sembra nascere. Ma è al calare del sole, quando il metallo si raffredda, che l’opera di Mauro Staccioli comincia a “parlare”. Crepitii ed echi prodotti dalle giunture che si raffreddano, assomigliano a parole rivolte ai visitatori.

Durante il Solstizio d’estate, il giorno in cui la luce predomina sulle ore di buio, la Piramide potrà essere visitata. Una spirale al suo interno, realizzata con le pietre imponenti trovate durante i lavori di scavo, rafforza la missione della Piramide: “Restituire Bellezza” per “Essere semina universale”. Un appassionato canto d’amore della Terra per il Cielo, una tensione che vibra sin dalla radice.

Non sono casuali neanche le coordinate geografiche del luogo. Collocata proprio sul 38° parallelo, la Piramide bilancia universalmente due opposti: da una parte la Corea, luogo di sofferenza e divisione, dall’altra la Sicilia che diventa così un luogo di unità e di pace.
“Solo Artisti e Bambini vivono quest’intuizione e sanno meravigliarsi, ed è per questo che anche quest’anno - spiega Antonio Presti - verranno coinvolti poeti, musicisti, danzatori e tutte le Muse assieme agli studenti e agli artisti del territorio per celebrare il trionfo della Bellezza con uno sguardo puro”.

Per l’occasione del Rito della Luce sarà possibile anche visitare la mostra fotografica “Luce e Segni” del giornalista e condirettore del Giornale di Sicilia Giovanni Pepi che rimarrà aperta sino al 14 settembre. Quaranta scatti che ripercorrono il viaggio del visitatore attraverso le stanze del museo-albergo “Atelier sul Mare” realizzato dal mecenate siciliano Antonio Presti a Castel di Tusa, in via Cesare Battisti 4. Un percorso tra le venti camere progettate e create da diversi artisti internazionali col risultato di capolavori unici.

Quest’anno Il “Mandala”, che apparirà ai piedi della Piramide, sarà firmato dall’artista Milo Floramo con la collaborazione di Eugenia Rossello. Di antichissime origini e presente in diverse culture, il “Mandala” rappresenta un disegno simbolico universale. Per la quinta edizione del Rito della Luce si ispirerà alla “Luce rigenerata”. Un’opera che verrà condivisa con il pubblico presente. Chi vorrà, infatti, potrà completare l’installazione inserendo all’interno dell’immagine ciotole d’acqua e candele accese.


Il Rito dell’Alba, a cura di Giana Guaiana, vedrà la partecipazione dei seguenti artisti:
Sebastiano Adernò
Karim Alishahi
Pippo Barrile
Enrico Saro Grassi Bertazzi
Francesco Bonacci
Claudia Bonvissuto
Annalisa Brucoli
Diego Cannizzaro
Romina Copernico
Patrizia D'Antona
Marzia Genovese
Biagio Guerrera
Evelina Lo Pilato
Renato Miritello
Silvio Natoli
Bruna Perraro
Luca Recupero
Siqiliah Ensemble
Enrico Sorbello
Daniela Thomas
Lucia Zahara

Gli altri artisti che prenderanno parte al Rito saranno: Cinzia Accetta, Pino Alberti, Arabic Band (Cristina Marchione, Lamin Saho, Alberto Alaimo, Nicoletta Casano e Teresa Brancatello), Maria Attanasio, Francesco Balsamo, Gaspare Balsamo, Antonio Barracato, Chiara Bentivegna, Mariangela Biffarella, Sebastiano Burgaretta, Grazia Calanna, Maria Cancilla, Maria Gabriella Canfarelli, Rita Caramma, Luigi Carotenuto, Natalia Castaldi, Antonino Cicero, Giuseppe Condorelli, Patrizia Curreri, Gianluca D'Andrea, Giampaolo De Pietro, Francesco di Franco, Francesco Di Luisi, Alessandra Di Tommaso, Rita Elia, Salvi Fullone, Luca di Martino, Vincenzo Galvagno, Giuseppe Genzardi, Pina Granata, Raffaele Gueli, Salvo Gugliuzza, Ginevra Gulli, Maria Grazia Insinga, Riccardo Insolia, Antonio Lanza, Santina Lazzara, Salvo Leggio, Martina Libertà, Paolo Lisi, Graziella Lo Vano, Francesco Margani, Daita Martinez, Rita Marta Massaro, Melko Van Kaster, Morgana Ensamble diretta da Angela Minuta, Francesca Napoli, Alessandro Nasello, Margherita Neri Novi, Pamela Nicolosi, Antonella Nieri, Ezio Noto, Daniela Orlando, Josephine Pace, Sebastiano Patanè, Michele Piccione, Emanuela Pistone e Khar Seck - Isola Quassud, Alessandro Puglisi, Salvatore Randazzo, Margherita Rimi, Pietro Russo, Biagio Salmeri, Angelo Santangelo, Lucia Sardo e Marcello Cappelli, Ignazio Sauro, Ersilia Severino, Small shaker, Salvatore Solarino, Domenico Stagno, Angelo Sturiale, Francesca Taibbi, Luigi Taibbi, Mario Vasile, Alessandro Venza, Laura Vinciguerra, Pietro Vizzini, Emiliano Zappalà, Coro Mistretta, Coro voci bianche S. Agata Sabrina Gallà, Gruppo bandistico Tusa, Gruppo teatrale tusano, Gruppo Pilates di Anna Cammarata, Liceo Mistretta, I.C. Tusa, Liceo Artistico S. Stefano.

Si invitano tutti coloro che parteciperanno al “Rito della Luce” a indossare preferibilmente abiti bianchi e a rispettare il silenzio.

Il programma
SABATO 21 GIUGNO 2014
Dalle 10 alle 14 - Apertura della Piramide 38° Parallelo di Mauro Staccioli, C.da Belvedere a Motta d’Affermo (Me)
Alle 12 - Visita guidata alle camere d’Arte dell’albergo-museo “Atelier sul Mare” di Castel di Tusa (ME)
Alle 18 - Mostra fotografica “Luce e segni” di Giovanni Pepi presso la sala esposizione dell’albergo-museo “Atelier sul Mare”
DOMENICA 22 GIUGNO 2014
Alba: dalle 4 alle 8 – Tramonto: dalle 15.30 alle 21 - Dall’alba al tramonto – Rito della luce alla Piramide 38° parallelo, di Mauro Staccioli (C.da Belvedere a Motta d’Affermo, in provincia di Messina). Il sorgere del sole e il suo tramonto verranno accompagnati da letture di poesie, danza, musica e performance.

Veniteci a trovare
il 22 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: