Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Rosa Barba with Leonor Antunes, Daniel Roth, Ettore Spalletti

Vistamare, Benedetta Spalletti Largo dei frentani 13, Pescara PE, Italia
Google+

La Galleria Vistamare inaugura il 4 ottobre 2014 un’esposizione di Rosa Barba con Leonor Antunes,
Daniel Roth ed Ettore Spalletti.
In occasione della prima mostra complessiva a Vistamare, Barba presenta una selezione di opere,
di cui alcune realizzate espressamente per la galleria. Di queste, tre sono le sue note sculture
filmiche, una è una grande opera in feltro, un’altra un oggetto realizzato con filtri colorati, poi un
lavoro composto di sei grossi calchi di gesso che in superficie rivelano le impronte di migliaia di
lettere di stampo tipografico e infine un nuovo oggetto sonoro.
Il cinema è da sempre il punto di partenza del lavoro di Barba, a prescindere dalla presenza o meno
dei suoi elementi letterali: proiettore, celluloide, schermo. Delle tre sculture filmiche, solo due
proiettano un'immagine – mentre la pellicola della terza, che proietta luce bianca, reca in sé una
colonna sonora ottica.
Attraverso le sue installazioni, Rosa Barba persegue una personalissima esplorazione del cinema e
della sua capacità di essere allo stesso tempo mezzo astratto, un veicolo informativo, e oggetto
materico dalle forme plastiche. In sculture come Focus Puller 2013, l’artista si interroga sul ruolo
dello schermo, che a tratti appare superfluo, e diversamente si rivela aldilà di convenzioni formali
come una superficie che riceve informazioni.
Nel grande lavoro intitolato Sea Sick Passenger 2014, Barba riprende il linguaggio formale già
avviato con i precedenti schermi realizzati in feltro, introducendo al contempo elementi nuovi.
L’ampia tela quadrata invece di scendere dal soffitto, poggia sul pavimento, sollevata lievemente da
terra quel tanto da generare un’ombra. Come altri lavori, anche questo appare di difficile lettura,
costringendo l’osservatore a una sola prospettiva fruibile: quella di guardare verso il basso mentre ci
cammina sopra. Il corpo del lettore viene così introdotto in una sorta di matrice cinematica che mima
il movimento del braccio della macchina da scrivere, col suo scattare avanti e indietro sulla pagina.
Oltre a presentare le proprie opere, Rosa Barba ha invitato tre altri artisti a partecipare alla mostra.
Trova così modo di dialogare, all’interno di un medesimo spazio, con Ettore Spalletti, Daniel Roth e
Leonor Antunes. Ha chiesto a ciascuno di realizzare un’opera partendo dallo spunto fornito da un
oggetto che ha inviato loro o dalla conversazione avuta insieme. Spalletti ha ricevuto degli strumenti
per l’incisione su marmo, barre colorate in argento con punte dorate; con Roth, Rosa Barba ha
discusso dell’interpretazione del paesaggio come oggetto; infine ha consegnato ad Antunes un
barattolo di pigmenti blu. I lavori generati dai reciproci scambi artistici saranno presenti in stanze
differenti per tutta la durata della mostra. Barba non ha in alcun modo influenzato o seguito l’iter
creativo delle singole opere, che penetreranno subitaneamente all’interno dell’esposizione come
‘objets trouvés’.
Rosa Barba (Agrigento, 1972) vive e lavora a Berlino.
Ha studiato presso l’Accademia di Belle Arti di Colonia, in seguito è stata artista residente presso la
Rijksakademie van Beeldende Kunsten di Amsterdam.
Tra le sue ultime mostre personali: CAC Vilnius, Lituania, 2014; MAXXI Museo delle Arti del XXI
secolo, Roma, Italia, 2014; Turner Contemporary, Margate, UK, 2013; Bergen Kunsthall, Norvegia,
2013; Cornerhouse, Manchester, UK, 2013; MUSAC, Castilla y Leon, Spagna, 2013, Jeu de Paume,
Parigi, 2012; Kunsthaus Zürich, Svizzera; 2012; Marfa Book Co, Marfa, Texas, 2012; Contemporary
Art Museum St. Louis, USA, 2012; Fondazione Galleria Civica – Centro di ricerca sulla
contemporaneità di Trento e MART – Museo di arte moderna e contemporanea di Rovereto, Italia,
2011.
Le sue opere sono presenti nelle maggiori collezioni internazionali come la Collezione MAXXI Arte,
Roma, Italia; Collezione FRAC Piemonte, Vercelli, Italia; Hamburger Bahnhof, Berlino; Lemaître
Collection, Londra; Louisiana Museum of Modern Art, Humlebæk, Danimarca; Museo di arte
moderna e contemporanea di Trento e Rovereto, Rovereto; Museo Centro de Arte Reina Sofía,
Madrid, Kunsthaus Zurigo, MACBA Barcellona, Mambo Bologna e la Collezione d’arte
contemporanea della Repubblica Federale Tedesca.
Leonor Antunes (Lisbona, 1972) vive e lavora a Berlino.
Tra le sue ultime mostre: 2014 “a secluded and pleasant land in this land I wish to dwell”, PAMM,
Pérez Art Museum Miami, U.S.A. curata da Tobias Ostrander; 2013 “the last days in
Chimalistac”, Kunsthale Basel, Basilea, Svizzera, curata da Adam Szymczyk; “a linha é tão fina que
o olho apesar de aramado com uma lupa, imagina-a ao invés de ve-la”. Kunsthalle Lissabon,
Lisbona; “RAUMPLAN” Gallery Luisa Strina, San Paolo, Brasile; “the space of the window” artist’s
choice, collezione del Musée d’Art Moderne de la Ville de Paris.
Daniel Roth (1969, Schramberg) vive e lavora a Karlsruhe e Fohrenbühl.
Tra le sue ultime mostre: 2014 “Knochen-Code - Körper erzählen vom Krieg”, Universalmuseum
Joanneum, Graz, Austria; 2013 “Kartograph und Gelände”, Meyer Riegger, Berlino; “Wildwechsel”,
Meyer Riegger, Karlsruhe; 2011 “Meuser, Daniel Roth, Corinne Wasmuht”, Berlino; 2010 “Mamco
Genf/Geneva”, Svizzera; “Frans Hals” Museum De Hallen, Haarlem, NL; Meyer Riegger, Berlino;
2009 Maccarone Inc, New York; “Portmeiron, Gwyllt Woods”, Galerie Fons Welters, Amsterdam.
Ettore Spalletti è nato a Cappelle sul Tavo nel 1940, dove vive.
Mostre personali gli sono state dedicate da istituzioni prestigiose come il Museo di Capodimonte a
Napoli (1999), la Fundaciòn La Caixa di Madrid (2000), l’Henry Moore Institute di Leeds (2005),
l’Accademia di Francia - Villa Medici a Roma (2006), il Museum Kurhaus di Kleve (2009), la Galleria
Nazionale d’Arte Moderna a Roma (2010), il museo MAXXI di Roma, il Museo MADRE di Napoli, la
GAM di Torino (2014). Diverse le partecipazioni a mostre internazionali, tra cui le edizioni VII e IX di
Documenta a Kassel (1982 e 1992) e la XL Biennale(1982), la XLIV Biennale (1993), la XLVI
Biennale (1995), la XLVII Biennale (1997) di Venezia.

Veniteci a trovare
il 4 ottobre 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: