Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Una donna e il suo bagaglio

Teatro Elettra Via Capo d'Africa 32, Roma, Italia
Google+

La Compagniateatrale MemorieFuture e Produzioni Teatrali Indipendenti presentano uno spettacolo scritto e diretto da Danilo Canzanella: Una donna e il suo bagaglio.

Aiuto-regia: Chiara Moretti
Tecnico audio-luci: Manuel Molinu
Make-up art: Federica Batisti
Fotografo di scena : Fabrizio Nardocci
Pittrice: Elena Taffoni
Addetto stampa: Alessandra Salieri

Attori:

Giorgio Volpe
Oriana Sicurella
Alessandra Chiappa
Marco Martino
Gabriele Cantando Pascali
Giada Caruso
Elio Belmare

SINOSSI

“È quasi sera, quando una donna arriva in un piccolo paese della provincia americana, Williamland.Il rumore dei suoi passi fa eco nella notte, come un ricordo che viene da lontano. L'affittacamere della pensione Airone la guarda con sospetto. La donna non ha nessun bagaglio con sè. Forse resterà solo una notte, ma la donna ammette di non sapere quanto si fermerà. Accenna un sorriso e poi le dice che rimarrà fino alla fine, ma una donna senza bagaglio è come una donna senza passato”
Una donna e il suo bagaglio vuole omaggiare il maestro tedesco del melodramma cinematografico a stelle e strisce, Douglas Sirk (Lo specchio della vita, Come le foglie al vento, Magnifica Ossessione) che ha saputo descrivere lo sgretolamento dell’american dream reinventando la coscienza simbolica ed evocativa di una Nazione che provava a fare i conti con le conseguenze della Seconda guerra mondiale. Per lui, la guerra fatta di morti e amputazioni, era niente, in confronto alla pace post-bellica, raffigurata nelle copertine patinate, quella fatta di sorrisi accennati e tiepidi abbracci di cui era denso l’apparente e tranquillo microcosmo familiare. È proprio questa dicotomia tra sfera pubblica e sfera privata, tra convenzioni e repressioni, tra apparenza e realtà ad animare in lui una feroce critica sull’ipocrisia e sul falso moralismo della società americana anni 50, puritana e perbenista che cercava a tutti costi di trasmettere al mondo intero una proiezione “alterata” della propria moralità. L’osservazione della borghesia diventò quindi il pretesto per raccontare la vita claustrofobica della provincia americana in storie a forti tinte in cui l’Amore diventa il miglior mezzo di repressione sociale”: “quando una società impone un modello di comportamento nelle questioni legate al cuore, vuol dire solo una cosa, che quella società ha smarrito il senso della vita”. Inevitabilmente l’omaggio a Douglas Sirk traghetta Una donna e il suo bagaglio in una dimensione allegorica e catartica, le cui scene ricalcano le atmosfere tanto care al drammaturgo teatrale Tennessee Williams (Un tram che si chiama desiderio, Lo zoo di vetro, Improvvisamente l’estate scorsa) di cui lo spettacolo è un’occasione per esplorare le sue principali tematiche. Il mito dell’innocenza perduta e delle sua nostalgia, lo smarrimento esistenziale, il trauma dell’abbandono sono lo specchio di un mondo ipocrita e corrotto ancorato ad un profondo senso di colpa per non aver saputo mantenere intatta quell’onestà di sentimenti, quell’integrità di valori e ideali che ormai appartengono al passato. In una donna e il suo bagaglio le atmosfere patinate del melodramma di Douglas Sirk fanno da sfondo a questo noir che mescola i generi, in un montaggio discontinuo tra passato e presente, per far emergere una sola verità: ciò che è osceno non è l’amore tra due uomini ma vedere quanto bene si spacci per male. La vicenda è ambientata in un piccolo paesino sperduto della provincia americana, Williamland.Qui tutto è sospeso in attesa di evolversi o regredire, e in questo luogo misterioso e evanescente, la pensione Airone gestita da Arthur Davis diventa il punto di riferimento di una comunità che ha perso se stessa nel disperato bisogno di aderire ad una convenzione sociale che non gli appartiene: la rispettabilità fin troppo condizionata dal pregiudizio. Sarà l’arrivo di una donna misteriosa a rompere l’apparente equilibrio di questo monotono paesino la cui unica attrattiva sembra essere la tv che trasmette la famosa serie Passing love ,le cui immagini sono proiettate dietro i personaggi, come riflesso dei loro desideri più intimi e segreti.
www.memoriefutureaward.com

PAGINA UFFICIALE
https://www.facebook.com/events/1470007829903264/?fref=ts

RASSEGNA STAMPA
http://www.memoriefutureaward.com/#!rassegna-stampa/c12zj

INTERVISTE
http://www.memoriefutureaward.com/#!una-donna-e-il-suo-bagaglio/c15zy

BIOGRAFIE
http://www.memoriefutureaward.com/#!biografie/c1pyz

LE DONNE DI ELENA TAFFONI
http://www.memoriefutureaward.com/#!le-donne-di-elena-taffoni/c1pq6

FOTO PROVE
http://www.memoriefutureaward.com/#!prove/cch8

BACKSTAGE di Fabrizio Nardocci
http://www.memoriefutureaward.com/#!backstage-di-fabrizio-nardocci/c14yg

ISPIRAZIONI
http://www.memoriefutureaward.com/#!ispirazioni/cjlb

VIDEO
https://www.youtube.com/watch?v=_-A0S2RuYjo

INSTAGRAM: #unadonnaeilsuobagaglio

Veniteci a trovare
dal 5 al 8 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: