Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Tim Hecker live @ Basilica di S.Giovanni Maggiore, Napoli

Basilica di San Giovanni Maggiore largo san giovanni maggiore o girolamo giusso, Napoli, Italia
Google+

Mercoledì 24 Settembre ore 20,30
Basilica di S.Giovanni Maggiore
Largo S. Giovanni Maggiore, Napoli


Tim Hecker (Can / Kranky)

presentato da Wakeupandream, Riot studio, Jam Associazione Culturale

in collaborazione con fondazione ordine ingegneri Napoli e l'ordine degli ingegneri di Napoli

Sarà la Basilica di S. Giovanni Maggiore, uno dei più affascinanti complessi architettonici di Napoli, risalente addirittura al 324 dc e restituito alla città nel 2011 dopo un lungo restauro, a ospitare mercoledì 24 settembre il live di Tim Hecker, nome di punta della scena elettronica mondiale. La scelta del luogo non è casuale, muove da una logica di valorizzazione e stimolazione reciproca tra musica e ambiente e mira a innescare processi di amplificazione e potenziamento di senso/i.

Musicista, sound artist e produttore canadese (originario di Vancouver, ora residente a Montréal), Tim Hecker è protagonista da ormai una decade di una ricerca peculiare e innovativa che non ha pari nel mondo dell’elettronica contemporanea. La sua musica, definita “ambient strutturata”, esplora l’intersezione tra rumore, dissonanze e melodie e si nutre di un approccio fisico ed emotivo alla composizione. Più che un nuovo stile, il suo è un nuovo modo d’intendere l’ambient music, un'indagine sonora che smette di soffermarsi sulla forma per concentrarsi sulla percezione. Aspetto tanto più marcato nelle potenti esibizioni dal vivo, paragonate a vere e proprie “cattedrali di musica elettronica”.

Dal 1996 Tim Hecker produce lavori per etichette di riferimento nel campo della sound-art come Kranky, Alien8, Mille Plateaux, Room40, Force Inc, Staalplaat e Fat Cat.
La sua carriera è un crescendo continuo, che culmina con la consacrazione nell’Olimpo della musica contemporanea con la trilogia su Kranky: "Harmony In The Ultraviolet" (2006), "An Imaginary Country" (2009) e, soprattutto, "Ravedeath, 1972" (2011) , disco che ha riscosso il plauso sentito ed unanime della critica, un ragguardevole successo di vendite ed è valso a Hecker il Juno Awards (l’equivalente canadese dei Grammy) per il miglior album elettronico dell’anno (davanti ad artisti come Junior Boys, Austra e Azari & III). Nell'ultimo lavoro, "Virgins" (Kranky, 2013), descritto come un album più arioso e definito, la sua formula riceve un’ulteriore spinta evolutiva in direzione di quel clima, maestoso e spirituale al tempo stesso, già evocato con le imponenti sculture sonore dei suoi predecessori.
In questi anni Tim Hecker è arrivato a collaborare con artisti del calibro di Oneohtrix Point Never, con cui ha realizzato in tandem l’album "Instrumental Tourist" (2012), e Ben Frost, che si è occupato del missaggio del già citato "Ravedeath, 1972".
Tim Hecker lavora anche per compagnie di danza contemporanea, realizza installazioni di sound-art e ha prodotto minimal techno sotto il nome d’arte Jetone.
Le sue performance dal vivo toccano i festival più importanti al mondo, come Sonar, Mutek, Primavera Sound, Victoriaville, Vancouver New Music Festival e Transmediale.


Opening act

Dave Saved live (IT/Gang of Ducks)

____________


Ticket 12 euro
prevendita da Oblomova (via S.Sebastiano 20, Napoli) e online: http://goo.gl/MP2vaH

Info 08119522929 - 3497702287 - 392239456
Info@wakeupandream.net

La Basilica di San Giovanni Maggiorei è rimasta chiusa per 42 anni e la sua presenza caduta nell'oblio. Dal dicembre del 2011 è stata restituita al culto e alla Città di Napoli per volontà dell'arcivescovo Crescenzo Sepe, affidando la struttura alla Fondazione Ordine degli Ingegneri di Napoli presieduta da Luigi Vinci

https://www.facebook.com/pages/Gli-ingegneri-per-la-Basilica-di-S-Giovanni-Maggiore/1432698190296697?fref=n

Veniteci a trovare
il 24 settembre 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: