Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Cinisi ricorda Paolo Borsellino, Emanuela Loi, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli,Claudio Traina, W

Comune Di Cinisi Palermo, Italia
Google+

Il 19 luglio di 22 anni fa si compiva la strage di Via D'Amelio, strage in cui persero la vita Paolo Borsellino e gli uomini della sua scorta: Emanuela Loi, Agostino Catalano, Eddie Walter Cosina, Claudio Traina, Vincenzo Li Muli.
Questo incontro-dibattito si pone come obiettivo quello di mantenere vivo il ricordo di un uomo che, senza farsi sopraffare dalla paura della morte, ha combattuto fino alla fine contro la mafia e di risvegliare gli animi un po' stanchi e un po' cinici di chi non crede più nella speranza di un cambiamento. L'incontro è organizzato da un gruppo di giovani di Cinisi, uno dei luoghi più carichi di significato e di storia legati alla mafia; un paese che ancora troppo spesso sente il peso di questo cancro mafioso che si manifesta in ogni sfaccettatura, senza che si riesca a trovare la possibilità di guarirne. Ecco che organizzare questo evento in questo territorio assume un significato doppiamente importante: si vuole dare un segnale forte di cambiamento,di rottura nei confronti dell'atteggiamento che ha visto i cittadini vivere passivamente la presenza di questo fenomeno e lo si vuole fare attraverso l'impegno dei giovani, che rappresentano la speranza e il futuro della società.
Ricordare Paolo Borsellino è un dovere morale e civico. Dimenticare significherebbe rendere vana la sua morte e quella di chi, come lui, ha speso la propria vita nella lotta alla criminalità organizzata.
Interverrà
• Dott. Domenico Gozzo, procuratore aggiunto presso il Tribunale di Caltanissetta.

Veniteci a trovare
il 16 luglio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: