Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Quando il presepe è fatto di culatello

Zibello, Zibello PR, Italia
Google+

Sul grande fiume a Zibello anche Giuseppe Verdi, con le sue opere entra nel presepe. Decine di natività in mostra fino al 6 gennaio.

A Zibello, in provincia di Parma, dove il culatello è decisamente di casa, succede anche questo. Nella terra del “Re dei Salumi”, del resto, non potrebbe essere diversamente. Nel borgo adagiato sulle rive del Po, non è certo l’unica sorpresa di questo singolare Natale 2013.

Anche il Maestro Giuseppe Verdi, infatti, quest’anno, finisce nel presepe, con le sue opere. Duecento anni fa, a Roncole, borgo che da Zibello dista appena una manciata di chilometri, nasceva il celeberrimo musicista e compositore Giuseppe Verdi. E così, due secoli dopo, ecco questa dedica, nell’ambito della mostra “Presepi nella Bassa”, in corso a Zibello fino al 6 gennaio, nella piazza dedicata ad uno dei più grandi personaggi della zona: lo scrittore Giovannino Guareschi, il “papà” di Don Camillo e Peppone.

In omaggio al Cigno di Busseto, al centro della mostra spicca un grande presepe, dedicato alla “Vergine degli Angeli” in cui compare lo stesso maestro. Un’altra natività è invece dedicata alle sue 27 opere.

La mostra comprende decine di composizioni. Ci sono quelle realizzate con i legni del Po (una addirittura in una radice di un albero vecchio di decine di migliaia di anni) e quelle ricavate in vecchie attrezzature e di campagna come botti, lanterne e macchine da cucire. Di spicco poi i presepi che vedono ripresi, fedelmente, i centri storici di borghi del Parmense e del Piacentino, o tipici scorci rurali della pianura emiliana. Una grande composizione simboleggia invece l’incontro tra Oriente e Occidente.

Non mancano i presepi in pietra, così come quelli realizzati con la lava o con la cera d’api o all’interno di un panettone. Ci sono poi quelli più tradizionali, mentre una intera sezione è dedicata a natività provenienti dai cinque continenti.

L’iniziativa è finalizzata a sostenere il progetto umanitario di accoglienza dei bambini saharawi che, ogni anno, si rinnova nel periodo estivo a Zibello.

Quest’anno, per la prima volta, si andrà a sostenere anche l’attività benefica del locale Centro di solidarietà “Il Paradiso”, nell’ambito del progetto “Famiglie Solidali”.

La mostra è aperta tutti i festivi e prefestivi, dalle 14.30 alle 18: fino al 6 gennaio.

 

 

Veniteci a trovare
dal 20 dicembre 2013 al 6 gennaio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: