Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

L’Impavida di Emilia

Reggio Emilia Reggio Emilia RE, Italia
Google+

L’impavida, domenica 21 settembre a Gustalla (RE)

Cicloturistica lungo gli argini del Po con biciclette d’altri tempi

Per gli appassionati delle due ruote la passeggiata in libera escursione è l’occasione per conoscere il patrimonio di strade bianche che corrono lungo gli argini di bonifica e le golene del Po a Guastalla, Gualtieri, Boretto, Novellara, Reggiolo e Luzzara. La cicloturistica con biciclette antiche anticipa Piante e animali perduti, in programma a Guastalla (Re) il 27 e 28 settembre

Alla scoperta del Grande fiume in sella a bici d’epoca. Domenica 21 settembre va in scena lungo gli argini del Po, a Guastalla (RE), l’Impavida di Emilia, seconda edizione della cicloturistica con biciclette d’altri tempi che anticipa la manifestazione dedicata alla natura e alla biodiversità Piante e animali perduti, in programma sempre a Guastalla (Re), sabato 27 e domenica 28 settembre. Una passeggiata cicloturistica, in libera escursione, sugli argini del Po con biciclette d’altri tempi guidate da ciclisti anche in abbigliamento vintage, lungo le strade bianche che seguono il Po a Guastalla, Gualtieri, Boretto, Novellara, Reggiolo e Luzzara. Luoghi ricchi di storia nei centri urbani e di suggestivi paesaggi naturalistici di grande valore ecologico che recano i segni architettonici ed idraulici costruiti dalla Bonifica, oggi come ieri, necessari per il territorio, la sicurezza delle aree urbane e per la difesa dalle inondazioni.
Nata da un’idea di Vitaliano Biondi, Giuseppe Alai, Ivan Pavesi e Armando Nocco, L’Impavida di Emilia 2014 è promossa dal Comune di Guastalla in collaborazione con cinque comuni limitrofi: Gualtieri, Boretto, Novellara, Reggiolo, Luzzara e il Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale, con il sostegno del Consorzio del Parmigiano Reggiano e di S.A.Ba.R. spa. Gara non competitiva aperta a tutti, L’Impavida prevede per questa seconda edizione due diversi percorsi: uno di 45 km è adatto a tutti, con oltre il 40% di strade bianche, e tocca i comuni di Guastalla, Gualtieri e Luzzara. L’altro è un percorso di 72 km, di cui il 45% di strade bianche. Attraversa sempre con l’ausilio di un "road-book" nell’ordine i comuni di Guastalla, Gualtieri, Boretto, Novellara, Reggiolo e Luzzara e si snoda anche lungo i suggestivi sentieri del paesaggio della Bonifica, fra idrovore, torrioni, canali, fino alle Valli dello Sculazzo di Novellara.

L’Impavida ammette alla partenza tutti i ciclisti sia con bici moderne che d’epoca, ma premia solo i ciclisti con bici (da corsa su strada costruite prima del 1987) e abbigliamento vintage.

Come Piante e Animali perduti è dedicata alla cultura della tutela della biodiversità e del mondo rurale, così L’Impavida nasce come occasione per valorizzare il patrimonio di strade bianche che corrono lungo gli argini di bonifica e le golene del Po. Far conoscere le strade perdute del Po, significa salvaguardare un paesaggio che testimonia il rapporto secolare di sostenibilità fra civiltà rurale e natura. Molto spesso, infatti, queste strade fanno parte di antichi tratti utilizzati per il pellegrinaggio e il commercio o testimoniano antiche usanze agricole e pastorizie, come la transumanza. Inseguendo fiumi e canali, queste strade permettono di visitare cittadine ricche di testimonianze artistiche in sicurezza e per questo ideali per un turismo slow rivolto a famiglie con bambini, a tranquilli ecoturisti che vogliono coniugare il paesaggio con le bellezze storico-artistiche e culturali all’enogastronomia e calarsi in una realtà che conserva nel tempo le stesse caratteristiche di autenticità e bellezza. Dopo una domenica passata a pedalare capiterà di pensare come affermava Guareschi che: “ In quella fettaccia di terra tra il fiume e l’ monte, possono succedere cose che da altre parti non succedono”.

L’impavida di Emilia è anche l’incontro con i personaggi del ciclismo reggiano e i marchi storici delle biciclette. Inoltre nel centro storico di Guastalla per i collezionisti di biciclette d'epoca e gli appassionati del settore sarà allestito un mercatino del collezionismo specificamente dedicato al mondo della bicicletta e del ciclismo, con pezzi unici, come maglie dei campioni del passato, locandine del Giro d’Italia, ricambi di biciclette di tutti i periodi storici, vecchi campanelli, manifesti e insegne pubblicitarie. Un’occasione unica per trovare pezzi rari da espositori provenienti da varie regioni italiane e dall'estero.
La quota d’iscrizione è 10 €
Il Modulo di partecipazione, il regolamento e la planimetria dei percorsi sono scaricabili dal sito www.impavida.info

Informazioni
L’Impavida di Emilia - Ciclismo d’Epoca
21 settembre 2014
UIT: Informazione e Accoglienza Turistica di Guastalla, strada Gonzaga 37/e, Guastalla (RE). Tel. 0522 839763 uit@comune.guastalla.re.it

www.impavida.info
facebook: Impavida Di Emilia

Vitaliano Biondi Officina di Progettazione
Viale Isonzo, 20 – 42121 Reggio Emilia
Telefono: +39 0522 922111
e-mail: officinavita@gmail.com, vitalianobiondi@libero.it

Veniteci a trovare
il 21 settembre 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: