Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Shakespeare e la sua ultima ombra

Teatro Antigone via amerigo vespucci 42, Roma, Italia
Google+

Lo spettacolo nasce dal laboratorio teatrale Castel VERDE, tenuto dall’Associazione Ottavo Atto presso l’aula civica di Castelverde, progetto territoriale culturale-artistico portato avanti dal presidente della suddetta associazione Benedetto Cesarini per la rivalutazione territoriale del VI Municipio. Le coordinatrici e registe del laboratorio, Martina Marone e Roberta Provenzani, hanno deciso di mettere in scena uno spettacolo con l'intento di mostrare le tecniche stilistiche studiate durante il laboratorio. Il testo inedito scritto dalle due coordinatrici nasce dall’idea di permettere ad ogni allievo di confrontarsi con i personaggi principali di Shakespeare, infatti tra gag esilaranti, momenti seri e intensi verranno messi in prova e rappresentati i dialoghi e i monologhi di alcuni tra gli omicidi e i suicidi presenti nelle opere shakespeariane. Il primo atto si snoderà tra la vita del “dietro le quinte” e le prove dello spettacolo, rappresentato con la tecnica del teatro nel teatro. I grandi sentimenti scritti da Shakespeare saranno messi in scena attraverso la tecnica pirandelliana e mejercoldiana e si fonderanno nell’epilogo con la filosofia junghiana basata sulla dicotomia persona-ombra nella psiche umana, rappresentata nel nostro caso, dalla figura del personaggio di Shakespeare e del regista. I protagonisti di Shakespeare rappresentano i vari aspetti della personalità di un individuo; Amleto non è altro che ognuno di noi, con i propri vizi, dubbi e incertezze! Il tema dell’apparenza e del “essere o non essere” sarà filo conduttore e sostanza di tutto lo spettacolo, adatto inoltre a un laboratorio teatrale proprio per la sua vicinanza ai temi e ai problemi che affliggono l’individuo di ogni età e ogni tempo. E per non impazzire quale miglior soluzione se non la catarsi artistica? Il teatro è il luogo dove tutto si può fare perché tutto è finto e per questo si può essere più veri che mai. Morire? Dormire? Sognare….forse….

Veniteci a trovare
il 4 giugno 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: