Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

I pupi del Museo Pitrè

Museo Etnografico Siciliano "Giuseppe Pitrè" Palermo, Italia
Google+

Il Museo Pitrè, straordinaria e unica istituzione culturale della città che conserva un patrimonio di grande pregio e importanza, si avvia a una fase importante di svolta che finalmente lo restituirà alla comunità scientifica internazionale e a cittadini e turisti in una veste definitiva e nel rispetto degli standard di accoglienza e tutela del patrimonio.
Dopo un lungo periodo di degrado e di abbandono, il complesso monumentale che lo ospita è stato negli anni restaurato ed è adesso definitivamente avviato l’iter per la realizzazione del progetto di riallestimento interno. Siamo, insomma, alla fine di un periodo di transizione in cui il museo è stato solo parzialmente fruibile, perché in assenza dell’allestimento definitivo non è stato possibile rendere fruibile l’intero patrimonio in esso custodito. La scelta però è stata chiara: tenere comunque aperto il museo e proporre una serie di mostre tematiche che a rotazione offrissero un ampio saggio delle collezioni ancor oggi in gran parte conservate nei depositi, in attesa del completamento dell’ormai avviato progetto di riallestimento interno. È stata una scelta strategica; perché ha tenuto alta l’attenzione sul museo e perché ha offerto l’occasione di procedere al restauro di parte del patrimonio che poi è stato messo in mostra. In questa direzione si muove anche la mostra Pupi siciliani nelle collezioni del Museo Pitrè, che restituisce alla fruizione un’altra importante testimonianza delle nostre tradizioni.
Il Museo conserva infatti numerosi esemplari di pupi siciliani di fattura palermitana che, sono stati per anni chiusi nelle casse e conservati nei depositi, e che vengono adesso esposti in mostra e sono oggetto di un catalogo e di un video.
Mimmo Cuticchio, il più grande interprete di quella tradizione, ha selezionato venti pupi, tra i più antichi e pregevoli, li ha studiati analizzandone età, autore e provenienza, per ricostruire una sorta di vera e propria “anagrafe” di queste straordinarie forme di arte popolare.
Si tratta del primo step di un più ampio progetto di valorizzazione, che prevede successivamente il restauro completo della serie e il riallestimento, nei locali del Museo, del teatrino d’epoca, dove potrà tornare a rivivere l’epopea dei Paladini di Francia.
Un progetto che, a sua volta, si inserisce in quello generale di riapertura del percorso museale permanente che, ispirandosi al primo allestimento del Cocchiara, lo declini tuttavia nelle forme più adeguate agli attuali standard espositivi e tecnologici.
Un Museo dedicato alle tradizioni che dialoga col futuro, che si rivolge ai cittadini ma anche ai turisti che sempre più numerosi visitano le sue sale, attratti dall’universo affascinante e multiforme di cui i pupi siciliani - patrimonio immateriale dell’Umanità - costituiscono elemento centrale e caratterizzante, ricco di significati simbolici che ci riportano alle radici più profonde della nostra identità culturale.

Francesco Giambrone - Assessore alla Cultura Leoluca Orlando - Sindaco di Palermo.

Veniteci a trovare
dal 10 luglio al 31 agosto 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: