Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Assemblea Pubblica: Dal #12A assediamo Austerity e Precarietà ribaltiamo il governo Renzi

Università di Roma La Sapienza Piazzale Aldo Moro, 5, Roma, Italia
Google+

La giornata del 12 Aprile ha segnato un importante passaggio nella costruzione di un percorso reale contro austerity e precarietà. Una giornata che nuovamente è riuscita a portare nelle strade di Roma quella composizione meticcia, composta dai movimenti per il diritto all'abitare e da tanti giovani, precari e disoccupati che riteniamo essere un punto fondante nella generazione e moltiplicazione delle lotte nei territori tra coloro che subiscono le misure dei governi della crisi.

Nel frattempo ci sembra evidente che altri punti vadano messi al centro della discussione: primo tra tutti il clima fortemente repressivo che le lotte sociali stanno subendo. Il recente sgombero di Montagnola, infatti, se da un lato conferma la linea tracciata dal governo Renzi con il corteo del 12 Aprile: chiusura, repressione, manganellate su coloro che si battono per casa, reddito e dignità, dall’altro evidenzia come sia ormai terminata la fase della mediazione con la politica istituzionale, volta più ad avere mano libera per attuare le proprie strategie piuttosto che tenere in considerazione le istanze sociali.

Il clima intimidatorio che i poteri forti stanno dimostrando a partire dalle gravissime parole del ministro Alfano e dal prefetto Pecoraro rappresentano un attacco politico alla libertà di esercitare e manifestare dissenso su temi come la riforma del mercato del lavoro, le inique e deficitarie politiche abitative, i processi di privatizzazione e la mancanza di una reale redistribuzione della ricchezza.

Per questo crediamo che, nelle prossime settimane, sia necessario mobilitarsi ancora contro l’approvazione del job-act (che entro il 20 maggio verrà convertito in legge), contro il decreto Lupi (conversione entro il 29 maggio) e contro i processi di privatizzazione del decreto "salvaroma". Vorremmo, infatti, discutere collettivamente sulla costruzione di un corteo cittadino, anche come ponte verso il corteo nazionale del 17 maggio contro le privatizzazioni.


Troviamo tutti insieme una dinamica virtuosa per la crescita di reali momenti di accumulazione e costruiamo la minaccia reale per le strade!

Veniteci a trovare
il 24 aprile 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: