Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Nell'Arena delle balle di paglia 2014

L'anfiteatro delle balle A Cotignola (RA), dove il fiume Senio incontra il Canale Emiliano Romagnolo, Cotignola RA, Italia
Google+

L'Arena delle balle di paglia di Cotignola torna da giovedì 17 a martedì 22 luglio. Ecco il programma di quest'anno. Vi aspettiamo anche per la raccolta delle balle, sabato 12 luglio.

------------------------------------------------------------------------
SABATO 12 LUGLIO - PRELUDIO. ALL’ALBA IN UN CAMPO DI GRANO
------------------------------------------------------------------------
Alle 5.45 si troviamo all’alba in via Belvedere a Cotignola per raccogliere mille balle di paglia, accompagnati da un concerto di Matteo Penazzi (violino) e Valenzuela Veronica Fabbri (violoncello). Nel sito www.primolacotignola.it trovi la mappa per arrivare.

------------------------------------------------------------------------
GIOVED Ì 17 LUGLIO - INCANTI. INAUGURIAMO L’ARENA CON I RACCONTI
------------------------------------------------------------------------
Alle 19 vi daremo il benvenuto nel "Campo dei nidi e dei sogni", all'ingresso della Carraia di via Cenacchio. Alla golena dei poeti ci sarà "La leggenda della principessa Luna", una fiaba di creature semplici, misteriose e fatate, scritta per i bambini dell’Arena e narrata appositamente per celebrare la nascita della Luna all’Arena delle balle. Un racconto di Tiziana Asirelli, interpretazione scenica di Nello Liverani, accompagnamento musicale di Franco Ferlini.

La nostra inaugurazione continua alle 19.45 nel cortile della Casa Belvedere: da lì partiremo per incontrare i nidi con i loro racconti. Durante il nostro camminare ci accompagneranno lo scrittore Ermanno Cavazzoni con la sua Guida agli animali fantastici, e l’attore Ilario Sirri con un brano de Il poema dei lunatici davanti al pozzo di Casa Belvedere. Incursioni di danza di Giulia Cesari e Carla Rizzu. Ma potete scrivervi la serata in un altro modo.

Alle 22 al Palco dell'Arena il film di Ermanno Cavazzoni "Vacanze al mare".Prodotto da Kiné, Home Movies, Pierrot e la Rosa. Perché la gente va al mare? Perché orde di persone ogni estate si riversano sui litorali italiani per sottoporsi al patimento dell’esposizione solare? Cavazzoni, già sceneggiatore de La voce della Luna di Federico Fellini, ci offre un secolo di vacanze al mare, con un ritratto comico, irresistibile ma sincero, dell’umanità balneare.

------------------------------------------------------------------------
VENERDÌ 18 LUGLIO - RITMO. CON I SUONI MI INVENTO IL MATTINO
------------------------------------------------------------------------
Alle 18.30 aperitivo con il vino delle nostre cantine. Caro Maestro Stefano Zuffi: la Pneumatica Emiliano Romagnola torna a suonare e a raccontare di amore e di pastori, di capitani di ventura e di tradimenti, di corti e di cortili. Qualsiasi musica, ma mai musica qualsiasi, con il vino del tramonto. Omaggio degli allievi al Maestro scomparso, dopo 35 anni di vita in musica.

Alle 19.30 a Casa Belvedere inaugura la mostra "Ös-cia cvânti futugrafèi!". Cinquantotto numeri di Private : racconti e reportage dal mondo. La rivista fotografica internazionale di Oriano Sportelli e Veronique Poczobut, nata in bianco e nero a Cotignola nel 1992, dopo aver viaggiato per 22 anni torna al suo paese natale. Commento critico di Massimiliano Fabbri, con la partecipazione degli autori e degli amici.

Alle 21 alla Golena dei poeti ci sarà "Sciame", azione performativa di suono e danza che si apre e si lascia attraversare, facendosi strumento. Di e con Luigi Berardi e Barbara Zanoni. Un suono arcaico di pietra e voce evoca il canto della regina delle api.

Alle 22 sul Palco dell'Arena il concerto dei Bevano Est. Il Bevano è un fiume romagnolo. Bevano Est è un’area di servizio sull’autostrada, un non-luogo dove si sfiorano pezzi di mondo di ogni genere. Un gruppo “con una attualità che arriva dalla lezione dei maestri contemporanei e una grazia compositiva che lo rende unico” (Mariangela Gualtieri).

A mezzanotte i suonatori di strumenti acustici potranno cantare e suonare ovunque, in giro per l'Arena, mentre nella Sala da balle tre dj set si alterneranno e continueranno fino all'alba (in collaborazione con Sunday Calling). Poi, dalle 6 alle 9, la colazione in musica, con le melodie manouche raccontate dalla fisarmonica di Andrea Robol e dal contrabbasso di Bruno Bonarrigo.

------------------------------------------------------------------------
SABATO 19 LUGLIO - MOVIMENTI. TRA DIVERSE DIREZIONI MI PERDO, MA NON MI SMARRISCO
------------------------------------------------------------------------
Alle 18.30 un concerto con le Rotoballe dei Jean Fabry. “Quella dei Jean Fabry è in una parola musica pop, storta, sfuggevole, acuta ma con lampi di scemenza e sempre percorsa da quell’immaturo senso di amatorialità che la rende longeva” (Federico Savini). Loro sono Antonio Baruzzi (voce e chitarra), Davide Bassi (voce e strumenti di recupero), Paolo Pappi (tastiere). Noi con loro facciamo un aperitivo musicale.

Alle 20.30 alla Casa Belvedere "Cl’étra ca" (l’altra casa): Paolo Gagliardi, con la sua “Piccola Spoon River della Bassa Romagna”, ci racconta di storie a volte sconosciute o troppo spesso dimenticate. La poesia diventa memoria di un territorio.

Alle 21 ti diamo l’occasione di dirigere un’orchestra di musica classica: lungo il Canale Emiliano Romagnolo e con l’orchestra Senzaspine.

Alle 22 sul palco dell'Arena un grande concerto di fiume: Non capita tutti i giorni di vedere un’orchestra di cinquanta giovani musicisti camminare sull’argine di un fiume, tra le carraie dei campi e le persone, per cercare un posto dove eseguire Shéhérazade, l’opera più popolare di Nikolaj Rimskij-Korsakov. È' l’orchestra Senzaspine, perché la musica colta non punge e può essere apprezzata senza pretese. “Siamo un’orchestra con due direttori. Tutti insieme abbiamo 2158 anni, che in media fanno più o meno 27 anni ciascuno. Vogliamo dare a tutti quello che la musica classica ha dato a noi, presentandola in una veste nuova, tutt’altro che antica e difficile da ascoltare”.

------------------------------------------------------------------------
DOMENICA 20 LUGLIO - MUSICA. L’ALFABETO DELLA VITA
------------------------------------------------------------------------
Si comincia alle 20 alla Golena dei poeti con lo spettacolo "Orti insorti - vagabondaggi verdi". Scritto e raccontato da Elena Guerrini. Musica di Gianluca Carta, produzione di Davide Di Pierro. Alcune cose sono successe davvero, altre succederanno... Un viaggio affascinante, dalla Maremma a Pasolini. Piante e parole. Durante lo spettacolo si cucinerà un minestrone con le verdure che sarà offerto al pubblico. A teatro con il baratto. All’ingresso si paga con i prodotti della terra (portate quel che volete): vino, frutta, formaggio, verdure, eccetera in cambio di un’ora di un racconto teatrale.

Alle 21.30 "Variazioni Goldberg": l’Emilia Romagna Festival anche quest’anno fa tappa all’Arena, proponendo il capolavoro di Johann Sebastian Bach, nell’esecuzione di Ramin Bahrami, un emigrante persiano, gigante del pianoforte. Nell’Iran degli ayatollah che hanno vietato la musica, un bambino di sei anni sogna di passeggiare felice in un castello tedesco in compagnia di Johann Sebastian Bach. In un paese in fiamme, assiste sgomento all’arresto del padre, e trema sotto le bombe che cadono su Teheran. Ma ha un suo modo per vincere la paura: suona. E suona Bach. Quel bambino oggi ha trentasei anni, ha studiato al conservatorio in Italia, vive in Germania e si chiama Ramin Bahrami.

Alle 23.15 "Azul, l’azzurro notturno di una ninna nanna": Koro Izutegui, pianista e compositrice basca, con il cuore a San Sebastian, è emigrata in Romagna all’età di 22 anni portandosi dietro il suo pianoforte. Ci offre una buonanotte che spazia tra le varie tonalità dell’azzurro, dal più chiaro e nitido fino all’oscuro blu quasi nero. L’azzurro è il colore più profondo: lo sguardo vi affonda senza incontrare ostacoli e si perde all’infinito.

In caso di maltempo, la serata di domenica 20 luglio sarà rimandata a mercoledì 23 luglio, sempre all’Arena.

------------------------------------------------------------------------
LUNEDÌ 21 LUGLIO - ENERGIE. DALLA TERRA NASCE UN CORO DI PAGLIA
------------------------------------------------------------------------
Alle 18.30 aperitivo di campagna con concerto di ocarina e chitarra con il direttore del Museo delle Ocarine di Budrio Fabio Galliani (ocarine) ed Elio Pugliese (chitarra, fisarmonica). A seguire, alle 19.30, Bronson Produzioni ci porta il banjo e la voce di Sam Amidon dal Vermont, USA, artista folk più unico che raro, per la prima volta in Italia con il suo ultimo lavoro Bright Sunny South.

Alle 20 al Ponte Primola "Ur-Humus", azione performativa sonora ripetuta nel corso della notte con Luigi Berardi e Koro Izutegui. Partecipazione a piccoli gruppi.

Infine, alle 22, "Il Grande Coro delle Balle di Paglia": “Là dove senti cantare, fermati: gli uomini malvagi non hanno canzoni” diceva il grande Leopold Senghor. E noi vogliamo fermarci qui, stasera, tra le balle di paglia a cantare assieme, a far scendere le cante nella nostra anima, a far vibrare la terra al ritmo dei nostri piedi danzanti. I cori di Argenta, Borgo Tossignano, Cotignola, Lugo, Mordano, e i coristi liberi della Bassa si sono fusi nel più grande coro di Romagna, nato con la paglia dell’Arena. Un canto popolare di riscatto, lavoro e amore. Direzione e arrangiamenti di Roberto Bartoli. Una produzione di Primola Cotignola per l’Arena, in collaborazione con CNA Ravenna. Il Grande Coro delle Balle di Paglia fa parte di “What if?” un cartellone di eventi speciali, per immaginare cosa succederebbe in Romagna se Ravenna nel 2019 fosse Capitale Europea della Cultura.


------------------------------------------------------------------------
MARTEDÌ 22 LUGLIO - BALLI. TUTTA LA GIOIA CHE STA IN UN SALUTO
------------------------------------------------------------------------
Alle 19.15 nella Golena dei poeti "La città di balla balla", per bambini grandi e piccini. Primo episodio ispirato a “Il ladro di suoni” di Emanuele Luzzati, con Beatrice Cevolani e Delia Trice; drammaturgia musicale di Sabina Laghi, regia della compagnia teatrale Panda Project. Lettura e bottega artigianale di strumenti musicali.

Per chiudere l'Arena, alle 22 ci sarà invece il gran ballo finale: concerto dei trenta elementi dell’Orchestrona della Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli. Quella musica che ti fa ballare nella comunità dei sognatori.

Al termine ci sarà l’asta delle balle di paglia!


... E INOLTRE:

------------------------------------------------------------------------
L’ARENA DEI BAMBINI
------------------------------------------------------------------------
Tutte le sere dalle 18 alle 20.30 l’Arena e il paesaggio diventano la campagna dei giochi e delle botteghe artigianali:
>> Giovedì 17: facciamo volare i sogni con gli aquiloni dei nostri nonni. Antonio Taglioni insegna ai bambini accompagnati dai nonni a fare gli aquiloni.
>> Venerdì 18, sabato 19 e domenica 20: nel villaggio dei nidi sospesi e degli uccellini in cartapesta, a cura dell’associazione Selvatica, Alice Iaquinta, Gilberto Donati e Cecilia Pirazzini.
>> Lunedì 21: caccia al tesoro di piante, animali e luoghi nascosti del fiume. Sfida a coppie di adulti e bambini.
>> Lunedì 21 e martedì 22: i suoni della terra, con i fischietti di argilla di Fabiano Sportelli.

------------------------------------------------------------------------
RITRATTI NELL’AIA DI PAGLIA
------------------------------------------------------------------------
Daniele Casadio, con l’aiuto di Stefano Tedioli e Alessandro Carnevali, prepara due set fotografici teatrali, in due ex luoghi della Casa Belvedere: nella stalla e nel casone degli attrezzi, per fotografare i volti dell’Arena. Il set sarà proposto tutte le sere a partire dalle 18.

------------------------------------------------------------------------
SEI RACCONTI FOTOGRAFICI.
UNO OGNI SERA NELLA CASA BELVEDERE
------------------------------------------------------------------------
Michele Buda (17), Daniele Casadio (18), Alex Maioli (19), Vincenzo Pioggia (20), Stefano Tedioli (21), Luigi Bartolini (22). Inoltre, tutte le sere, in esposizione la mostra della rivista fotografica Private (presentazione venerdì 18).

------------------------------------------------------------------------
IL CAMPO DEI SOGNI
------------------------------------------------------------------------
Cosa è un sogno se non la capacità di trasformare un luogo normale in un luogo magico? Quest'anno l'Arena è la nostra terra dei sogni.
>> Ci sono i nidi realizzati con le canne e gli alberi di fiume di Oscar Dominguez, Mario “Maginot” Mazzotti,
Marilena Benini e Giulia Cesari.
>> C’è Case private di Michele Giovanazzi e Cristina
Scardovi, l’Alveolo di Luigi Berardi e il video di Lucia
Baldini Les trente-trois noms de dieu.
>> C’è la rotoballa in ceramica di Marco Bravura.
>> C’è il Popolo di passaggio di Atelier 37.2.
>> C’è il villaggio dei nidi di Selvatica.
>> Ci sono le Lune di Primola che camminano sull’argine del Senio.
>> C’è il Sipario che apre e chiude il Campo dei sogni.

------------------------------------------------------------------------
Come ci arrivo?
------------------------------------------------------------------------
A piedi anche dal centro di Cotignola: all’altezza del ponte puoi percorrere l’argine sinistro del Senio fino all’Arena. Con l’auto parcheggi nel campo sportivo di via Cenacchio, poi a piedi o in bicicletta cammini per 1200 metri tra i filari. Puoi percorrere solo la carraia. Portati anche una torcia. Servizio navetta per mobilità ridotta: Tel. 333 4183149 (attivo i giorni dell’arena dalle 18).

------------------------------------------------------------------------
E poi cosa mi date?
------------------------------------------------------------------------
Tutte le sere al Bar delle canne di fiume trovi piadine farcite con salumi, formaggi e verdure, vini di qualità delle Cantine Intesa e della cantina La Sabbiona che gli altri anni non c’erano, una buona birra, couscous caldo di Natura Nuova, macedonia di frutta della tua terra, coltivata dai produttori di Agrintesa. Aperitivi con ascolti musicali.

------------------------------------------------------------------------
Quanto spendo?
------------------------------------------------------------------------
È la nostra raccolta fondi. Noi non ci guadagniamo nulla, ma abbiamo bisogno di te che ci vieni a trovare. La serata inaugurale è a offerta libera. Per tutte le altre serate ti chiediamo un contributo uguale o superiore a 2 euro, esclusi il concerto di Bahrami (12 euro) e il “Grande concerto di fiume”, dove ti chiediamo un contributo di 5 euro. Ingresso libero al termine degli spettacoli.

------------------------------------------------------------------------
Informazioni
------------------------------------------------------------------------
www.primolacotignola.it
info@primolacotignola.it
Tel. 333 4183149 (nei giorni dell'Arena dalle 18 alle 20)
L'iniziativa aderisce alla Rete dei Teatri di Paglia - www.teatrodipaglia.it.

Addetto stampa Matteo Mingazzini, tel 349 3523188

Veniteci a trovare
dal 17 al 22 luglio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: