Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

CINEMA . UNA RASSEGNA DA GUSTARE @Be Food

segninversi Casina del Principe, Corso Umberto 215, Avellino AV, Italia
Google+

Venerdì 4 Luglio alle ore 21.00

Primo appuntamento della Rassegna Cinemtografica

MANGIARE BERE UOMO DONNA

regia: Ang Lee
Taiwan 1994


“Mangiare bere uomo donna” è un film del 1994 del regista taiwanese Ang Lee (1954).
Nominato all’Oscar al Miglior Film Straniero nel 1995, diverrà nel 2001 il soggetto di uno scadente remake con il titolo “Tortilla Soup”.

Il film è ambientato a Taipei. Si dedica a due fondamentali tematiche, il rapporto genitori figli ed il valore della cucina tradizionale. Quattro personaggi principali, tutti sotto lo stesso tetto, invadono le scene: Chu, il padre vedovo, cuoco d’alta classe in pensione, ha perduto le papille gustative ma non la passione per la cucina; e le tre figlie. La maggiore è di fede cristiana, insegna chimica in un liceo ed è bersagliata con scherzi poco divertenti dagli studenti della classe; la seconda è un’affermata donna d’affari truffata da un’agenzia immobiliare; la più piccola studia e lavora part-time in un fast food. Tutti e quattro i personaggi cambieranno improvvisamente vita.

Per tutta l’estensione del film, mentre si consumano storie di amore e sesso, Chu cucina. Infatti si avrà la possibilità di vedere un centinaio di ricette tradizionali (zuppa di melone, germogli di piselli in salsa d’anatra, anitra laccata, costolette agrodolci, cervo al vapore, ravioli ripieni di granchio…).

Il titolo proviene da un antico proverbio cinese che descrive le necessità della vita.
Chu medita con un amico:
“Mangiare bere uomo donna. Cibo e sesso. Desideri fondamentali dell’uomo. Non se ne può fare a meno, ma è tutto qui? Questa me la chiami vita tu?”

Ang Lee vuole trasportare in video una particolare tipolodia di comunicazione, la famiglia, infatti, comunica attraverso il cibo. I sentimenti non sono espressi con le parole, ma con le pietanze e quindi con l’esaltazione dei sensi.
E’ presente uno scontro tra città e vite che cambiano, la modernità si cancella a tavola con l’antica tradizione culinaria.
Altri registi orientali si son dedicati alla rappresentazione dell’importanza della preparazione di piatti, si può ricordare Tran Anh Hung con “Il profumo della Papaya verde” e con “Cyclo”, un film drammatico contraddistinto da violenza incontrollata e semplicità nella cucina.

Veniteci a trovare
il 4 luglio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: