Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Con gli occhi di chi..

Teranga Worldwide Pub Vicoletto Costantinopoli 2/4, Piazza Bellini, Napoli(Italy), Napoli, Italia
Google+

Occhi diversi mostreranno l'Italia delle seconde generazioni.

Giusy Buccheri e Antonio Nashy Distefano attraverso i loro lavori parleranno dell'essere seconda generazione in Italia.
Una serata in cui, con strumenti diversi, coglieremo cosa significa nascere in Italia, essere una seconda generazione.
Una serie di racconti ispirati a persone comuni che i due autori hanno per qualche ragione conosciuto nella sua vita.

Giusy Buccheri e Michele Citoni sono autori del film documentario "Il Futuro e' Troppo Grande", realizzato col patrocinio del ministero per l'Integrazione, l'assessorato alle Politiche culturali della Provincia di Roma, OIM-Organizzazione internazionale delle migrazioni e l'Ambasciata della Repubblica delle Filippine.
"Il futuro è troppo grande" nasce da una riflessione sulle seconde generazioni dell'immigrazione in Italia, attraverso un percorso portato avanti per più di due anni dai registi e ricercatori che ne firmano la regia. Al centro del film lo studio e il lavoro, la famiglia e l'amore, le aspettative nell'Italia di oggi attraverso l'autoracconto di due giovani di seconda generazione: Re e Zhaxing.


Antonio Nashy Distefano è autore del libro "Fuori piove, dentro pure, passo a prenderti?".
Antonio è un ventiduenne angolano nato a Busto Arsizio e cresciuto a Ravenna, sa già che molti si aspetteranno un saggio sul razzismo e l’integrazione degli stranieri. Ma, niente affatto, o almeno non solo: “I razzisti non leggeranno certo un’opera scritta da uno di colore. Con i razzisti io non ho interesse a parlare. Io scrivo delle esperienze che vivo, scrivo al passato, scrivo d’amore”.

Veniteci a trovare
il 15 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: