Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

GIARDINI DI MIRO' live @ LOCOMOTIV CLUB

LOCOMOTIV CLUB Bologna Via Sebastiano Serlio 25/2, Bologna, Italia
Google+

GIARDINI DI MIRO' live
_________________________________________

> apertura porte ore 21:30
> inizio live ore 22:30
> ingresso TBA
> tessera AICS obbligatoria (8€)

_________________________________________

A due anni di distanza dall'uscita di Good Luck, i Giardini Di Mirò tornano con un nuovo album contenente le musiche originali che prendono ispirazione dal film di Nino Oxilia “Rapsodia Satanica”, realizzato nel 1917 ed interpretato dalla diva del cinema muto Lyda Borelli
Nuovo album a tutti gli effetti quindi e non un progetto speciale, Rapsodia Satanica è un componimento estremamente libero, suonato con un piglio luciferino, dove le componenti tipiche della rapsodia, dell'improvvisazione, della libertà compositiva e delle variazioni ritmiche ed armoniche sembrerebbero promanare da Mefisto in persona.
Lasciatevi trasportare quindi dal volto cereo di Lyda Borelli, seducente musa dell'inizio del XX secolo, dal suo sorriso ammiccante, considerando l'epopea del cinema muto ed il sogno di un arte che sta per nascere.
Tutti questi elementi sono i presupposti che accompagnano il sesto album in studio dei Giardini di Miro'.
"Rapsodia Satanica" è una lunga suite strumentale che riporta in musica la voce di un moderno rapsodo, con il suo canto tra lirismo ed epicità. Le registrazioni fatte per lo più in presa diretta, limitando al massima le sovraincisioni, testimoniano e rafforzano l'intento di dare al suono una terza dimensione, quasi dovesse uscire dal disco ed intrappolare l'ascoltatore.
Per il gruppo non si tratta della prima esperienza di questo tipo; già nel 2009 i Giardini Di Mirò pubblicano "Il Fuoco" contenente le musiche ispirate al film di Giovanni Pastrone anche se la vocazione “cinematografica” della band ha radici profonde: nel 2005 compongono la colonna sonora originale del film "Sangue - la morte non esiste" di Libero de Rienzo con Elio Germano, partecipano con canzoni a diverse pellicole tra cui “Prendimi e portami via” di Tonino Zangardi con Valeria Golino e “Un gioco da Ragazze” di Matteo Rovere.
Ma diversamente delle esperienze precedenti le musiche di “Rapsodia Satanica” introducono nuovi elementi, si sentono influenze blues, sonorità mediterranee e orientali, influenze di musica contemporanea e ambient, il tutto all'interno di quelle trame musicali che caratterizzano il suono dei Giardini di Miro' sospeso tra post rock, elettronica, psichedelia e noise. Un'amalgama sonoro razionale ed epico tra cuore e cervello.
Nel disco suonano Jukka Reverberi (chitarra, basso, elettronica, armonica, voci), Corrado Nuccini (chitarra, elettronica), Emanuele Reverberi (violino, tromba, saz, campane) Luca di Mira (pianoforte, tastiere), Andrea Mancin (batteria) Lorenzo Cattalani (batteria), Mirko Venturelli (basso)
L’album verrà pubblicato in versione CD e Vinile + cd .
Quest’ultima in edizione limitata e numerata a 500 copie con vinile rosso 180gr.




GIARDINI DI MIRO’ – BIOGRAFIA

I Giardini di Mirò provengono dalla provincia reggiana, da Cavriago, che in dialetto si dice “Quariêgh”, un comune di quasi diecimila anime il cui sindaco onorario, dal 1917, è Vladimir Lenin.

La musica del gruppo vive però di influenze anglossassoni, in particolar modo inizialmente si rifà al post rock per arrivare ora ad un suono proprio che è un mix di psichedelia, shoegaze, dream pop, noise, post punk, musica d’autore e molto altro. Dall’uscita del primo album ufficiale del 2001 “Rise And Fall Of Academic Drifting” i Giardini di Mirò sono indicati come un gruppo di riferimento del fenomeno alternative rock italiano anche se la vocazione del gruppo è quella di far parte di una scena più ampia, europea e non solo.

Per questo motivo i GDM calcano con entusiasmo i palchi di mezz’Europa. Dall’uscita del primo album sono otto i tour in Germania, tre in Grecia e sono moltissimi i concerti ovunque in Europa, dalla Svizzera al Belgio, dal Lussemburgo alla Polonia, dalla Spagna alla Norvegia.
E per questo motivo, hanno instaurato rapporti costanti con etichette indipendenti di tutto il mondo (2nd rec, Fictionfriction, Love Boat, Contact, Earsugar, Monopsone, Hausmusik, City Center Office ...), che oltre ai cinque album ufficiali hanno prodotto una miriade di EP, remix, raccolte di inediti.

La formazione comprende Jukka Reverberi (chitarra, voce), Corrado Nuccini (chitarra, voce), Luca Di Mira (tastiere), Mirko Venturelli (basso, clarino, sax) ed Emanuele Reverberi (violino, tromba). Dal 2003 fino al 2011 il batterista del gruppo è stato Francesco Donadello, ora sostituito da Andrea Mancin.
La collaborazione con altri artisti, non solo musicisti, è stata fin dal primo disco una costante stilistica dei GDM che, in questo modo, riescono ad ampliare il proprio progetto artistico a visioni diverse della stessa prospettiva. Sara Lov, Hood, Alessandro Raina, DNTL, Alias, Hermann & Kleine, Styrofoam, Apparat, Piano Magic, Isan, Paul Anderson, Opiate, Yuppie flu, sono solo alcuni degli artisti che negli anni hanno collaborato con il gruppo, anche in modo continuativo.

La storia ufficiale inizia nel 1998 con il primo ep autoprodotto e le prime esibizioni live anche se tutto nasce prima, nel 1995, da una collaborazione fra gli allora compagni d’università Corrado Nuccini e Giuseppe Camuncoli, oggi noto fumettista.

Dopo l'esordio del 1998 con l’ep “Iceberg” e l’omonimo album “Giardini di Mirò” (1999) che li porta alla ribalta della scena rock italiana, è grazie a “Rise And Fall Of Academic Drifting” (2001) che la band di Cavriago trova la definitiva consacrazione nazionale. Un lavoro finemente costruito e armonico in ogni sua componente. Il saper fondere melodia e sonicità in un tutt’uno elettricamente perfetto e sofferente appare, sin dall’ascolto della morriconiana ‘A New Start’, come il vero tratto distintivo del gruppo.

Al momento dell'uscita del successivo “Punk…Not Diet!” (2003), i Giardini di Mirò erano attesi al varco da tutti gli appassionati di musica alternativa made in Italy. E l’attesa è stata ripagata da un disco per certi versi sorprendente. I Giardini di Mirò hanno saputo rinnovarsi senza snaturarsi, hanno intelligentemente allargato i loro orizzonti, abbracciando anche la forma canzone, inserendo parti di elettronica minimale e, soprattutto, servendosi maggiormente del canto. E' di questi tempi l'intensa collaborazione con Alessandro Raina, che successivamente sarà anima di Amor Fou e del progetto solista Casador.

La band ha continuato, quindi, il proprio cammino verso la personale idea di musica e lo ha fatto in maniera convincente, cambiando le carte in tavola e mantenendo sempre una coerenza di fondo con i precedenti lavori. I concerti cominciano ad essere affollati da un sempre crescente pubblico. I Giardini di Mirò iniziano a guardare al di là dei confini italiani ed anche all’estero attirano notevole interesse.

A distanza di tre anni dal fortunato “Punk…Not Diet!”, i Nostri tornano sulle scene con l'Ep “North Atlantic Treaty Of Love” originariamente diviso in due parti (uscito su Lp sempre per 2nd rec.). Tante le cose successe nel frattempo: Alessandro Raina è uscito dal progetto e la sua voce è stata sostituita da quella di Jukka e Corrado, Luca Di Mira ha pubblicato un disco solista a nome Pillow, tra suggestioni glitch e elettronica ambientale, il già citato Corrado Nuccini ha lavorato duro al suo progetto di hip-hop in odor di Anticon e, infine, i Giardini di Mirò sono stati anche impegnati nelle vesti




di produttori per il disco dei Zucchini Drive, duo hip-hop belga che si è avvalso dell'aiuto dei cinque di Cavriago, appunto, oltre che di Markus Acher dei Notwist, Alias, Populos e altri. Novità assoluta: la voce di Jukka Reverberi, tra canto e spoken word , a recitare versi de "L'Otello" di Shakespeare.

L'atteso nuovo lavoro sulla lunga distanza, “Dividing Opinions”, esce nel 2007. E in due minuti (i primi) fa già capire molto: certe cose, ora, Jukka e soci le vogliono dire senza intermediari, c’è l’urgenza di metterci la faccia e vedere l’effetto che fa. Ed è la cosa più lampante, che poi si traduce anche in un impatto sonoro decisamente meno crescente e più controllato: si va subito su di giri per frenare quando il climax viene raggiunto, lasciando spesso nel limbo una chitarra sporca e sola. Una soluzione che funziona e che rende “Dividing Opinions” uno degli episodi più riusciti nella carriera del gruppo.

Nel 2009 esce il nuovo progetto “Il Fuoco”, che nasce come sonorizzazione dell'omonima pellicola del 1915 realizzata da Giovanni Pastrone col contributo di Gabriele D’Annunzio, commissionata al gruppo dal Museo Nazionale del Cinema di Torino. La forza delle immagini del film di partenza unite al forte potere evocativo della sonorizzazione, inizialmente nata per essere un evento live unico, riesce ad infondere nuova ispirazione alla band di Cavriago e “Il Fuoco” assume i contorni di un vero e proprio album sulla lunga distanza: il quarto della discografia.
L’album che ne risulta è strutturato secondo tre grandi movimenti di una possibile sinfonia post-rock, seguendo la dinamica della pellicola che è la storia dell’ossessione di un poeta misconosciuto per una affascinante poetessa. Avvicinamento, contatto, qualcosa di persino tenero: ‘La Favilla’. La breve e dirompente storia d’amore, con quei minuti di gaiezza e di travolgimento: ‘La Vampa’. L’abbandono, la disperazione, l’epilogo da manicomio: ‘La Cenere’.
Da parte della critica la più antiretorica, venusiana, concertante e sconcertante sonorizzazione italica; la migliore, almeno nel decennio 2000. Il tour che accompagna l'uscita del disco ha un notevole successo anche in Europa, e propone la sonorizzazione dal vivo del film, chiudendo un ideale cerchio, partito dal Museo Nazionale del Cinema per arrivare al pubblico di club e teatri che si confronta con un film liberty di quasi cento anni.

A Marzo del 2012 viene pubblicato “Good Luck”, su etichetta Santeria con distribuzione Audioglobe,ottimamente accolto da stampa e pubblico che conferma i Giardini di Mirò come uno dei progetti più consolidati nell’ambito post rock pscichedelico alernative italiano.

Oggi i Giardini di Mirò sono un gruppo di persone unite dalla passione per la musica e dal desiderio di suonare insieme, viaggiano tutti stretti in un furgone per raggiungere i palchi italiani ed europei e dormono in camere doppie o triple a seconda dei luoghi e degli accoppiamenti. La formazione dei Giardini di Mirò conta anche Michele Venturi e Andrea Sologni, rispettivamente navigatore ideologico e sommelier del suono.

[Per la stesura della bio si ringrazia Matteo Lavagna]

DISCOGRAFIA

Album
Rapsodia Satanica (Santeria 2014)
Good Luck (Santeria 2012)
Il Fuoco (Unhip 2009)
Dividing Opinions (Homesleep/2nd Rec 2007)
Punk…Not Diet! (Homesleep/2nd Rec 2003)
Rise And Fall Of Academic Drifting (Homesleep/Fictionfriction 2001)

EP e progetti speciali
Hits For Broken Hearts And Asses (2nd Rec 2005)
The Academic Rise Of Falling Drifters (Homesleep 2002)
North Atlantic Treaty Of Love Part 2 (NATO) (2nd Rec 2006, Vinile 12″)
North Atlantic Treaty Of Love (NATO) (2nd Rec 2006, Vinile 12″)
Earsugar Jukebox (Earsugar 2005, Vinile 7″)
Revolution On Your Pins! (Homesleep/2nd Rec 2003, CD Singolo/3″)
The Soft Touch EP (Homesleep/Contact Record 2002)
Gdm/Deep End (Split con Deep End, Love Boat 2002, Vinile 10″)
10″ Gdm Vs. Pmn (Split With Pimmon, Fictionfriction, Vinile Trasparente 10″)
Iceberg EP (Gammapop/Zum 1999)
Gdm? (CD-R 1998/Fictionfriction 2001)
________________________________________________

Per ulteriori info contattateci su info@locomotivclub.it o al 3480833345

Veniteci a trovare
il 27 novembre 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: