Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Carmelo Sardo presenta il libro “Malerba”

Mondadori Multicenter Via Ruggero Settimo 16, Palermo, Italia
Google+

Intervengono Gaetano Savatteri e Toni Trupia

“Malerba”, erba cattiva: lo chiamavano così a Porto Empedocle, dove è nato nel 1965. La sua storia comincia quando, ragazzino, viene spedito in Germania a lavorare. La Sicilia sembra lontanissima, ma il destino lo richiama. Di passaggio al paese, resta ferito nella strage con cui Cosa Nostra comincia lo sterminio dei suoi parenti per regolare vecchi conti. E presto scopre che a un suo amico è stato affi dato il compito di uccidere anche lui. È il momento di passare al contrattacco, rinunciando a tutto, anche all’amore, per sopravvivere. E la totale sfi ducia nello Stato lo spinge a fare da solo…
Questa è la storia di Giuseppe Grassonelli, arrestato a 26 anni e da allora rinchiuso in carcere senza speranza di uscirne. È condannato per omicidi commessi tra la fi ne degli anni ‘80 e i primi anni ‘90. Nelle sentenze i giudici scrivono che “l’imputato ha ucciso persone che avevano sterminato la sua famiglia”, riconoscendogli di aver agito per vendetta. Grassonelli non ha mai negato la propria colpevolezza né accettato di collaborare con la giustizia, per questo la condanna all’ergastolo ostativo non gli consente di benefi ciare di alcun permesso. Ha passato 15 anni al 41-bis, il cosiddetto carcere duro, di cui 5 in totale isolamento. Per buona condotta, da 6 anni è stato declassato al regime AS1, detenuto di alta pericolosità.
In carcere è entrato semi-analfabeta, oggi è laureato in lettere e filosofi a all’università Federico II di Napoli, con 110 e lode.
Quando ha deciso di raccontare la sua storia, si è affi dato al giornalista siciliano che, fi n da quand’era un giovane cronista, aveva seguito la sua vicenda.

Veniteci a trovare
il 8 settembre 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: