Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Spiagge e mare a Porto Santo Stefano

Porto Santo Stefano GR, Italia
Google+

Porto Santo Stefano è il capoluogo del comune di Monte Argentario, ed è una vera perla che si trova proprio al centro del bacino mediterraneo sulla costa Toscana. 

Oltre a Porto Santo Stefano, ai piedi dell'Argentario si trova anche un altro borgo marinaro, che vale la pena visitare, Porto Ercole.

Calette e spiagge, borghi e piccoli centri storici con fortezze risalenti all'epoca della dominazione spagnola. I Forti di Porto Ercole e la Fortezza di Porto S. Stefano, imponente fortificazione costiera, testimonianze storico-culturali di grande fascino. Panorami mozzafiato da scorgere lungo la strada panoramica di Porto S. Stefano o quella di Porto Ercole.

Arrivati a Porto Santo Stefano, la prima cosa che incontriamo è il cantiere navale, da questo punto possiamo proseguire a piedi lungo il mare attraversando il porto del Valle con gli imbarchi per le isole del Giglio e Giannutri, le imbarcazioni da diporto e la flotta dei pescherecci,

Dopo il porto inizia il Lungomare dei Navigatori, disegnato da Giorgetto Giugiaro, che porta al porticciolo della Pilarella. In questa zona si trova l'Acquario, all'interno del quale è riprodotto l'ambiente marino tipico del mediterraneo, che va assolutamente visitato!

Sul Lungomare potete ammirare lo spettacolo del golfo dell'Argentario che rivolto verso Talamone, altro piccolo borgo di mare che attira moltissime visite per la sua bellezza! Da qui arriviamo in Piazza dei Rioni, affascinante e tappa obbligatoria per chi vuole godere di atmosfera trendy. Qui vi sono infatti numerosi bar e ristorantini con terrazza sul mare, dove trascorrere momenti piacevoli. 

Porto Santo Stefano è particolare nella sua fisionomia anche per la presenza dei vicoli e scalinate del centro storico, che vi portano sino alla Fortezza Spagnola, punto dal quale potrete godere di un panorama incredibilmente bello!

La Fortezza Spagnola

E' visibile già appena entrati in paese, essendo così imponente questa struttura situata in una posizione che domina il paese dall'alto. La sua costruzione si deve agli Spagnoli, che la edificarono per controllare il porto nel XVII secolo. L'edificio è attualmente in ottime condizioni, ed al suo interno si trovano le mostre permanenti Memorie Sommerse e Maestri d'Ascia.

Strada Panoramica

Percorrendo questa strada potrete ammirare paesaggi mozzafiato su mare aperto, paesaggi naturali e sconfinati, resti di edifici del periodo della dominazione spagnola.

Spiaggetta con Villa Romana dei Domizi Enobarbi

In direzione Porto Santo Stefano provenendo da Orbetello verso l'Argentario, passato l'Hotel Villa Domizia, alla fine della salita, potete lasciare la macchina nel piccolo slargo che sia apre alla vostra sinistra, e attraversata la strada potete inoltrarvi tra gli ulivi oltre un cancelletto aperto ed il sentiero che vi porta dritti alla spiaggia.

Sulla sinistra di questa spiaggetta un tempo vi era una imponente villa romana del I sec. a.C. appartenente alla famiglia dei Domizi Enobarbi (famiglia dell'imperatore Nerone). La villa aveva una peschiera per l'allevamento del pesce e cisterne, gallerie, serbatoi, criptoportico con terrazza, piscine termali e strutture portuali. 
Oggi parte della villa romana si trova sul terreno di una villa privata, tuttavia sull'estremità sinistra della spiaggia vedrete le peschiere, semisommerse dal mare. Proseguendo sugli scogli sempre verso sinistra potrete vedere i resti delle cantine, dei magazzini e di alcune gallerie che conducono all'interno della villa.

Immergersi qui ripaga senza dubbio! Con una maschera potete visitare i resti, il fondale è molto basso e vi consente facili immersioni.

Nel 2002 sono stati rinvenuti degli splendidi pavimenti in mosaico che però si trovano nel terreno della villa privata suddetta. Nel 1442 sopra i ruderi romani fu costruita la torre senese di Santa Liberata (allora chiamata Santa Reparata) che nella parte superiore fu distrutta dai tedeschi nel 1944 durante la seconda guerra mondiale, anche questa torre oggi si trova sull'area privata.

Parete per arrampicata Falesia di Capo d'Uomo

Una parete verticale a picco sul mare per chi ama arrampicarsi. La parete è attrezzata per le arrampicate. 

Giocate a polo?

Se il polo vi interessa e volete giocare in questa bellissima zona della Toscana, vi consigliamo una visita in località Le Piane presso l'Argentario Polo Club,  tra Porto Ercole e Porto Santo Stefano. Ogni anno, da maggio a settembre, vengono organizzati tornei cui partecipano giocatori provenienti da tutto il mondo. Il contesto è affascinante, dominato da vigneti ed uliveti, 

Grotte degli Stretti

La grotta di Punta degli Stretti si trova sulla strada che da Orbetello conduce a Porto Santo Stefano, poco dopo il bivio per il convento dei Passionisti. L’ingresso alla grotta è nascosto dalla vegetazione. Nella grotta vi è una temperatura tra i 16 e i 20 gradi.

Si tratta di una cavità carsica scoperta nel 1841 durante i lavori di scavo per la costruzione della via ferroviaria che portava i minerali a Porto Santo Stefano. La grotta si sviluppa orizzontalmente per circa 930 metri, si trova a 5 metri s.l.m. ed ha un dislivello di 3 metri. All'interno della grotta potete ammirare un mondo vero e proprio! Tre laghetti, corsi d’acqua, piccoli canyon, stalattiti e stalagmiti. Tra la fauna che abita la grotta ricordiamo i pipistrelli, insetti come il dolicopode, molluschi, anfibi e una rara anguilla cieca.

È visitabile contattando la Società Naturalistica Speleologica Maremmana avrete una guida e l'attrezzatura speleologica. Tutti possono visitare la grotta, senza alcun problema.

Quali sono le spiagge più belle di Porto Santo Stefano?

A Porto Santo Stefano ci sono molte spiagge, quali sono le più belle e quelle meno frequentate?

Potreste noleggiare un gommone per circumnavigare l’Argentario. In caso contrario, avete altre opzioni:

Spiaggia della Giannella
La Giannella è a nord dell'Argentario, qualche km prima di arrivare a Porto Santo Stefano. La spiaggia è lunga e sabbiosa per la bellezza di circa 8 km! Lungo questo tratto trovate stabilimenti balneari, spiaggia libera, bar e ristoranti in riva al mare.

Per accedere al mare vi sono molti punti di accesso, inoltre questa spiaggia è ideale per praticare molti sport fra cui sport velici e altri tipici. 

Bagni di Domiziano
Spiaggietta di sabbia libera, non attrezzata,  I Bagni di Domiziano detta anche spiaggia Gerini per la presenza della villa dei Marchesi Gerini, si trova lungo la strada che conduce a Porto Santo Stefano. Ma la spiaggia si raggiunge da un sentiero di accesso seminascosto tra gli ulivi.

Anche questa è una spiaggia adatta a tutti grazie al fondale basso. La spiaggia si trova di fronte all'antica dimora dei Domizi Enobarbi, famiglia della Roma imperiale da cui discende l'imperatore Nerone cui abbiamo accennato prima.

La Spiaggia della Feniglia

Istmo sabbioso che collega il promontorio di Ansedonia con le pendici dell'Argentario, che si chiudono attorno a Porto Ercole. E' una bellissima spiaggia di sabbia dorata, selvaggia che si trova all'interno della Riserva Naturale Statale Dune di Feniglia, circondata da pinete, macchia mediterranea, piante rare. Il litorale è lungo chilometri, con zone attrezzate con stabilimenti balneari, parcheggi e bar. Se invece siete alla ricerca di relax e paesaggi particolari dovete inoltrarvi all'interno, lungo il tragitto potete inocntrare animali locali come i daini della Riserva, tortore, gufi e fagiani. Il mare è azzurro, limpido, con fondali sabbiosi e digradanti, ottimo punto dove fare il bagno! La spiaggia è facilmente raggiungibile da Cala Galera, da Porto Ercole o dall'ingresso della Riserva.

La Soda
Verso Porto Santo Stefano, la spiaggia è visibile dalla strada e facilmente accessibile. Divisa in due da un piccolo molo, a destra c'è la spiaggia libera, a sinistra lo stabilimento balneare. La spiaggia è fatta di ciottoli. Di fronte al mare vi sono bar e ristorante. Molto frequantata anche dai sub poco esperti che qui poossono scendere a mare con attrezzatura senza incontrare difficoltà. 

Il Pozzarello

Il Pozzarello si trova nella cala succesiva alla Soda, anche questa spiaggia è formata di piccoli ciottoli e sabbia. L'accesso è facile ed è indicato anche per i portatori di handicap. Anche qui potete trovare uno stabilimento balneare con bar e ristorante, ma la spiaggia è prevalentemente libera.

La Bionda
Caletta che da Porto Santo Stefano si può raggiungere anche a piedi per la caratteristica pianeggiante del tratto. Si passa sotto delle gallerie e alla fine dei tre tunnel trovate questa spiaggetta con gli scogli. La spiaggia è libera e si può raggiungere anche dalla strada che conduce a Porto Santo stefano, prendendo alla fine della baia del Pozzarello, la stradina che costeggia il mare.

La Cantoniera
Spiaggia di piccoli ciottoli e sabbia raggiungibile dal paese Porto Santo Stefano anche a piedi, passando sotto la galleria, che dal 1913 al 1944, consentiva il passaggio del trenino proveniente da Orbetello. L'accesso è adatto anche ai portatori di handicap. Sul lato sinistro troverete la spiaggia libera, mentre a destra lo stabilimento balneare con bar e ristorante. La Cantoniera è una spiaggia allegra e molto frequentata soprattutto nelle ore pomeridiane. La scogliera sulla sinistra è il paradiso dei ragazzini locali, che passano le ore tuffandosi dagli scogli. Nei giorni in cui batte vento di scirocco il mare è particolarmente calmo e cristallino.

Il Moletto
La spiaggietta del Moletto si trova dentro Porto Santo Stefano, sulla sinistra del porticciolo della Pilarella. È molto comoda da raggiungere anche a piedi ed è accessibile anche ai portatori di handicap. La spiaggia libera è piccolissima, ma anche lo stabilimento balneare non è poi così grande. C'è inoltre un bar ed il ristorante proprio in riva al mare. In estate nelle acque di questa spiaggia viene allestito un campo da pallanuoto.

La Caletta
Spiaggia dell'omonimo hotel che si trova proprio alle sue spalle. Anche la caletta si trova dentro il paese di Porto Santo Stefano e risulta di facile accesso per tutti. Quì troverete il bar, lo stabilimento balneare, il ristorante con terrazza sul mare, ed anche un diving center con guide per l'osservazione dei cavallucci marini. Il fondale è subito profondo (ideale per rilassanti nuotate), tuttavia una rientranza artificiale permette anche ai più piccoli di "sguazzare" in tutta tranquillità.


La Cacciarella
Uscendo dal centro abitato di Porto santo Stefano e prendendo la strada panoramica, la prima spiaggia accessibile da terra è la Cacciarella. Da qui in avanti le spiagge non hanno bar ne stabilimenti balneari, gli accessi non sono mai comodissimi, tuttavia sono molto più belle e selvagge. La Cacciarella è piccolissima, formata da sabbia e posizionata tra due scogliere. Bisogna lasciare l'auto lungo la strada panoramica e scendere lungo un ripido sentiero per circa 500 metri. Non scordatevi maschera e boccaglio poiché i fondali sono bellissimi. Sulla scogliera nel lato ad est è situata la Grotta del Turco, l'accesso è seminascosto, ma l'interno della grotta è molto ampio. Una nota leggenda locale ha attribuito il nome a questa grotta: si racconta infatti che qui riuscirono a nascondersi dei pescatori santostefanesi con tutta la barca, scampando così alla cattura dei pirati saraceni, che dopo un lungo inseguimento videro sparire i pescatori tra gli scogli e non riuscirono ad individuare l'accesso della grotta. Segnaliamo infine che su un fondale di 15 mt è posta la statua del Cristo Redentore, segnalata da una targa affissa sugli scogli in superficie.

Cala Grande
Potrete ammirarla dalla strada panoramica, quando dopo una curva vi apparirà in tutta la sua bellezza. È d'obbligo una sosta con foto per tutti i turisti che passano da questa strada. Essendo riparata da molti venti è anche la cala più frequentata dalla imbarcazioni. L'accesso lo individuate sulla destra a metà di un lungo rettilineo dove un sentiero scende in modo abbastanza ripido. Laciate l'auto lungo la strada panoramica, e scendete a piedi lungo il sentiero per circa 500 metri. Dopo i primi 100 metri il sentiero percorre quello che era un antico fosso detto del Cauto, attraverserete quindi una verde e suggestiva macchia composta di lecci ad alto fusto, e pian piano, tra i rami degli alberi, vedrete apparire le limpide acque di questa cala. Il percorso non è molto impegnativo, tuttavia non è adatto ad anziani e bambini molto piccoli. Sono tre le spiagge di questa cala e sono composte da ciottoli. Il fondale è splendido, ottimo quindi per fare snorkeling e rilassanti nuotate.

Cala del Gesso
Cala del Gesso è una delle spiagge più belle dell'Argentario. Per raggiungerla percorrete la strada panoramica fino ad arrivare al km 5.9 subito dopo cala moresca, dove sulla destra prenderete stradina denominata via dei Pionieri. Al termine della discesa lasciate l'auto lungo la strada, attraversate un cancello con passaggio pedonale, e scenderete su un sentiero asfaltato (durante la discesa godrete di panorami mozzafiato) lungo circa 700 metri (il ritorno in salita è sconsigliato nelle ore più calde). Il percorso è faticoso, ma sarete ampiamente ricompensati dalle bellezze di questa cala. La spiaggia è formata da ciottoli molto piccoli e levigati, di fronte si trova l'isolotto dell'Argentarola, mentre sull'estremità della scogliera di destra, si trovano i resti di una torre spagnola del XVI° secolo. La spiaggia è tutta libera, il mare è cristallino.

Cala del Bove
Cala del Bove si trova qualche centinaio di metri più avanti di Cala del Gesso. Il sentiero che porta al mare è percorribile solo a piedi, lungo più o meno 700 metri. Cala del Bove è una scogliera priva di arenile, dove gli scogli sono levigati per potercisi sdraiare. Ideale per fare snorkeling.

Cala Piccola
Per raggiungere Cala Piccola dovrete seguire da Porto Santo stefano le indicazioni per l'Hotel Torre di Cala Piccola. È una piccola spiaggia di ciottoli in cui troverete lo stabilimento balneare dell'Hotel. Qualche centinaio di metri al largo, di fronte alla spiaggia, c'è scoglio del corallo, una secca che da un fondale di circa 45 metri, risale fin quasi in superficie, è un punto di immersione tra i più belli dell'Argentario.

Mar Morto
Il Mar Morto è la cala più selvaggia dell'Argentario raggiungibile via terra. Da Porto S. Stefano prendete la strada del campone, percorrete tutta la salita, superate il bivio per l'Hotel Torre di Cala Piccola, proseguite e al termine di una discesa trovate un bivio dal quale prendete la direzione a sinistra, proseguite per altri 4.3 km e sulla destra della strada troverete un sentiero che porta al mare. Il sentiero è lungo 500 mt. Il nome Mar Morto deriva dalla sua caratteristica barriera di scogli naturale, che forma alle sue spalle delle piscine naturali dove l'acqua è sempre calma. Fondalo incantevoli, si dice siano i più belli dell'Argentario, con varietà di pesci che si possono osservare. In questa zona potete esplorare i dintorni e i fondali.


Le Cannelle
Dopo 700 metri oltre il Mar Morto, sulla destra si trova un cancello automatico con passaggio pedonale, lasciate la macchina e proseguite a piedi per circa 150 metri di strada. Sul lato sinistro della baia si trova a torre spagnola delle Cannelle non visitabile poiché residenza privata. Quì c'è un bar ed uno stabilimento balneare accessibili ai soli soci del residence. La spiaggia è composta da grossi ciottoli e sabbia. 

 

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: