Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Dov'è Desdemona? - spettacolo teatrale

Roma Fringe Festival Villa Mercede, Via Tiburtina 115, Roma, Italia
Google+

22 - 25 - 27 giugno in scena al Roma Fringe Festival

Orari:
22 giugno, ore 22.00
25 giugno, ore 22.00
27 giugno, ore 20.30


Palco C

a cura di:
Bobini Simone
Careddu Antonio
Coppola Eugenio
Galasso Michele


Progetto nato da l'Otello di William Shakespeare, Finale di Partita di Samuel Beckett, Caligola di Albert Camus

un'operazione drammaturgica e scenica che lega le tematiche contenute in questi testi attraverso la nostra poetica e il nostro punto di vista

Un racconto sull'animo umano e sulle dinamiche relazionali degli esseri umani

Otello è un bambinone reticente, che ama farsi fare il bagno nella sua vaschetta ed è strenuamente convinto dell’onestà di tutto il genere femminile. Jago, suo fedele servo, cerca di destreggiarsi goffamente nel compito di balia e maestro del suo imbelle padrone e si ritroverà anche lui preso nella trappola a tela di ragno che tende all’amico. Non riuscendo ad aprirgli gli occhi su ciò che può celarsi sotto la bellezza e la perfezione di una donna come Desdemona, viene alla fine colto da un vortice di rabbia e odio che lo porterà ad aggredire la debole psicologia di Otello, il quale da tempo immemore sembra voler ripercorrere in questo gioco sadico l’uccisione della consorte, non riuscendo ad ammettere, fino all’ultimo, la propria colpevolezza.
In un rapporto di intimità e fratellanza, la negazione di Otello si scioglierà alla fine in una ricerca d’aiuto per la sua condizione, in cui Jago diviene maestro di quel percorso di conoscenza che, dalle tenebre dell’ingenuità da buon selvaggio, porta alla luce della consapevolezza e della conoscenza del mondo che si cela dietro l’apparenza delle cose.

L'azione si svolge in maniera Grottesca, Surreale, Inquietante, Istrionica, Narcisista, Buffa, Ironica, Romantica, Spietata


una creazione collettiva di drammaturgia e messa in scena a cura di:
Bobini Simone
Careddu Antonio
Coppola Eugenio
Galasso Michele

Drammaturgia:
Antonio Careddu

Messa in scena:
Michele Galasso

con:
Simone Bobini
Eugenio Coppola

Foto di Scena:
Valentina Mameli

Costumi:
Stefania Simone

Veniteci a trovare
il 22 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: