Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Arto Lindsay@BarezziFestival2014

Teatro Magnani Piazza Verdi, 1, Fidenza PR, Italia
Google+

L’organizzazione del festival annuncia il primo dei grandi artisti ospiti dell’ottava edizione.
Arto Lindsay è nato negli Stati Uniti ma è cresciuto in Brasile. Ha avuto la prima notorietà grazie a un suono propagato nel mondo da una compilation curata da Brian Eno, No New York, che coglieva tutto lo stridore e il fascino nichilista della Grande Mela dei tardi anni settanta, durissimi e bellissimi. Ora è tornato a vivere in Brasile, a Rio de Janeiro.

E’ tra i monumenti di una New York che non esiste più: a fine anni 70 fu fondatore dei DNA, colonne di quella no wave celebrata da Brian Eno (No New York è uno dei quattro o cinque dischi più influenti di sempre (chiedere a Sonic Youth e derivati); abitava, assieme ai vari Lydia Lunch e Jim Jarmusch, nell’allora degradatissimo Lower East Side, era compagno di eccessi di tizi come Amos Poe e Jean-Michel Basquiat, e dalla sua chitarra tirava fuori un suono dissonante e ansiogeno.
Con i DNA, ha profondamente influenzato la scena musicale sperimentale newyorkese e mondiale, contribuendo a formare il movimento No Wave.
Lindsay ha fuso la sua formazione musicale brasiliana, a base di Tropicalismo, Samba e Bossanova, con la no wave e il post punk. Il suo percorso è costellato da tantissime collaborazioni con artisti di diversa estrazione (da John Lurie e Marc Ribot, fino a Ryuichi Sakamoto e, ovviamente, Brian Eno) ed importantissime produzioni musicali (prima tra tutte, Estrangeiro, album di svolta nella carriera artistica di Caetano Veloso, 1989). Tutto ciò, nel corso degli anni, ha contribuito alla creazione di uno stile inconfondibile ed originalissimo.

Lo scorso 20 Maggio ha pubblicato Encyclopedia of Arto, fotografia del mondo musicale da lui creato, un doppio CD che mette insieme le sue diverse anime e la sua sintesi perfetta tra musiche sperimentali e popolari.

prevendite : http://vivaticket.it/index.php?nvpg[evento]&id_evento=1409373

www.artolindsay.com

Veniteci a trovare
il 10 novembre 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: