Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

"Mille ricordi amati"

Fondazione Paolo Grassi Via Metastasio 20, Martina Franca TA, Italia
Google+

Sabato 4 ottobre, a dieci anni dalla scomparsa di Rodolfo Celletti, sarà dedicata un’intera giornata al primo direttore artistico del Festival della Valle d‘Itria. L‘annuncio della sua scomparsa, avvenuta dieci anni fa a Milano, venne dato a funerali avvenuti dalla moglie Giovanna, sposata in seconde nozze. In realtà sin da ragazzo Celletti era stato un tipo spavaldo, e glielo si leggeva negli occhi azzurro trasparente. Classe 1917, dopo la laurea in giurisprudenza aveva scelto la carriera militare, prima di diventare dirigente d’azienda alla Motta e (ri)appassionarsi a un amore giovanile, il canto lirico, stavolta con un rigore filologico che gli avrebbe consentito di raggiungere una conoscenza approfondita di ogni minimo dettaglio tecnico di cantanti del presente e del passato. Diventato critico del quotidiano Il globo, di Epoca e altri periodici, e autore di alcune opere fondamentali, tra cui la rivoluzionaria Storia del belcanto, il dizionario Le grandi voci e la monumentale Storia dell’opera italiana, Celletti aveva a poco a poco reinventato il modo di ascoltare (e di cantare) l’opera, spesso manifestando giudizi particolarmente impietosi, soprattutto nei confronti dei protagonisti dello star-system Celletti fece di Martina Franca la culla del belcantismo. E ritrovò un modo di cantare ormai perduto, lanciando nel firmamento del teatro d’Opera interpreti che negli ultimi quarant’anni hanno fatto la storia del canto lirico, Daniela Dessì, Bruno Praticò, Lella Cuberly, Martine Dupuy, Luciana Serra e molti altri ancora.
Dal titolo “Mille ricordi amati” sabato 4 ottobre alle ore 17,00 la Fondazione Paolo Grassi ospiterà il concerto di arie e duetti del repertorio belcantista, con letture, ricordi, approfondimenti con la partecipazione del critico musicale Angelo Foletto.

[ingresso libero]

Veniteci a trovare
il 4 ottobre 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: